Crea sito

Vegan insalata russa veloce

Ma quanto buona è la Vegan insalata russa veloce? Leggera leggera, la differenza non si sente proprio.

vegan insalata russa veloce 3

Da dove arriva l’insalata russa? Storia e curiosità

Io ho provato a cercare notizie in rete, ma mi sono persa nel capire dove è nata, perchè quella russa mi sembra fosse tutt’altra cosa, con carni, salsicce….no, non è questa.

Forse francese quando invasero la Russia? Può essere! Naturalmente a me piace di più la terza ipotesi, quella dell’origine italiana, quando durante il rinascimento probabilmente  Caterina De’ Medici la portò oltralpe, assieme a tante altre ricette come per esempio la Carabaccia 

Forse la più attendibile, la fonte piemontese che racconta che il piatto sarebbe stato inventato dal cuoco di corte dei Savoia, in occasione della visita dello zar in Italia, alla fine dell’Ottocento.

Il piatto sarebbe stato preparato con prodotti comunemente coltivati in Russia come le carote e soprattutto le patate.

La ricetta non prevedeva l’uso della maionese ma della panna, che voleva rappresentare la neve, tipica del clima russo.

Lo zar avrebbe poi portato con sé la ricetta e il piatto sarebbe divenuto rapidamente molto noto. In effetti, in Francia si chiama “Insalata piemontese”, una variante dell’insalata russa che prevede l’uso di pomodori freschi

Successivamente, secondo questa versione, si sarebbe diffusa anche in Europa ma modificata con l’uso della maionese al posto della panna.

Io però oggi ho preparato la mia versione, quella senza uovo e latte vaccino, più leggera, solo con olio di mais, latte di soia, succo di limone, senape e verdure.

questa vegan insalata russa veloce è preparata con  una maionese vegana

Vegan insalata russa velocevega e gluten

vegan insalata russa veloce 2Ingredienti per una terrina da 12 cm.

Per la maionese:

  • 100 g di latte di soia italiana no ogm
  • 150 g di olio di mais bio
  • succo di mezzo limone
  • 2 cucchiaini di bio senape
  • 2 pizzichi di sale
  • un pizzico di curcuma

Verdure:

  • 2 patate piccole
  • 2 carote
  • una bella manciata di piselli

Preparazione:

  1. Pesate l’olio e preparatelo in un bicchiere.
  2. Versate nel boccale del frullatore ad immersione il latte a temperatura ambiente e fate inglobare l’aria con movimenti dall’alto al basso.
  3. Quando vedete che si gonfia, sempre frullando con l’altra mano a filo versate l’olio e continuate per qualche minuto. Sempre a filo aggiungete il limone, il pizzico di sale,  la curcuma e la senape.
  4. Tenere  da parte.
  5. Lavate e pelate carote e patate, tagliatele a cubetti e cuocetele al vapore assieme ai piselli,  per una ventina di minuti devono essere tenere ma ancora croccanti.
  6. Lasciate raffreddare e mescolate alla maionese vegana.

Si conserva in frigorifero due giorni.

vegan insalata russa veloce 1

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre mie ricette.

nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo

Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest

Vuoi lasciare un commento?

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timo e lenticchie

6 Risposte a “Vegan insalata russa veloce”

  1. Ti adoro!!! Te lo dico apertamente…. non sono vegana ma rispetto chi lo è. Le tue ricette fanno venir voglia di provarle e di managiare in maniera diversa dal solito a cui si è abituati… credo che te ne ruberò qualcuna… Marianna

    1. Ma grazie Marianna!!!! Anche a me piacciono molto le tue! Questa insalata russa poi, sarà la senape, ma ti assicuro che è un’alternativa molto valida alla classica, e io ora che le uova non le mangio più, ne vado matta, anche se non è molto light perchè ocmunque il suo bell’olio lo contiene. Un abbraccio.

  2. Daniela bellissima la tua insalata russa, confesso che contavo proprio su un contributo vegan e tu hai onorato questa giornata al meglio. Grazie di esserci stata. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.