Crea sito

Mafalda

Mafalda, un pane morbido che si distingue per la sua abbondante copertura di semi di sesamo, si presta maggiormente all preparazione di gustosi panini come il più tradizionale “pane cunzato” o con verdure e molto altro. Per molti la parte più divertente è raccogliere i semini dispersi e assaporare questo distinto gusto di sesamo tostato … possiamo definire la “Mafalda” un pane super goloso

  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo18 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la preparazione

  • 600 gFarina di grano duro
  • 400 mlAcqua
  • 7 gLievito di birra fresco
  • 3 gMalto
  • 15 gSale

Strumenti utilizzati

  • Contenitore
  • Spianatoia
  • Carta forno
  • Piatto
  • Leccarda
  • Pennello

Preparazione della “Mafalda”

  1. Pasta di pane ad alta idratazione

    Sciogliere il lievito di birra in 100 ml di acqua tiepida. In un contenitore versare la farina, il malto, praticare una conca centrale e poco alla volta Integrare il lievito disciolto e la restante acqua, salare. Infarinare il piano di lavoro e versare l’impasto, lavorare a lungo la pasta fino a renderla compatta e elastica. Ungere un contenitore adagiarvi il panetto, coprire con pellicola alimentare unta dalla parte rivolta verso l’impasto, fare lievitare 4/5 ore poi riporre in frigorifero per tutta la notte. La mattina seguente estrarre dal frigorifero il contenitore e lasciare ambientare almeno 3 ore prima di operare

  2. Infarinare la spianatoia, adagiarvi l’impasto e con le mani infarinate apritelo formando un rettangolo, poi piegate un lembo e sovrapponete l’altro, ripetere la piega.

  3. Lavorare sempre su piano infarinato. Prelevare circa 150 g di impasto, formare un cordoncino lungo circa 40 cm

  4. Praticare 3 curve, sovrapporre la parte restante

  5. Formare le “mafalde”

  6. In un piatto versare i semini di sasamo, con un pennello da cucina inumidire la superficie del pane e capovolgere la mafalda nei semi di sesamo, posizionare il pane sulla leccarda in modo distanziato, fare lievitare 3 ore in forno con la luce accesa (30 gradi).

  7. Portare il forno a 220 gradi e cuocere 20 minuti poi abbassare a 200 gradi e cuocere altri 20 minuti. Raggiunta la cottura fare raffreddare 30 minuti con lo sportello socchiuso poi adagiare il pane su una gratella a raffreddare completamente

  8. Le nostre mafalde sono pronte per essere servite … successo garantito

Paola ti consiglia …

– la lunga e lenta lievitazione fatta con poco lievito rende la preparazione più digeribile

– lavorare su un piano infarinato

– si può utilizzare anche il sesamo nero

– inumidire bene la superficie del pane per fare aderire al meglio i semi di sesamo

– fare lievitare in modo distanziato

– dall’impasto alla cottura passano circa 20 ore

– conservare per più giorni in contenitore idoneo e protetto

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.