Crea sito

Polenta Taragna

La polenta taragna è un piatto unico diffuso in Valtellina, fatta con farina di grano saraceno. Il termine “taragna” deriva da “tarai” cioè il bastone utilizzato per “tarare”, girare in dialetto valtellinese. La tradizione gastronomica della Valtellina propone l’uso della farina di grano saraceno miscelata con la farina gialla di mais a cui si aggiungono burro e formaggi tipici della Valtellina come il Casera.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 50 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Farina di grano saraceno 500 g
  • formaggio semiduro (Casera della valtellina) 200 g
  • Acqua 2 l
  • Sale grosso q.b.
  • Burro 200 g
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 3 cucchiai
  • Farina di mais giallo 100 g

Preparazione

  1. Portare a bollore l’acqua con l’aggiunta di sale grosso. Miscelare le due farine. A bollore incorporare le farine, operazione che va eseguita lentamente e sempre mescolando per evitare la formazione di grumi. La fiamma deve essere dolce altrimenti attacca sul fondo della pentola. Qualora dovesse servire aggiungere dell’altra acqua.

  2. Nel frattempo dividere il formaggio a pezzi non troppo piccoli. Dopo circa 30 minuti di cottura della taragna aggiungere il burro a tocchetti e integrarlo alla polenta. A 10 minuti dalla fine della cottura aggiungere i pezzetti di Casera della Valtellina e il parmigiano.

  3. Miscelare bene la polenta che dovrà risultare morbida considerando che con il raffreddamento la polenta solidifica. Scegliere di versarla su un largo tagliere o in una capiente zuppiera e servirla accompagnata da carni o salsicce in umido.

    Buon appetito

    Non dimenticare di mettere l’ingrediente principale della vita: l’amore

    Ti potrebbe interessare anche:

    Involtini di petto di pollo grigliati

    Polpette di carne

    Sandwich di melanzana

    Involtini di peperoni

    Involtini di melanzana con bucatini e cacio ricotta

     

Note

… sai che:

  • la giusta quantità di acqua va calibrata strada facendo, ciò dipende dalla fiamma e dall’assorbimento delle farine.
  • utilizzare formaggio semiduro a pezzi
  • la polenta si può scaldare
  • può essere mangiata anche il giorno successivo alla preparazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.