Tortino di quinoa e radicchio all’hummus di lenticchie

Tortino di quinoa e radicchio all’hummus di lenticchie

Oggi vi presento un piatto molto saporito,  il tortino di quinoa e radicchio, i tipici piatti unici che adoro, cereali e legumi, con verdure.

Perchè la quinoa fa bene?

Non è un caso se gli Inca hanno chiamato la quinoa “chisiya mama” che in quechua vuol dire «madre di tutti i semi». Il valore di questo pseudocereale è infatti infinito e legato alla cultura millenaria delle popolazioni andine. Ricchissimo di amido, altamente proteico, ottima fonte di fosforo, magnesio, ferro e zinco e assolutamente privo di glutine, questo eccezionale prodotto delle terra ha raggiunto negli ultimi anni un interesse e una diffusione sempre maggiore, motivo per cui alcune aziende italiane hanno deciso di coltivarla qui.

Per questo vi invito a cercare nei negozi del bio quinoa italiana, non è più cara di quella andina ma di sicuro è più sostenibile. Leggete l’articolo uscito l’anno scorso sulla Stampa: Il boom della quinoa  e del progetto di Stefano Brilli, un italiano che lavora nel progetto Quinoa/Camelidi, per riportare l’equilibrio sui campi e sui pascoli andini. L’articolo chiude con questa frase “«Qua la natura è tutto, la Pacha Mama, la Madre Terra, che ogni cosa ci offre e per questo deve essere rispettata». 

Ma c’è un altro aspetto sulla quinoa e a farci riflettere questa volta è un’articolo del foglio che parla invece di successo della globalizzazione, andiamo a leggere anche questo articolo dal titolo; Quinoa global e traiamo le nostre riflessioni.

La mia  quinoa italiana l’acquisto da Biosapori 

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Alto

Ingredienti

tortino di quinoa

  • 150 g quinoa italiana Biosapori
  • 2 cespi radicchio rosso
  • 1 Scalogno
  • 1 cucchiaio Salsa di soia
  • 1 pizzico Zenzero in polvere
  • q.b. Sale
  • q.b. olio extravergine di oliva

Hummus di lenticchie

  • 100 g lenticchie lessate
  • 2 cucchiai tahine
  • mezzo Succo di limone
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Acqua

Preparazione

Tortino di quinoa e radicchio

    • Pesate e sciacquate bene bene per un minuto  la quinoa con un colino a trama fine sotto l’acqua corrente, così perde l’amaro della saponina.
    • Nel frattempo fate bollire 300 g di acqua con un pizzico di sale, aggiungete  la quinoa e fate cuocere a fuoco basso per  quindici minuti circa finchè l’acqua è assorbita. Spegnete, chidute con un coperchio e lasciate gonfiare bene.  Mettete da parte.
    • Lavate il radicchio rosso, tagliatelo a listarelle,
    • In una padella stufate uno scalogno affettato con un filo di olio extravergine e quando è appassito gettateci il radicchio rosso e cuocete per una quindicina di minuti, regolando di sale e pepe, timo e maggiorana.  Aggiungete la quinoa mescolando delicatamente, il cucchiaio di salsa di soia e insaporite.
    • Preparate l’hummus di lenticchie:
    • Frullate nel mixer le lenticchie lessate, unite la salsa tahin, il succo di limone, il pizzico di sale, l’acqua e l’olio finchè otterrete  una cremina morbida, mettere in una ciotolina.
    • Mescolate a quinoa con il radicchio all’hummus in percentuale che preferite.
    • Prendete un coppa pasta quadratto e appoggiatelo su un piattino, con un cucchiaio trasferite a poco a poco la quinoa pareggiando con il dorso del cucchiaio.
    • Togliete delicatamente il coppa pasta e decorate con hummus e radicchio crudo. Servite tiepida accompagnata con altra verdura a foglia verde o ancor meglio con crema di avocado o pesto di bietola a crudo.

Note

Se volete conoscere tutto sulla storia, tradizioni e cucina del trevisano, ecco l’articolo di AIFB

Se vuoi tornare alla HOME PAGE per  cercare nuove idee per i tuoi piatti

Se ti va lascia un commento sull’apposito spazio qui sotto

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timoelenticchie

Precedente Gnocchi gnocchetti spatzle Successivo Panini dolci all'albicocca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.