Risotto al radicchio tardivo di Treviso IGP

Lo aspettavo con ansia da un pò, ma il prezzo era sempre troppo alto. Di cosa sto parlando? Ma del radicchio di Treviso tardivo IGP . Pensate che da quanto è bello, viene chiamato fiore d’inverno. Se per caso siete in queste zone nel periodo giusto, non perdetevi l’occasione per degustare questo meraviglioso radicchio delle nostre terre.

E’ croccante, dolce, versatile in cucina, si può mangiare crudo, grigliato, stufato in padella, nelle torte salate, con la frutta secca, fare una bella lasagna al forno al radicchio, insomma, meraviglioso radicchio tardivo di Treviso IGP.

Il risotto al radicchio tardivo è un classico intramontabile e siccome sono appassionata di risotti, come lo trovo subito faccio il risottino 😉

Risotto al radicchio tardivo di Treviso IGP

 

risotto al tardivo.4jpg

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 cespi di radicchio tardivo di Treviso IGP
  • 320 gr di riso carnaroli o vialone nano
  • 1 scalogno
  • un filo d’olio extravergine di oliva
  • brodo vegetale con dado fatto in casa 
  • mezzo bicchiere  di vino rosso o bianco
  • un goccio di limone

Preparazione:

  1. Lavate, e tagliate a pezzetti il radicchio.
  2. In una casseruola mettere un filo d’olio e lo scalogno tritato fine, appassire per qualche minuto.
  3. Aggiungere il radicchio e cuocere cinque/dieci  minuti così si insaporisce bene con lo scalogno.
  4. Ora è la volta di metterci il  riso facendo  tostare e insaporire e poi il vino lasciando evaporare.
  5. Aggiungere il brodo caldo poco alla volta, aspettando  a versare il brodo  quando il precedente mestolino è assorbito.
  6. A cottura ultimata  circa 15/16 minuti, a seconda del tipo di riso, regolare di sale e pepe, spruzzare un goccio di succo di limone, mescolare e servire.risotto al tardivo

Se vuoi tornare alla HOME PAGE per cercare nuove idee per i tuoi piatti

Se ti va lascia un commento sull’apposito spazio qui sotto

Articolo e Foto: Copyright © All Rights Reserved Timoelenticchie

Precedente Biscotti diamantini al grano saraceno Successivo Crepes di ceci e funghi shitake

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.