Pidoni messinesi

Pidoni messinesi, un tradizionale panzerotti tipico dello street food locale, vengono preparati con un impasto non lievitato realizzato con farina, acqua, vino e strutto e farciti con la scarola riccia, la tuma (pecorino fresco), acciughe, alcuni aggiungono dei pezzetti di pomodoro e conditi con sale, olio evo e pepe nero. Tradizione che si rispetti i pidoni vanno fritti in olio caldo e profondo ma nulla vieta una cottura in forno. Negli ultimi tempi si ricorre sempre più spesso ad un impasto lievitato con un aspetto finale più gonfio e la tuma sostituita dalla filante mozzarella o provola ma possiamo dire che non è la stessa cosa. La tuma è un formaggio fresco tipico siciliano, la parola “tuma” indica un grado di stagionatura del pecorino.
Facciamo tesoro delle tradizioni mantenendo i prodotti tipici del luogo, i pitoni messinesi con gli arancini al ragù con la famosa punta (arancine, dalla forma rotonda nella zona di Palermo) o gli arancini con prosciutto e pistacchio e altri cibi tradizionali sono i grandi protagonisti del luogo.

  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8
  • CucinaItaliana
322,61 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 322,61 (Kcal)
  • Carboidrati 30,75 (g) di cui Zuccheri 2,84 (g)
  • Proteine 5,99 (g)
  • Grassi 20,18 (g) di cui saturi 4,28 (g)di cui insaturi 13,78 (g)
  • Fibre 5,62 (g)
  • Sodio 794,51 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti per la preparazione

Impasto
  • 600 gfarina
  • 200 mlacqua (Frizzante)
  • 100 mlvino bianco (Frizzante)
  • 50 gstrutto (o olio)
  • 10 gzucchero
  • 15 gsale
  • 200 mlolio di semi di girasole (Per friggere)

Farcitura

  • 500 gscarola (indivia) (Riccia)
  • 100 gpomodorini
  • 20 gacciughe sott’olio
  • 150 gformaggio (Tuma)
  • 10 gsale
  • q.b.pepe nero
  • 20 mlolio extravergine d’oliva

Preparazione dei “pidoni messinesi”

  1. Su una spianatoia versiamo la farina, praticare una conca interna ed aggiungere lo strutto morbido (tenuto a temperatura ambiente), l’acqua frizzante, il vino bianco, zucchero e sale, impastare fino a formare un impasto ben compatto, sistemare il panetto in ciotola e coprire con pellicola alimentare, tenere a riposo almeno 30 minuti.

  2. Ne frattempo lavare e asciugare bene la scarola riccia, tagliarla a striscioline, cospargere di sale grosso e lasciare a riposo 20 minuti.

  3. Asciugare la verdura. In una ciotola aggiungere la riccia, i pomodorini a pezzetti, le acciughe, la tuma a dadini, olio e pepe, mescolare.

  4. Con la macchina per la pasta ricavare delle sfoglie sottili, su un piano di lavoro infarinato riprodurre un disco di pasta, farcire con la scarola condita e sgocciolata, sigillare bene i bordi formando i classici panzerotti.

  5. Friggere da ambo i lati i pidoni in olio caldo e profondo, fare assorbire l’eccesso di unto su carta assorbente.

  6. I nostri pidoni messinesi sono pronti per essere gustati … una meraviglia

Paola ti consiglia …

… sai che:

– idratazione al 50%

– l’acqua e il vino frizzante aiutano alla formazione delle caratteristiche bollicine nell’impasto

– lo strutto può essere sostituito con dell’olio evo

– conservare in frigorifero in contenitore idoneo e protetto

– buoni anche il giorno dopo

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.