Crea sito

Ravioli alla zucca e susine

Ravioli alla zucca e susine per il contest Aromi Giallo Malvasia

Oggi dove ci porta il cuore?

Ma alla scoperta delle terre e dei tesori piacentini, con questi ravioli alla zucca e susine tardive su crema di grana padano delle terre piacentine.

 

Ravioli di zucca per contest giallo malvasia

 

Ora vi racconto come nasce questa idea. Ci è stata inviata una Miistery box contenente dei prodotti tipici del territorio piacentino per realizzare una ricetta dolce o salata che ben si abbinasse con un vino il Malvasia di Candia Aromatico dei Colli Piacentini. Per l’esattezza nella mia mistery box ho avuto la fortuna di trovare  il Malvasia Spumante Butterfly Metodo Charmat 2014  –   Flli Piacentini

Cosa conteneva la Mistery box oltre al Malvasia? Curiosi?

 

Alla fine ho deciso di preparare dei rustici ravioli semiintegrali, al ripieno di zucca e susine tardive. Ho aggiunto un pizzico della mia amata erba cedrina nel ripieno, e una punta di curcuma nella crema di grana padano per dare colore. .

Amo in particolar modo la cucina tradizionale, quella delle nostre nonne  quando si usavano farine di grani antichi integrali e tutta la famiglia si ritrovava a festeggiare in cucina accanto ad un bel focolare.

 

contest aromi giallo malvasia ravioli

contest aromi giallo malvasia

Ravioli alla zucca e susine per il contest Aromi Giallo Malvasia

Ingredienti per 4 persone dei Ravioli alla zucca e susine

Per la pasta:

  • 150 g di farina di semola rimacinata
  • 150 g di farina di tipo 2 macinata a pietra
  • 1 uovo bio
  • 90 g di acqua
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva

Per il ripieno:

  • Sei fette di zucca Piacentina Società Agricola Graffignana srl
  • 15 susine tardive piccole Maldotti 
  • un pesto con qualche foglia di erba cedrina (erba Luigia)
  • 50 g di grana padano Caseificio Borgonovo
  • sale, pepe, q.b.

Per la crema di grana padano:

  • 150 g di grana padano Caseificio Borgonovo.
  • 100 g di panna fresca
  • una punta di cucchiaino di curcuma

 

ravoli di zucca e susine

 

Preparazione dei Ravioli alla zucca e susine

  1. Accendete il forno a 200 gradi.
  2. Mettete sulla spianatoia le farine setacciate e mescolate, fate un incavo nel mezzo e spaccateci l’uovo, mescolatelo un pochino con la forchetta, aggiungete l’olio e poi con le mani cominciate ad intridere farina e uova fino a formare un impasto. Lavorate bene, Tiratelo e allungatelo fino a che il composto non risulti sufficientemente soffice ed elastico, formate il panetto e ponetelo a riposare mezz’ora. (se avete un’impastatrice usatela, ma comunque dopo va lavorato un po’ lo stesso).
  3. Nel frattempo, lavate e tagliate 6 fette di zucca media, togliete i semi e passatela in forno con un pizzico di sale. Fate lo stesso con le prugne lavate, tagliate a metà e disossate.
  4. Dopo 15/20 minuti togliete le prugne e controllate la zucca che sia cotta ma asciutta.
  5. In una terrina mescolate zucca e prugne a cui avrete tolto la buccia, unite i 50 g di grana padano, e il trito di qualche foglia di erba cedrina, regolate di sale e pepe e mettete da parte.
  6. Stendete ora la pasta con il matterello e passatela poco per volta  nella macchinetta stendi pasta rendendolo il più sottile possibile.
  7. Ricavare dei lunghi rettangoli in cui posizionerete il ripieno distanziato. Coprite con l’altra sfoglia premendo tra un mucchietto e l’altro per fare aderire la sfoglia e togliere l’aria, e tagliate con la rotella dentellata o con uno stampino. Finchè preparate la crema al grana padano copriteli con pellicola altrimenti si seccano e poneteli al fresco.
  8. Grattugiate il grana padano, prendete una piccola casseruola mettetela sul fuoco e versate la panna, fate intiepidire, versate il grana padano, la punta di curcuma e con un mixer ad immersione frullate e scaldate la crema senza farla bollire.
  9. Lessate i ravioli in  acqua bollente salata  per qualche minuto (dipende dallo spessore della sfoglia). Scolateli bene.
  10. Servite su crema di grana padano, gustandoli con Il Malvasia aromatico Butterfly.

