Vellutata di cavolfiore al crisantemo

Novembre mese dei crisantemi, lo sapete che qualche tipologia è edibile? Ecco allora la Vellutata di cavolfiore al crisantemo, un comfort food proprio novembrino.
Una crema colorata e fiorita che conforta nelle serate nebbiose e anche piovose di questo periodo.
Il tema scelto per questo mese con le amiche di erbe e fiori nel piatto è il crisantemo.
Ma attenzione perchè solo e unicamente uno è il crisantemo che si può mangiare e cioè il Chrysanthemum coronarium o Glebionis coronaria, chiamato anche ghirlanda o corona margherita.
E proprio un peccato che qui in Italia il crisantemo sia associato al mese dei morti, perchè invece in tanti altri paesi e soprattutto in Asia, il crisantemo è di buon augurio e viene spesso regalato a feste e compleanni.

Vellutata di cavolfiore al crisantemo (2)

Se abbiamo un orticello allora piantiamo il Chrysanthemum coronarium (nel web vendono i semini) e visto le sue innumerevoli proprietà usiamo le foglie tenere e i fiorellini nei nostri piatti e facciamoci degli infusi.
In Cina per esempio è usato per la cura del mal di testa e comunque molto spesso si acquistano i fiori secchi per preparare tisane.
Conosciamo le proprietà del Chrysanthemum coronarium:
contiene potassio, proteine, fibre, calcio, fosforo, vitamina A e vitamina C ed è molto ricco di antiossidanti.
Ringrazio tantissimo Chiara Centofanti di 100 orti Vicenza per avermelo procurato, appassionata di varietà particolari, di fiori edibili e ortaggi, è una miniera di prelibatezze vegetali bio.

Che sapore ha il Chrysanthemum coronarium? Io direi un piccantino piacevole per cui nella mia vellutata le foglioline tenere ci stanno d’incanto, completate poi dai petali a crudo con cui ho decorato la vellutata di cavolfiore e crisantemo.

Ti lascio la raccolta di ricette con il cavolfiore

Seguici ogni 15 del mese per scoprire nuove erbe e fiori nel piatto, in fondo all’articolo trovi le ricette delle amiche appassionate come me alla fitoalimurgia.
Chi siamo?
Tiziana Colombo del blog Nonna Paperina – Miria Onesta del blog Due amiche in cucina – Elisa di Rienzo del blog Il fior di cappero – Marialuisa del blog Mantra bio.

Tutte le altre ricette con erbe spontanee le trovi nella categoria dedicata.


Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo.
Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest o Youtube o iscriverti al canale Telegram

ellutata di cavolfiore al crisantemo
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti vellutata di cavolfiore al crisantemo

Io ho usato un cavolfiore bianco freschissimo ma puoi usare anche un cavolo romanesco se preferisci.
  • 1cavolfiore (medio)
  • 1/2porro
  • 6 ramettifoglie di crisantemo edulis (i ciuffetti più teneri)
  • 1 cucchiaioolio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicosale marino integrale
  • 1 cucchiainokuzu
  • 2 cucchiainishiro miso
  • q.b.acqua
  • 1 cucchiainosesamo nero
  • 6fiori crisantemo

Strumenti ellutata di cavolfiore al crisantemo

Preparazione Vellutata di cavolfiore al crisantemo

Naturalmente kuzu e shiro miso non sono indispensabli, ma oltre a far bene danno un tocco orientale in più a questa vellutata di cavolfiore al crisantemo, visto che questo fiore arriva proprio dall’Oriente.
  1. Lava bene il cavolfiore, stacca le roselline e cuocile al vapore per 20 minuti.

    Lava e affetta finemente il porro. In una pentola versa un cucchiaio di olio extravergine di oliva , aggiungi il porro a stufare a fuoco basso per qualche minuto.

    Lava anche le foglie e i fiori di crisantemo. Affetta le foglioline e versale in pentola mescolando.

    A questo punto unisci anche le roselline di cavolfiore, regola di sale e fai insaporire.

    Aggiungi un po’ di acqua, circa 300/400 g e poi vedi (o brodo vegetale se non aggiungi il miso alla fine) e frulla con il frullatore ad immersione fino ad avere una vellutata.

  2. Sciogli il cucchiaino di kuzu, unisci alla vellutata e fai cuocere ancora due o tre minuti. (il kuzu la rende ancora più cremosa)

    Spegni, sciogli in un cucchiaino di acqua calda il shiro miso e mescola bene.

  3. Vellutata di cavolfiore al crisantemo (5)

    Servi in tavola in scodelle, decorando con sesamo nero, un filo d’olio e i petali di crisantemo.

Consigli e conservazione della vellutata

La vellutata si conserva un paio di giorni in frigorifero. Come dicevo se usi il miso che è salato rtieniti un pochino indietro di sale. Non esagerare con le foglie di crisantemo perchè sono pepatine.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.