Biscotti tedeschi – Thomasplatzchen

Biscotti tedeschi – Thomasplatzchen

L’anno scorso ho letto il libro La figlia dei ricordi di Sarah Mc Coy

Due storie parallele che s incontrano, un racconto al femminile quello di Elsie e quello di Reba, molto diverse tra loro ma che si trovano legate  per la vita.

Elsie tedesca di Garmisch,quando scoppia la seconda guerra mondiale è giovanissima, lavora nella panetteria dei genitori tra biscotti e dolci profumati di spezie. Nel 1944 un ufficiale tedesco della Gestapo  la chiede in moglie proprio la vigilia di Natale, i genitori visto la povertà in cui vivono fanno pressione e Elsie accetta.

Nella stessa notte un bimbo ebreo bussa alla sua porta e lei pur sapendo le conseguenze lo accoglie e lo nasconde al mondo.  Da qui il dolore della guerra, il terrore di essere scoperti, capire quanto orrore nasconde il nazismo e quanto si è disposti a dare per salvare qualcuno.

Si torna ai nostri tempi con la storia di Reba, giornalista di El Paso che deve scrivere un’articolo sul Natale durante la seconda guerra mondiale.  L’intervistata sarà proprio Elsie che dopo la guerra si è trasferita in America e ha aperto li una panetteria riproponendo i dolci che da ragazzina preparava con sua madre. Ecco che le storie si intrecciano, Elsie e Reba scopriranno… questo non ve lo dico, leggete il libro, piacevolmente e d’un fiato come ho fatto io e poi  profumate la casa di dolcetti speziati  ricordando  Elsie e Reba.

Alla fine del racconto si trovano tutte le ricette menzionate durante la lettura, panini soffici e girelle croccanti come questi Biscotti tedeschi – Thomasplatzchen da preparare proprio oggi che si festeggia San Tommaso o da regalare a Natale

Per Tommaso mio figlio e per tutti i Tommaso, buon onomastico

La ricetta originale prevedeva burro e latte vaccino che io ho sostituito con prodotti vegetali

Biscotti tedeschi di Natale - Thomasplatzchen
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    20 dolcetti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 220 g farina di tipo 2 (bio)
  • 60 g burro di soia
  • 50 g Zucchero di canna
  • 70 g latte di mandorle o di riso
  • 1 cucchiaino Lievito in polvere per dolci (con cremor tartaro)
  • 1 pizzico Sale
  • 100 g uvetta – mirtilli rossi disidratati (bio)
  • 2 cucchiai latte vegetale
  • un cucchiaio zucchero di canna bio

Preparazione

  1. Preparate la frolla:
    In una ciotola mescolate la farina 2 con lo zucchero, il lievito e il pizzico di sale.
    Aggiungete il burro di soia ammorbidito e il latte vegetale.
    Mescolate fino ad avere un composto frolloso, fate la solita palla da frolla e lasciate riposare una mezz’oretta.
    Stendete l’impasto tra due fogli di carta forno in forma rettangolare  spessa mezzo centimetro.
    Tritate in un mixer grossolanamente il ripieno che può essere uvetta, ma anche mirtilli disidratati, albicocche secche, anche datteri, mescolateli con un goccio di latte vegetale perché siano bene impastati tra loro.
    Spalmate l’impasto sulla frolla e arrotolate dal lato lungo formando un salamotto che taglierete delicatamente a 2 cm. di spessore.
    Trasferite le girelline su una teglia rivestita di carta forno e cuocerle per 15 minuti a 180 gradi in forno ventilato finchè diventano dorate.
    Si conservano in scatole di latta. Se invece non dovete regalarli, e preferite glassarli,
    mescolate  un pochino di zucchero a velo di canna con un goccio di acqua e spennellate i dolcetti.
  2. Biscotti tedeschi di Natale – Thomasplatzchen 4

    Nel blog tanti altri biscottini da regalare alla categoria biscotti

    e se volete un biscottino completamente senza glutine sostituite la farina di tipo 2 con farina di miglio o grano saraceno

  3. Con questa ricetta partecipo a #pagineaifornellicontest di Betulla

     

     

    Se vuoi tornare alla HOME PAGE per  cercare nuove idee per i tuoi piatti

    Se ti va lascia un commento sull’apposito spazio qui sotto

    Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timoelenticchie

Precedente Biscotti semplici al pepe timut Successivo Purè di pastinaca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.