Crea sito

Grano saraceno con peperoni in agrodolce

Comtinua in questi giornil ‘uso del peperone in cucina con questo semplicissimo Grano saraceno con peperoni in agrodolce.

Del grano saraceno nel blog ne ho parlato e ne parlo spessisismo, si lo ammetto è uno dei preudo cereali che adopero di più.

Da dove arriva il grano saraceno?


Sicuramente perchè è un chicco antico, basta pensare al suo nome e a tutto quell oche può tornare in mente con la parola saraceno. Il grano saraceno infatti arriva dalla Siberia e dalla Manciuria. Usato in que paesi molto freddi proprio perchè resistentissimo al clima del Nord. venina piantato nei mesi estivi dopo il raccolto d orzo e segale. Poi durante il X secolo viene portato in Cina e da li in Occidente nel Medioevo.

Chi lo fece arrivare fino a noi furono i Turchi che lo esportarono in Grecia e nei Balcano, Mentre i mongoli lo fecero arrivare in Germania e Polonia.

Nel 500 troviamo il grano saraceno  coltivatosia  nel veronese che in Valtellina. Il medico botanico Mattiolli scrive infatti che “contadini, abitanti ai confini dell’Italia con la Germania, usavano la farina del grano saraceno per fare la polenta.”

Come vediamo il grano saraceno è coltivato nei paesi più freddi, tanto che col tempo divenne u alimento fondamentale degli abitanti dell’arco alpino e nelle montagne della Valtellina. Chi non conosce i famosi pizzocheri o la polenta taragna.

Il suo nome? Mah ..chi dice derivi dal suo chicco scuro come i saraceni e chi lo adduce ai commercianti arabi (saraceni) che lo diffusero.

Perchè usare il grano saraceno in cucina?

Il perchè usarlo lo trovate tra tutte le mie ricette con questo meraviglioso chicco, ecco la raccolta con il grano saraceno. 

Il grano saraceno è senza glutine, ha un buon sapore, si cucina di 25 minuti, versatilissimo abbinato a qualsiasi ortaggio. Ricco di tutti gli amminoacidi essenziali come la lisina, treonina e triptofano, ricco di vitamine come quelle del gruppo B e E, anche la vitamina P (rutina). E’ un cereale yang che riscalda perciò ottimo anche d’inverno. La macrobiotica lo associa all’energia dei reni.

Il grano saraceno cuoce perfettamente per assorbimento rapporto acqua 1:2 in 20 minuti circa.

Per la ricetta dei peperoni in agrodolce vi rimando al post dedicato

 

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 150 ggrsno saraceno
  • 1 cucchiaioCapperi dissalati
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale marino integrale
  • 350 gAcqua

Strumenti

  • Colino / Scolapasta
  • Padella

Preparazione

  1. Sciacquare bene il grano saraceno e scolarlo.

    In una padella versare un filo d’olio extravergine spremuto a freddo e tostare qualche minuto il grano saraceno.

    Aggiungere l’acqua leggermente salata, portare ad ebollizione. Abbassare la fiamma, mettere il coperchio e cuocere fino ad assorbimento, circa 20 minuti.

    Scolare e lasciare intiepidire. Ora potete condire il grano saraceno con gi ortaggi che preferite, io ho scelto questa volta i peperoni in agrodolce a cui ho aggiuto per insaporire anche dei capperi dissalati.

    Buona estate

Note

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre mie ricette. Puoi seguirmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo. Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest
Vuoi lasciare un commento?

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.