Crea sito

Spaghetti con pesto alla genovese e patate

Cari amici foodlovers, vi scrivo con tantissimo entusiasmo, presentandovi i miei spaghetti con pesto alla genovese e patate. Grata e piena di gioia a causa del vostro seguito, mi sento continuamente stimolata a postarvi nuove ricette, sperando di compiacervi il più possibile.
Oggi ero indecisa se preparare un primo piatto a base di riso o pasta.
Alla fine hanno vinto gli spaghetti.
Ho deciso di prepararli facendoli amalgamare in un bellissimo incontro tra nord e sud.
Difatti li ho conditi utilizzando un gustosissimo pesto fresco alla genovese e delle patate della Sila.
Il risultato è stato eccellente. Una pietanza cremosissima, dal sapore unico.
Seguitemi nella ricetta dettagliata.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Per il pesto alla genovese fresco

  • 1 mazzettoBasilico fresco
  • 1 spicchioAglio
  • Mezzo bicchieriOlio extravergine d’oliva
  • 3 cucchiaiPecorino romano
  • q.b.Pinoli
  • 8Mandorle pelate
  • 1 pizzicoSale
  • Pepe nero

Per gli spaghetti

  • 150 gSpaghetti
  • 2Patate della Sila
  • q.b.burro
  • MezzaCipolla di Tropea
  • 1 bicchierinoVino bianco
  • Sale
  • Pesto alla Genovese
  • 2 foglieBasilico

Strumenti

  • Tritatutto

Preparazione

  1. Amici foodlovers, per cucinare gli spaghetti con pesto alla genovese e patate, dovrete prima di tutto preparare il pesto alla Genovese rigorosamente fresco.

    Se avrete un tritatutto sarà facilissimo. Non dovrete fare altro che mettere le foglie di basilico lavate e asciugate, l’olio extravergine di oliva, i pinoli, le mandorle, il pecorino romano grattugiato, uno spicchio di aglio e a piacere pepe nero e/o peperoncino al suo interno e tritare finemente tutto.

    Dovrete ottenere un pesto denso, cremoso, molto verde e profumato.

    Vi consiglio di non esagerare con l’olio per questa ricetta.

    Dunque terrete il pesto da parte.

  2. A questo punto pelerete due patate rigorosamente della Sila. Io ho scelto di pelarne una grande e una più piccola, poiché preparando per due persone, due patate mi sembravano eccessive e una sola non abbastanza in base alla quantità di pasta decisa.

    Così ho trovato questo compromesso.

    Le laverete per bene e asciugherete con un panno pulito.

  3. A questo punto inizierete a tagliarle in piccoli pezzetti irregolari o se preferite perfettamente cubici.

    Sarà importante che siano tutti piuttosto piccoli e soprattutto quasi della stessa dimensione.

  4. In una padella ampia e antiaderente preparerete un soffritto di mezza cipolla di tropea tagliata finemente.

    La farete appassire con una noce di burro oppure un filo di olio extravergine di oliva e salerete appena.

  5. Nel frattempo in una pentola farete bollire abbondante acqua salata in cui calerete i cubetti di patate della Sila. Le farete cuocere per circa 10/15 minuti e trascorso questo tempo vi calerete insieme anche i vostri spaghetti.

    Dalla pentola inizierete a detrarre diversi cucchiai di acqua di cottura intrisi di amido che passerete nella padella con il soffritto di cipolla.

  6. Non appena la pasta sarà al dente, scolerete il tutto per bene e la salterete insieme alle patate della Sila nella padella con il soffritto di cipolla a fiamma media.

    Dunque sfumerete con un bicchierino di vino bianco e la farete risottare per bene.

  7. Giunti a questo punto abbasserete la fiamma e vi unirete il pesto alla genovese fresco preparato in precedenza, amalgamando il tutto per bene e ornando con qualche foglia di basilico fresca.

  8. I vostri spaghetti saranno davvero cremosi più che mai e gustosi, pronti da essere serviti ben caldi!

    Buon appetito, foodlovers!

    Alla prossima ricetta.

Spaghetti super cremosi con pesto alla genovese fresco fatto in casa e patate della Sila

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.