Il grano saraceno storia e proprietà del cereale

Siamo arrivati all’appuntamento mensile con i cereali. Oggi è la volta del grano saraceno storia e proprietà, si non è esatto chiamarlo cereale perché esattamente un cereale non lo è. Non fa parte infatti delle graminacee ma delle poligonacee.

Grano saraceno in fiore

Per cui assieme ad amaranto, quinoa, è opportuno chiamarlo pseudo cereale. Il suo nome scientifico fagopyros significa faggio frumento. Il suo piccolo seme è simpaticissimo con a sua forma triangolare.

Prima della raccolta il grano saraceno va essiccato, il suo ciclo di maturazione va dalla primavera/estate. Ama al massimo una temperatura di 20 gradi per quello cresce meglio in zone a clima mite e in montagna.

Da dove arriva l grano saraceno?

Il grano saraceno detto anche grano nero arriva dal Nord Europa e dell’Asia. Dal decimo secolo coltivato in Siberia, in Cina  e in Manciuria, si diffuse poi in Europa e in Russia, in India e Turchia.

Arrivò in Europa nel Medioevo sulle coste del Mar Nero. Pima in Germania dove veniva chiamato grano dei pagani e poi in Italia nella zona della Valtellina dove era chiamato formentone.

Cosa contiene il grano saraceno? proprieta’

La bellezza del grano saraceno è che pur non essendo un cereale ne contiene tutte le proprietà, in più non avendo gliadine del glutine è consigliatissimo nelle intolleranze o celiachie.

La bellezza del grano saraceno è che pur non essendo un cereale ne contiene tutte le proprietà, in più non avendo gliadine del glutine è consigliatissimo nelle intolleranze o celiachie.

Ricco di tutti gli amminoacidi essenziali come la lisina, treonina e triptofano, ricco di vitamine come quelle del gruppo B e E, anche la vitamina P (rutina) che mantiene elastici i tessuti dei vasi sanguigni. Contiene inoltre vari minerali come fosforo, magnesio, zinco, calcio e ferro. Fornisce energia e vigore adattissimo agli sportivi. Con i suoi preziosi flavonoidi tiene basso il colesterolo cattivo, con il suo magnesio, riduce il rischio di diabete, infatti il suo indice glicemico è pari a 54, molto basso.

Il grano saraceno con il suo alto valore in proteine è molto consigliato in convalescenza o deperimento fisico.

Prendere il chicco integrale di grano saraceno e trasformarlo in farina grazie a Faribon 600 da la possibilità di usufruire di tutti i suoi preziosi elementi freschi.  

La macrobiotica lo associa all’energia dei reni, ottimo associato con azuki, essendo un pseudo cereale riscaldante abbastanza yang meglio usarlo in autunno/inverno.

Il grano saraceno storia e proprietà

COME SI CUCINA IL GRANO SARACENO?

Proprio perché coltivato in montagna è ideale per ricette montanare come la torta di grano saraceno, le frolle, ma anche i pizzocheri, la polenta, ricordiamo che le crepe bretonne sono fatte proprio con il grano saraceno.
Molto usato anche in Giappone, ricordiamo che i famosi soba giapponesi sono di grano saraceno.

grano saraceno e carciofi


Il grano saraceno storia e proprietà

Il grano saraceno come tutti gli altri cereali va in primis ben lavato sotto l’acqua corrente. Asciugato e tostato qualche minuto e poi unito al doppio del suo peso in acqua. Cuoce in circa 30 minuti a fiamma bassa fino ad assorbire i liquidi.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo.
Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest o Youtube o iscriverti al canale Telegram

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre idee tra le mie ricette.
Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette iscriviti alla newsletter.

Mi farebbe molto piacere se volessi lasciare un commento su che ne pensi di questa ricetta, trovi lo spazio in fondo all’articolo.
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timoelenticchie di Daniela Boscariol


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.