Estrazione della clorofilla (di Luca Montersino)

L’estrazione della clorofilla è semplice da fare, questa tecnica è di Luca Montersiono e l’ho vista fare in un suo programma. Il pigmento verde che si ricava può essere usato per aromatizzare e colorare la pasta fresca, un risotto, spume, salse etc… Si può usare qualsiasi erba aromatica o verdura a foglia verde, il procedimento non cambia, tipo prezzemolo, basilico, spinaci, rucola…… Oltre a dargli un colore verde conferirà un buon profumo al piatto finale. Bastano pochissimi grammi, quello che rimane lo si può congelare e utilizzare al bisogno.

La clorofilla è un pigmento verde responsabile del colore verde dei vegetali ed è molto importante per il nostro organismo e può essere considerata un vero rigeneratore per le cellule. Essa presenta numerose proprietà come attivare il metabolismo cellulare, rinforza le difese immunitarie, favorsce la cicatrizzazione dei tessuti perchè migliora la circolazione sanguigna, aiuta a depurare il fegato smaltendo le tossine, è utile contro le vene varicose, sgonfia l’intestino e migliora il drenaggio dei liquidi.

Ora vediamo subito come effettuare l’estrazione della clorofilla….

estrazione della clorofilla
  • DifficoltàBassa
  • Porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 100 gFoglie di basilico (oppure prezzemolo, rucola, spinaci))
  • 300 mlAcqua

Preparazione

  1. Prima di tutto lavare le foglie senza rovinarle.

  2. Poi metterle in un robot o mixer.

  3. Aggiungere l’acqua e frullare bene il tutto, le foglie devono essere ben sminuzzate.

  4. Quindi filtrare il tutto con un colino e premere bene le foglie in modo da recuperare più liquido possibile.

  5. Poi preparare una bacinella con del ghiaccio e un colino coperto con da un tovagliolo di cotone o lino.

  6. Se si è formata molta schiuma in superficie  bisogna schiumare.

    Poi mettere in un pentolino e portare alla temperatura di 64° per ottenere la coagulazione.

  7. Nel caso non abbiate un termometro dovrete osservare il composto, quando, sollevando il cucchiaio, noterete la separazione tra coagulo e acqua è pronto.

  8. Versare subito nel colino con il tovagliolo appoggiato sopra l’acqua fredda (questo passaggio serve a mantenere il colore bello vivo).

  9. Infine strizzare ancora un po’ il tovagliolo e il prodotto ottenuto, se non lo usate subito, lo potete tranquillamente congelare.

  10. estrazione della clorofilla
  11. estrazione della clorofilla

Note

HASHTAGS #ricettesaretta
Se provate la ricetta, condividete le vostre foto su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettesaretta e taggatemi con @cucina.con.saretta, poi farò un repost per un giorno sul mio profilo.

Seguitemi su Instagram, mi trovate come @cucina.con.saretta oppure sulla pagina Facebook Cucina con Saretta.

Precedente Aceto alla melagrana Successivo Tagliatelle verdi al basilico

Lascia un commento