Crea sito

Il Veneto e i suoi fagioli

Il Veneto e i suoi fagioli

In questi giorni si parla di cultura del cibo nel  Gran Tour del Veneto a cui partecipo  in collaborazione con  le colleghe di AIFB. associazione italiana food blogger.

Mi sto rendendo conto ancor di più,  quanta storia, quanta tradizione, quanta ricchezza culinaria ospita il mio Veneto.  Regione che sa offrire piatti ricchissimi con ingredienti poveri provenienti da cultivar anche molto antiche.

In Veneto si mangia riso, pasta, ortaggi e fagioli e oggi voglio parlare proprio di questi ultimi  (se volete saperne ancora di più, cliccando su ogni foto arrivate ai relativi approfondimenti)

Il fagiolo cosidetto moderno (genere Phaseolus) arrivò da noi dopo la conquista dell’America e le prime notizie risalgono in Europa all’incirca verso il 1530/40.

In Italia fu Papa Clemente VII a promuoverne la coltivazione, e fu proprio nel 1529 che lo stesso Papa donò un sacco di semi provenienti dalla corte spagnola di Carlo V a Giovanni Pierio Valeriano, che studiò e visse alla corte papale negli anni a cavallo tra il 1400 e il 1500, canonico bellunese che si interessava di botanica.  Da qui deriva il famoso e unico Fagiolo di Lamon ed è per questo motivo che due delle quattro  varietà di chiamano Spagnol o Spagnolet.

Il Veneto e i suoi fagioli, il fagiolo di Lamon

Fagiolo che viene coltivato unicamente nel territorio bellunese di Lamon e Sovramonte. Attenzione a pensare che tutti i fagioli di Lamon che gustiamo siano i veri fagioli di Lamon. Tiziana Penco del consorzio di tutela del fagiolo di Lamon mi spiegava  che è una questione annosa il nome con cui indicare questo fagiolo. Questione che risale a molti anni fa quando  con soli tre mesi di anticipo la Tacher, azienda sementiera olandese, soffiò al Consorzio l’etichetta “Borlotto Lamon”, obbligandolo a trovare un nome diverso. Perciò se nella vostra confezione è scritto  borlotto di Lamon, non state acquistando  l’ originale.  Il vero fagiolo di Lamon ha ottenuto  nel 1996  la certificazione Igp( Indicazione geografica tipica) che garantisce la provenienza della materia prima da un territorio di produzione circoscritto.

La pasta e fasoi con i Lamon è la fine del mondo,i fagioli di Lamon in salsa sono qui da noi molto graditi e anche una buona zuppetta solo di fagioli di Lamon  magari con le nocciole è un vero confort food.

Tornando alla storia, dobbiamo però arrivare al 1700 perché finalmente i fagioli americani diventino veramente importanti per l’alimentazione delle nostre zone. Purtroppo si credeva che  il prodotto secco fosse  scarsamente digeribile. Inoltre esistevano già tanti legumi usati in Italia come le fave, i ceci, le lenticchie, le cicerchie, i lupini e i piselli.

Sono proprio i fagioli del Feltrino che nella piana di Lamon soppiantarono la cultura tradizionale dei piselli. Già a metà del 1800 nel feltrino si esportavano i due terzi del prodotto, diventando questo legume,  motore dell’economia locale.

Quali varietà di legumi si coltivavano in Veneto nel secolo scorso?

Blu, Borlotto, Diavolóni, Fasóla, Gialèt , Gnòchi, de Lamon (ulteriormente distinto nelle altre varietà che verranno citate), Madrìna, Mama, da l’òjo, da l’òro, del Papa, de Pósina, Scalda o Scaldafèro, Scarpari (fagioli da seme), Cornéte o téghe Cornéte, Slandróne, Stringhe (fagiolini da baccello).

Parlando di fagioli, oltre al fagiolo di Lamon che vanta anche  il marchio IGP (indicazione geografica protetta), l’attestato di tipicità è per:  il fagiolo Scalda e la Fasóla posenàta di Posina (VI), il Borlotto nano di Levada e il fagiolino “Meraviglia di Venezia”,

Conosciamo altre  due eccellenze di Phaseolus  i Fagioli Mame d’Alpago e  i fagioli Gialet.

Il Veneto e i suoi fagioli: Il fagiolo Mame d’Alpago

Ii fagiolo Mame d’Alpago  è un fagiolo tipico di piccole dimensioni coltivato esclusivamente nel territorio dell’Alpago. La caratteristica di questo fagiolo sta nella sua buccia: sottilissima.
Un fagiolo dal sapore delicatissimo che ben si presta a molte ricette, ideale per creme di fagioli. Con il suo colore nocciola chiaro leggermente schiacciato differisce dal Gialet anche se si assomigliano nel colore. Con il Mame d’Alpago si prepara la tipica Bagozia chiamata anche Patora. Nella mia foto qui di seguito,  potete proprio notare che i Mame d’Alpago sono un pochino piatti rispetto ai gialet e anche leggermente più grandi.

fagioli mame d'Alpago

Il Veneto e i suoi fagioli: Il fagiolo Gialet

Gialet il fagiolo dei signori: Chiamato anche fasoi biso o solferino è una delle specie più pregiate della Val Belluna e presidio Slow Food.

Dobbiamo molto ai fagioli perchè a  quel tempo perchè permisero alla popolazione di combattere la pellagra e le carestie che in Veneto imperversavano.  Il  fagiolo Gialet però non era destinato ai povericome si potrebbe pensare,  ma partiva per il Vaticano o venduto ai signori di Padova e Verona. La sua caratteristica come il Mame D’Alpago è la buccia finissima, ma al contrario dell’altro è tondeggiante e piccolino.

Ottimo nelle zuppe per il suo sapore molto delicato, vedete che belli piccolini, tondi e lucidi sono? Sembrano perle.

Per gli approfondimenti sulla zona dei fagioli bellunesi interessante l’articolo La provincia di Belluno storie di fagioli e culture antiche

Il Veneto e i suoi fagioli: la fasola del Papa o DIavoloni

Non posso tralasciare di parlare di un fagiolo particolare del vicentino a cui sono affezionata, Fagioli ‘Diavoloni’ chiamati così qui in Veneto perchè hanno un colore nero con fiammate rosse come il fuoco.
Phaseolus coccineus, è invece il vero nome di questo fagiolo introdotto in Europa nel 1633, coltivato dapprima come specie ornamentale e solo un secolo dopo per l’alimentazione umana.
Qui da noi sono rinomati quelli di Posina comune del Vicentino, tanto da avere la denominazione DE.CO , viene chiamato anche la Fasola del diavolo o fasola posenada (da Posina)
In inglese questi fagioli vengono invece chiamati Scarlet Runner, “corridore scarlatto”, –riferendosi alla pianta, capace di crescere oltre i quattro metri di altezza, scarlet per il suo meraviglioso fiore rosso.

Una ricetta con la fasola o fagiolo del papa di Posina?  Le polpette di fagioli del papa e riso nero al curry

 

Perchè decanto così tanto i fagioli e legumi in genere? Vi lascio qualche articolo se avete voglia di saperlo:

Fagioli fagiolini legumi della salute

La cottura dei legumi

Zuppe minestre e vellutate con legumi

 

Se vuoi tornare alla HOME PAGE per  cercare nuove idee per i tuoi piatti

Se ti va lascia un commento sull’apposito spazio qui sotto

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timoelenticchie

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.