Crea sito

ULTIMA CAPONATA D’INVERNO

Il mio fruttivendolo di fiducia mi ha informata al telefono che di carciofi non ne aveva. Infatti da due mesi la spesa la si fa al telefono. ‘Ma come, neanche un carciofo?’ ho chiesto io. E allora si è lasciato strappare che, sì, ne aveva alcuni, ma non garantiva nulla: erano gli ultimi della stagione! ‘Mettimeli da parte, grazie!’ ho riposto io.
Mi rendo conto che, cimentarmi con le ricette del Sud può essere pericoloso e forse controproducente, sopratutto se, le ricette della tradizione, vengono interpretate in chiave leggera, ma voglio ugualmente provarci.
Ecco la mia ultima caponata d’inverno!
Sempre a base di carciofi puoi provare la tatin di carciofi e prosciutto di Praga https://blog.giallozafferano.it/cucinaatintaunita/tatin-ai-carciofi-e-prosciutto-di-praga/ricette-di-colore-verde/cucinaatintaunita/

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

INGREDIENTI PER L’ULTIMA CAPONATA D’INVERNO

  • 6Carciofi
  • 1Cipolla bianca
  • 1 costaSedani
  • 300 gPomodori pelati
  • 100 gOlive
  • 6 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiaiCapperi sotto sale
  • 100 mlAceto
  • 1 cucchiainoZucchero
  • 2 cucchiaiPinoli
  • Basilico

Preparazione

PREPARAZIONE DELL’ULTIMA CAPONATA D’INVERNO
  1. Pulisci i carciofi eliminando le foglie esterne più dure fino ad arrivare al cuore dell’ortaggio. Elimina anche la barba interna e taglia ogni cuore in 4-6 pezzi. Se il gambo è bello carnoso elimina la parte esterna dura con un coltello e taglia a pezzetti.

  2. Cuoci i carciofi con 1 cucchiaio di olio per un paio di minuti a fiamma vivace. Abbassa al minimo la fiamma e continua la cottura per 12-15 minuti fino a quando cominciano ad essere teneri. Aggiungi un goccio d’acqua se serve.

    Affetta la cipolla e taglia a rondelle il sedano. Fai cuocere in un cucchiaio d’olio, aggiungi il pomodoro e prosegui la cottura per 12 minuti.

  3. Quindi aggiungi, lo zucchero, l’aceto, le olive, alcune foglie di basilico sminuzzate e i capperi dissalati e prosegui la cottura per un paio di minuti a fiamma vivace.

    Versa la salsa sui carciofi, aggiungi l’olio rimasto.

  4. Mescola delicatamente e metti da parte per alcune ore. Servi con foglioline di basilico fresco.

    Completa con pinoli tostati e foglie di basilico fresche prima di servire.

Note

Se hai provato la ricetta dell’ultima caponata d’inverno lascia un commento. Puoi assaggiare altri piatti a base di verdure in questo blog. I peperoni alla pizzaiola di Miriam per la ricetta clicca QUI https://blog.giallozafferano.it/cucinaatintaunita/peperoni-alla-pizzaiola-di-miriam/ricette-di-colore-giallo/cucinaatintaunita/. Il contorno dell’orto, per la ricetta clicca QUI https://blog.giallozafferano.it/cucinaatintaunita/contorno-dellorto/ricette-multicolor/cucinaatintaunita/.

Per un altro contorno a base di carciofi prova i carciofi in teglia di Bruna per la ricetta clicca QUI https://blog.giallozafferano.it/cucinaatintaunita/carciofi-in-teglia-di-bruna/ricette-di-colore-verde/cucinaatintaunita/.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Marianna Maraga è una creativa prestata, forse per sbaglio, alla pubblica amministrazione. I colori e la loro coordinazione armonica sono la cifra stilistica di tutti i suoi progetti, dalla semina dell'orto, al knit design, passando per l'arredamento, la sartoria e la cucina, da sempre, sua grande passione. Questo blog nasce da un progetto incompiuto: la creazione di una raccolta di ricette con menu monocolore che si intitolava appunto 'Cucinaatintaunita'. Per questo le ricette sono archiviate innanzitutto per colore. Marianna vive nelle Dolomiti con la sua famiglia, un marito, un adorabile bambino e una comunità di amici sempre presenti ai suoi inviti a cena. Adora il rosso. https://www.facebook.com/cucinaatintaunita https://twitter.com/MaragaMarianna https://www.instagram.com/cucinaatintaunita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.