Pesto alla genovese

Il pesto alla genovese è un condimento della tradizione ligure. E’ molto semplice realizzarlo in casa, anche senza mortaio, utilizzando un semplice frullatore ad immersione. La cosa più importante è non frullare in modo continuo ma a piccoli impulsi per non surriscaldare il basilico, pena l’ossidazione. Prima di utilizzare il mixer mettete le lame in frigo per un’oretta in modo che siano ben fredde così il basilico non si surriscalda facilmente. Vi consiglio di non eliminare l’aglio perchè dona un sapore completo al pesto.

Il basilico ha notevoli proprietà nutritive ed è ricco d’innumerevoli minerali e nutrienti tra cui la vitamina K e il manganese. È povero di grassi e zuccheri; i grassi in esso contenuti sono prevalentemente polinsaturi ed ha importanti proprietà anti-infiammatorie; ha un’ottima fonte di rame e vitamina C, oltre che di calcio, ferro, acido folico e acidi grassi omega 3. Troviamo il magnesio che è un minerale essenziale per il buon funzionamento della circolazione sanguigna. La pianta di basilico è conosciuta per le sue proprietà digestive, infatti, veniva usata come rimedio per calmare dolori intestinali, in caso di aerofagia e come rimedio per migliorare la digestione a seguito di pasti abbondanti.

Passiamo subito alla preparazione del pesto alla genovese…..

pesto alla genovese
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 1 – 2 vasetti da 180 gr circa

Ingredienti

  • 50 g Basilico fresco
  • 20 g Pinoli
  • 1 spicchio Aglio
  • 60 g Parmigiano Reggiano DOP grattugiato
  • 30 g Pecorino sardo grattugiato
  • 100 g Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Olio extravergine d'oliva (per coprire il pesto nei vasetti)

Preparazione

  1. Per prima cosa lavare velocemente sotto l’acqua corrente il basilico ed asciugarlo molto bene foglia per foglia senza schiacciarle.

    Fate attenzione che non rimanga dell’acqua perchè potrebbe far insorgere delle muffe e il gusto ne risentirebbe.

  2. Ora mettere le foglie di basilico, i pinoli, l’aglio e il sale nel mortaio e iniziare a frantumare il tutto.

  3. Poi unire il pecorino e il parmigiano grattugiati non troppo fine.

  4. Mescolare in modo che gli ingredienti si amalgamino bene.

  5. Infine aggiungere l’olio extravergine d’oliva e mescolare il tutto molto bene.

    Tutta questa lavorazione va fatta nel più breve tempo possibile per evitare che il basilico si ossidi.

  6. Ora riempire i vasetti con il pesto ottenuto e aggiungere pochi grammi di olio extravergine d’oliva in modo che sia tutto ricoperto.

  7. Infine chiudere i vasetti e tenere il pesto in un luogo molto fresco (parte inferiore del frigo) per un paio di settimane oppure lo si può anche congelare.

    Il pesto alla genovese ora è pronto per essere utilizzato….

    Buon appetitoooooo!!!!!!!

Note

HASHTAGS #ricettesaretta
Se provate la ricetta, condividete le vostre foto su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettesaretta e taggatemi con @cucina.con.saretta, poi farò un repost per un giorno sul mio profilo.

Seguitemi su Instagram, mi trovate come @cucina.con.saretta oppure sulla pagina Facebook Cucina con Saretta.

Precedente Insalata di riso in forma Successivo Carpaccio di cetrioli con semi di sesamo e di lino

Lascia un commento