Crea sito

Pizza napoletana fatta in casa




Cari amici foodlovers, oggi sono davvero troppo felice di postarvi la ricetta perfetta della mia pizza napoletana fatta in casa. Sono dure settimane di quarantena e, in questi giorni di ritiro sociale, mi sono dedicata alla cucina come mai prima d’ora.
Uno dei miei piatti preferiti in assoluto è la PIZZA.

Non avete idea da quanto tempo mi cimento a prepararla in casa.
Chiaramente la pizza casareccia in teglia ha il suo inestimabile fascino, ma da qualche settimana ho scelto di preparare una pizza il più possibile simile a quella che degustiamo nelle nostre pizzerie preferite.
Considerando che non sono una fan dell’asporto, che spesso ci porta in casa tutto fuorché una fumante pizza fragrante, mi sono più che mai decisa a provare personalmente a farla da sola. Non ho voluto rinunciare al piacere di mangiare un prodotto appena sfornato degno di nota.

Non sapete quanti impasti ho sperimentato. Quanti tempi di lievitazione. Fuori dal frigo. Dentro il frigo. Idratata quanto basta. Molto idratata.
Mi sono davvero messa in gioco, studiando di tutto e cercando di avvicinarmi il più possibile al mio ideale di pizza perfetta.
Ho visto tanti video tutorial e letto una decina di ricette diverse.
Ho imparato tanto. La cucina difatti non è solo pratica e tentativi, ma è sorprendentemente tanta teoria. Bisogna imparare da chi sa fare prima di noi e poi fare esperienza, mettendoci tutta la passione necessaria senza demordere mai.
Solo così otterremo finalmente risultati sempre migliori di quelli precedenti. Come li avevamo immaginati e desiderati.

  • DifficoltàAlta
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno 16 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Per l’impasto

  • 320 gFarina 0
  • 200 mlAcqua
  • 4 gLievito di birra fresco
  • 1 cucchiainoMiele
  • 7 gSale
  • 2 cucchiaiOlio extravergine d’oliva

Condimenti

  • 1 confezionePomodori pelati
  • Sale
  • Basilico
  • 2Mozzarelle
  • 2Wurstel
  • 1Uovo
  • Olio extravergine d’oliva
  • Origano

Preparazione

  1. Per preparare la pizza napoletana fatta in casa dovrete armarvi di molta pazienza.

    Io ho potuto constatare che la maturazione in frigo è indispensabile per un risultato davvero leggero e digeribile. Dopo vari tentativi sono giunta alla conclusione che i migliori tempi di maturazione sono quelli che si aggirano intorno le 36 ore. Pertanto se volete davvero mangiare una buona pizza, organizzatevi bene con i tempi.

    Per prima cosa dovrete creare l’impasto. Miscelerete il sale alla vostra farina setacciata e, dopo aver disciolto un cucchiaino di miele e il lievito fresco in acqua tiepida, la unirete alla farina e impasterete per almeno venti minuti molto energicamente, aggiungendo a filo l’olio extravergine di oliva. Una volta ottenuto un panetto molto liscio ed omogeneo, spolverizzerete con un po’ di farina e inizierete a formare delle pieghe per incorporare aria nell’impasto.

  2. Dovrete ripiegare l’impasto su se stesso, prendendone le estremità, ripetendo l’operazione per tutti e quattro i lati.

    Questo vi servirà ad avere una pizza ben alveolata.

    A questo punto ricoprirete per bene la ciotola, dove avrete riposto l’impasto, con della pellicola e lo farete riposare per circa un quarto d’ora. Dunque lo conserverete nella parte più fredda del frigo.

    Qui ve ne dovrete dimenticare per almeno 36 ore… Avrà così inizio il processo di maturazione!

  3. Trascorse circa 36 ore, tirerete l’impasto fuori dal frigo e lo farete lievitare a temperatura ambiente per almeno tre ore, coperto da diversi panni asciutti.

  4. Dunque dividerete in due l’impasto, ripeterete l’operazione delle pieghe e formerete due panetti, che vi serviranno per stendere poi direttamente le vostre pizze.

    Farete lievitare anche quest’ultimi per almeno altre due ore.

  5. La salsa dovrete prepararla prima di fare le pizze, perché dovrà essere completamente fredda.

    Calda potrebbe rovinare l’impasto, quindi fate attenzione e cucinatela a distanza di diverse ore, magari facendola passare pure dal frigo.

    Per un risultato ottimale vi suggerisco di utilizzare esclusivamente pomodori pelati di qualità. Si prestano perfettamente alla pizza napoletana.

    Fate a meno di cipolla e soffritti vari.

    Limitatevi a cuocere i pelati, tagliati per bene in un pentolino, salati e con un filo di olio. La cottura dovrà essere breve. Tipo di dieci minuti o un quarto d’ora, considerando che poi continuerà a cuocere in forno alla massima temperatura.

    Quando sarà ancora calda vi aggiungerete diverse foglie di basilico fresco e le lascerete ad infusione per un bel po’, così da insaporirla per bene. Dopodiché le rimuoverete.

    La mozzarella la affetterete a listarelle o “striscioline” per intenderci. Anche questo passaggio è importante. Affettata troppo grande e spessa potrebbe bagnare la pizza, mentre a cubetti o comunque troppo piccola potrebbe bruciarsi. Tagliata in questo modo evaporerà al punto giusto e rimarrà gustosa e filante. Ovviamente la farete sgocciolare del siero in eccesso.

    Quando i panetti saranno ben gonfi, preriscalderete il forno al massimo in modalità statico o per pizza.

    Io ho cotto le pizze su pietra refrattaria ma potrete anche riporle semplicemente sulla teglia dopo averle stese sulla carta forno.

    Difatti spolverizzerete mani e panetto con un po’ di farina e stenderete a mano libera la pizza sulla carta forno, poggiandovi magari ad un piatto grande per rendervi conto delle dimensioni. Sarà importante non stressare troppo l’impasto.

    Lo allargherete delicatamente e cercherete di non appiattire eccessivamente il cornicione. Stenderete la pizza con dei movimenti, che devono far dilatare la pasta dall’interno verso l’esterno.

    Dunque condirete con qualche cucchiaio di salsa che distribuirete su tutta la pizza delicatamente con un cucchiaio, badando a lasciare lo spazio per il cornicione. Cospargerete di mozzarella affettata (una per pizza è perfetta) e ultimerete con un filo d’olio.

  6. Infornerete la pizza e la farete cuocere per circa 8/10 minuti a seconda della potenza del vostro forno. Una volta sfornata adornerete con del basilico fresco a crudo.

  7. Farete lo stesso con l’altra pizza, che condirete comunque a piacere.

    Io ho usato in più un uovo sodo e due wurstel per una classica 007. Spolverizzando con dell’origano.

    Noterete come i cornicioni delle vostre pizze saranno gonfi, alveolati ma anche fragranti.

  8. Vi sembrerà veramente di mangiare una pizza appena sfornata da una pizzeria e sarà invece solamente la vostra pizza napoletana fatta in casa! Da non crederci.

  9. Oltretutto avendo voi cura di preparare l’impasto e tutto, potrete davvero puntare ai risultati più adatti alle vostre esigenze.

    Queste pizze a lunga maturazione sono state tra le più digeribili e leggere mai mangiate in vita mia.

    Spero vi sia piaciuta questa ricetta, foodlovers! Alla prossima.

Io ho cotto le pizze con la carta forno sulla pietra refrattaria, ma potrete anche cuocerle su ampie teglie e carta forno.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.