Crea sito

Pizza-focaccia homemade

Cari amici foodlovers, anche oggi, nonostante sia segnato rosso sul calendario, io vi scrivo. Quelle come me non hanno ferie. Quindi mi faccio sentire sempre e con molto piacere. Sono reduce di un pranzo da paura in un agriturismo. Abbiamo mangiato benissimo, tantissimo e pagato pochissimo. Certo per raggiungere il posto siamo passati per una strada tortuosa, stretta, angusta e altissima. L’abbiamo percorsa tutta con ansia e con la macchina che andava a passo di formica, ma ne è valsa la pena. Tutto a discapito di chi dice che la qualità si paga, che i posti migliori sono sempre i più cari e blablabla. Non è vero niente. Bisogna davvero solo trovare i posti giusti.

Magari in futuro, amici, farò anche delle recensioni dei migliori posti in cui mangiare fuori. Almeno quelli in cui mi capita di andare e che fanno davvero breccia nel mio cuore, nella mia gola e nella mia pancia. Che bello mangiare, accipicchia, soprattutto in buona compagnia. Siete d’accordo?

Comunque, oggi, come avrete ben capito non ho cucinato, mi sono rilassata al massimo. Premetto pure che stasera andrò a letto con una tisana digestiva al finocchio. Dunque di cosa vi parlerò?

Vi posterò la mia focaccia preparata l’altro ieri. Una pizza-focaccia, che potrete prendere come spunto per le vostre preparazioni homemade. Nello specifico per realizzarla ho utilizzato le migliori farine. La classica farina zero per pane e pizza e quella di grano tenero integrale, miscelate equamente. Sale, lievito fresco, acqua tiepida. Ho impastato tutto a mano molto energicamente per 15 minuti. Lievitazione di tre ore. Stesura nelle teglie con dell’olio extravergine di oliva e via con i condimenti. Olive nere, cipolla rossa, ciliegino, pecorino romano e pioggia di abbondante origano. Ancora olio e si inforna a 250° per 15 minuti.

Risultato? Una focaccia squisita. Buonissima pure il giorno dopo. Provare per credere. Spero vi sia piaciuto l’abbinamento di questi ingredienti. Sono certa ne apprezzerete la fragranza, il gusto e la leggerezza. Alla prossima, foodlovers!