Ricette con il miglio raccolta

Ricette con il miglio raccolta – il cereale dell’energia

E’ venuto il momento di raccogliere in un unico post le ricette con il miglio presenti nel blog. Le prime parole su questo cereale sorprendente sono quelle di Vandana Shiva:

 

Ricette con il miglio raccolta

 

„Il miglio, che è molto più nutriente del riso e del frumento, ha bisogno solo tra i 200 e i 300 millimetri d’acqua, rispetto ai 2.500 previsti per la coltivazione del riso [… ]. L’India potrebbe produrre quattro volte la quantità di cibo attuale se coltivasse in modo più esteso il miglio.“
vandana-shiva

 

Miglio Panicum miliaceum, L cereale coltivato sin dalla Preistoria,conosciuto ancora nel Neolitico in India. Consumato dai Sumeri e poi dagli antichi Romani, i quali esattori  scrivono:

«Per oltre 100 anni conservasi il miglio per affermazione di Varrone quando ripongasi in pozzi chiusi»,

Si riteneva fosse il cereale migliore per sostituire la carne quando con l’astinenza era vietata dalla Chiesa.

Piano piano ci fu il suo declino ma fu proprio grazie al miglio che i Veneziani nel 1378 assediati dai Genovesi, riuscirono a non morire per fame.  Grazie al miglio infatti che si conserva per lunghissimo tempo.

miglio

Per secoli la polentina di miglio fu usatissima in tutta l’Italia Settentrionale, Veneto Lombardia e Trentino Alto Adige ne facevano grande uso.

Il suo chicco è ricco di amido, ma anche di minerali importanti come il ferro, il magnesio, il fosforo ed il silicio.
Ricco inoltre di vitamine del gruppo A e B è un ottimo prodotto di bellezza per pelle, capelli e unghie che ne traggono grande giovamento, infatti, nelle popolazioni che ne fanno un largo uso, gli uomini e le donne hanno capelli lucenti ed unghie forti e resistenti.

E’ in assoluto il cereale più digeribile, si cucina in fretta, è adatto anche ai bimbi, energetico, ed  anche il cereale più alcalino.

Come cuocere il miglio alla perfezione:

Prima accortezza indispensabile per gustare al meglio questo cereale è lavarlo molto bene finchè l’acqua risulta bella limpida, poi si può asciugare o lasciandolo 15 minuti a scolare oppure se si ha fretta tamponare tra due fogli di carta da cucina. Tostare qualche minuto prima di cuocerlo per assorbimento sempre se avete tempo lo rende ancora più saporito.

Da cuocere per assorbimento rapporto 1:2,5 per circa 25 minuti. Facciamo chiarezza. 1:2,5 è il rapporto volume, perciò per una tazza di miglio ci vogliono due tazze e mezza di acqua.

Se calcolate il tempo da quando gettate il miglio nell’acqua fredda sono 25 minuti circa,  se lo calcolate da quando l’acqua bolle sono cica 20 minuti. Naturalmente poi dipende anche dal tipo di miglio, ma è una regola generale.

Attenzione che il miglio tende ad attaccare al fondo della pentol perciò controllate l’assorbimento dell’acqua, al limite aggiungetene. Ogni tanto va mescolato altrimenti i chicchi in suerficie tendono a restare più croccanti.

Si presta poi per creme, sformati, polpette, tortini. Esiste anche la versione integrale del miglio e cioè il miglio bruno, meno usato e a volte introvabile ma naturalmente ancora più ricco di nutrienti. Il miglio bruno è opportuno metterlo a bagno due o tre ore prima di cuocerlo nel triplo della sua acqua per 30 minuti circa. Resta comunque croccantino.

Una colazione speciale? La crema di miglio decorticato ai datteri con nocciole tostate e un pochina di confettura, una delizia.

Tante tante ricette allora per imparare a consumare spesso questo cereale importantissimo, dal sapore delicato e perciò versatile in tante preparazioni sia dolci che salate.

Ricette con il miglio raccolta

Seguim iin Facebook, in Timo e lenticchie,  in Instagram su Twitter o Pinterest

 

Precedente Risotto ai porcini e Castelgrotta De.Co Successivo Crostata senza glutine alle mandorle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.