 

MALVASIA

 

Perchè ho scelto dei ravioli di zucca e susine  per l’abbinamento con il  Malvasia Spumante Butterfly Metodo Charmat 2014  –   Flli Piacentini ?

La Malvasia dei Colli Piacentini ha un profilo aromatico dominato dagli aromi varietali tipici della Malvasia di Candia aromatica.
La spumantizzazione con metodo Martinotti promuove l’espressione dei fiori d’Acacia, degli agrumi e della pesca bianca. Le bollicine inoltre sostengono la naturale freschezza del vino, rendendolo adatto alla cucina tradizionale piacentina, ma anche a piatti più delicati.
Nel piatto presentato, il ripieno a tendenza dolce dei ravioli, a base di zucca e prugne, è contrastato dalla crema di parmigiano. La pastosità della zucca è invece ben moderata dall’acidità della Malvasia, mentre l’aroma della prugna si integra con il bouquet aromatico del vino.
La delicatezza e la struttura esile del vino, comporta la necessità di un piatto delicato, al fine di valorizzare entrambi.

ravioli di zucca e susine tardive giallo malvasia

 

Vi ricordo che Il Giallo della Malvasia,Segreti e aromi dal Po all’Appennino   sarà festeggiato alla Corte Agricola La Faggiola (Podenzano – Piacenza) l’ 1 e il 2 Ottobre.

Non mancate a questo appuntamento e all’occasione di poter visitare Piacenza e la sua provincia, un territorio autentico dove hanno vivace spazio i valori del quieto vivere e dello svago, allietati da una cucina semplice e saporosa e da vini di sicura e antica fama. La pianura e i più grandi centri urbani hanno conservato il proprio operoso panorama, mentre la collina e la montagna non hanno perso quegli aspetti naturali ed ambientali che fanno del piacentino una delle zone appenniniche più apprezzate e frequentate. Non solo castelli o borghi medievali, non solo antichi monasteri e splendide abbazie e nemmeno un veloce assaggio di qualche prodotto ma un immergersi lento in tutto questo: una specialità assaporata lentamente con un bicchiere di Malvasia dopo aver visitato  pieve romanica o una torre tardoromana, magari ricca di leggende e storie che si tramandano da anni e anni, insomma un insieme inscindibile di storia, territorio e tradizioni.

Se volete approfondire e conoscere il territorio e le eccellenze piacentine vi consiglio questi Link perchè nella mistery box oltre ai prodotti ci è stato regalato un bellissimo libro che ci porta alla scoperta delle terre e dei tesori piacentini.
http://www.stradadeicollipiacentini.it/imgportfolio/img_10/img_90.pdf
http://www.stradadeicollipiacentini.it/imgportfolio/img_6/img_90.pdf

Con questa ricetta Ravioli alla zucca e susine partecipo al  contest Il Giallo della Malvasia indetto da AIFB l’associazione italiana food blogger (di cui faccio  parte,)  in collaborazione con La Faggiola Srl, Bloomet Srl, la Camera di Commercio di Piacenza, la Strada del Po e dei Sapori della Bassa Piacentina  e La strada dei vini e dei sapori colli piacentini.  Un’occasione unica  anche per me, per  entrare in contatto con le eccellenze di un territorio, le  terre piacentine.

30

Logo Strada del Po e dei sapori della bassa piacentina

Logo Strada Dei Vini e dei sapori dei colli Piacentini

Cercate altre ricette di ravioli? Nel blog trovate:

Ravioli ladini

Ravioli alla barbabietola e spinaci

Ravioli ripieni al Vezzena

Cjarsons agnolotti della Carnia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.