Crea sito

Risotto agli asparagi di Bassano D.O.P.

Oggi vi parlo di un piatto che amo particolarmente, il risotto agli asparagi di Bassano D.O.P.

Un primo piatto delicatissimo, oggi lo preparo in maniera leggermente diversa dalla classica.

risotto di asparagi d.o.p.

Amo particolarmente questo ortaggio superfood tanto da essere stata ambasciatrice  per la giornata dell’asparago dell’ calendario del cibo, di AIFB  di cui faccio parte. Qui  trovate l’articolo, per cui mettetevi comodi che oggi vi racconto come ho scoperto questo piatto.

Tempo fa ho  partecipato alla serata del Gran Galà dell’ Asparago di Bassano D.O.P. nelle sale del Museo Civico di Bassano. L’aromatico turione primaverile, prodotto tradizionale dell’area pedecollinare del Brenta,  è stato esposto come un’ opera d’ arte, con piatti studiati ad hoc per l’ occasione dal gruppo di  ristoratori Bassanesi.

Gli asparagi bianchi di Bassano sono stati preparati in maniera eccellente ma mi sono innamorata in particolar modo  del risotto di asparagi di Bassano D.O.P. all’olio di Pove del Grappa.

Il sapore delicato di questo ortaggio primaverile si sposa meravigliosamente con l’olio extravergine di oliva. Chi mi conosce può comprendere che trovandomi davanti un  risotto senza burro e  per giunta con olio a Km. 0  il mio  entusiasmo è salito alle stelle, tanto che ho deciso di riproporlo.

12938184_10206225721458819_8069660326866698_n

Risotto agli asparagi di Bassano D.O.P.

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di asparagi bianchi di Bassano D.O.P.
  • 350 g di riso vialone nano di Grumolo delle Abbadesse
  • un bicchiere di vino bianco secco Vespaiolo
  • un litro  di acqua di cottura degli asparagi se avete fatto anche gli asparagi alla bassanese, oppure un litro di brodo di dado vegetale fatto in casa  qui la ricetta
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva di Pove del Grappa
  • sale, pepe a.b.
  • parmigiano (facoltativo, io non l’ho messo)

Preparazione del  Risotto agli asparagi di Bassano D.O.P.

  1. Spellate gli asparagi con la massima  cura, staccate le punte che terrete da parte, eliminate la parte legnosa del gambo e tagliateli a pezzettini
  2. In una casseruola da risotto, scaldate un filo d’olio e unitevi i pezzetti di asparago escluse le punte, lasciate insaporire con un pizzico di sale per qualche minuto , quindi versate il riso, fatelo tostare per qualche minuto e infine bagnate con il vino
  3. Lasciate completamente evaporare il vino, quindi cominciate a mescolare delicatamente aggiungendo un po’ per volta il brodo bollente.
  4. Cinque minuti prima che la cottura sia ultimata, unite le punte degli asparagi aggiustando di sale.
  5. Quando il risotto sarà ancora al dente, toglietelo dal fuoco, mantecatelo con un filo d’olio e qualche cucchiaio di grana grattugiato se vi fa piacere, io ho evitato per sentire fino in fondo il sapore dell’asparago e dell’olio.

E per valorizzare le aziende del nostro territorio 

L’enologo Tommaso Nicolato consiglia il vino:  Vespaiolo  – Firmino Miotti

risotto agli asparagi di Bassano d.o.p.

Naturalmente se non trovi gli asparagi di Bassano, vanno benissimo degli altri asparagi, anche verdi delicati.

Trovi tantisisme ricette con gli asparagi anche in RICETTE CON GLI ASPARAGI LEGGERE E SEMPLICI

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre mie ricette.

nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo

Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest

Vuoi lasciare un commento qui in fondo all’articolo?
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timo e lenticchie

6 Risposte a “Risotto agli asparagi di Bassano D.O.P.”

  1. Ciao Daniela, ti faccio i complimenti anche qui. Adoro questa qualità di asparago ed in quanto veneto per metà, quando arriva la stagione mi ritrovo abbastanza spesso a fare questo risotto. Delizioso!!!

    1. Ciao Wally, sono una risottara da sempre e in più mi piacciono gli asparagi, in questo risotto il sapore delicato si sposa benissimo con l’olio extravergine. Avendo anche preparato degli asparagi lessati, ho usatol’acqua di cottura come brodo, così era ancora più asparagioso 😉 Grazie di essere passato, a presto.

  2. che meraviglia! Arrivo un po’ in ritardo… ma ho letto l’articolo che hai scritto per AIFB e vedo anche qui l’entusiasmo che dimostri di fronte a questa splendida verdura. Il bianco lo trovo al mercato, da noi è raro, ma qualche volta c’è. Farò attenzione che sia il “Bassano”, d’ora in poi! E il tuo risotto con olio? Avrei fatto il bis!

    1. Beh guarda Fausta, allora siamo proprio pari perchè io avrei fatto il bis dei tuoi spaghetti fatti a mano, di farro poi!!! Li ho visti all’ora di pranzo, pensa te, sarei entrata nello schermo!
      Si mi piacciono gli asparagi e da buona vegetariana adoro tutto il vegetale possibile. Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.