Crea sito

Cipolline glassate al gomasio nero

A volte ci vogliono anche le ricette semplici, le ricette veloci come queste cipolline glassate al gomasio nero

cipolline glassate

Magari tutti sanno mettere in padella le cipolline niente di difficile ma renderle un pò più appettitose con un tocco di gomasio ci proviamo?

Ho optato per il gomasio nero, per dare anche un tocco di colore in più e sempre in ogni piatto mi piace che non sia scialbo e palldo. Già le cipolline bianche lo sono di loro…ravviviamole un pochino.

La cipolla borettana è usata in tutta Italia per il suo sapore dolce e delicato.  Prende il nome da Boretto, uin provincia di Reggio Emilia, dove si coltiva dal lontano 1400.Viene usata per preparare i sottoaceti, si riconosce perchè ha un bulbo molto piatto e a volte di colore paglierino. Le cipolline borettane rientrano fra le tante eccellenze culinarie italiane esportate nel mondo.Ha un alto valore nutrizionale grazie alla presenza di molti sali minerali che apportano sostanze nutrizionali molto preziose per il nostro organismo.

Quando ho fretta anche io dall’ortilano mi prendo quelle confezioni di cipolline già pulite e in mezz’oretta ho pronto il mio contorno.

Cipolline glassate al gomasio nero

Ingredienti:

  • 300 g di cipolline borretane
  • due cucchiai di zucchero di canna
  • tre  cucchiai di glassa al balsamico bianco o aceto balsamico
  • sale un pizzichino
  • un bel cucchiaio di gomasio nero

Preparazione:

  1. Lavate le cipolline e asciugatele, trasferitele in padella spolverandole con i due cucchiai di zucchero di canna e un filo di acqua.
  2. Lasciate caramellare bene per qualche minuto rimestando spesso.
  3. Aggiungete l’aceto e il pizzico di sale e cuocete a fuoco dolce le cipolline per 15 minuti controllando la cottura, se si asciugano troppo aggiungete un filo d’acqua.
  4. A cottura ultimana trasferite su un piatto e spolverate con gomasio nero.

gomasio nero

Vi è piaciuta la ricetta

Vi è piaciuta la ricetta delleCipolline glassate al gomasio nero?Venitemi a trovare allora anche su Facebook, in Timo e lenticchie, risponderò personalmente a tutte le vostre domande, oppure seguitemi suTwitter e Pinterest!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.