Per vivere l’uomo ha bisogno di energia e sostanze nutritive che assume dagli alimenti. Anche l’acqua è un alimento.

La “salubrità” e l’”innocuità” di un alimento e cioè il mantenimento del valore nutritivo, delle caratteristiche di colore, odore e sapore, ed il valore igienico, cioè l’assenza di contaminanti microbici o tossici sia naturali che involontari o intenzionalmente aggiunti, sono tutelate da numerose norme di legge.

Perchè gli alimenti possono trasmettere malattie?

 

Microrganismi utili.

Negli alimenti sono normalmente presenti microrganismi utili in quanto ne favoriscono la preparazione e la digestione: ad esempio i salumi, i formaggi, il vino, devono la loro “bontà” all’azione dei batteri.

A volte, però, microrganismi “patogeni” e cioè batteri, virus, parassiti, dannosi per la salute dell’uomo, possono essere presenti nell’acqua e negli alimenti contaminandoli, con diverse modalità.

Gli alimenti contaminati, una volta ingeriti, possono provocare malattie se i microrganismi riescono a superare le barriere difensive dell’uomo. in che modo i microrganismi o i loro prodotti contaminano gli alimenti?

I microrganismi patogeni.

possono essere già presenti nell’alimento all’origine, ad esempio nelle carni o nei prodotti di animali infetti o malati; sui vegetali, irrigati con acque contaminate o che vengono a contatto con terreno contaminato;

Leggi anche:  Piatti tipici tradizionali della campagna veneta: menafanti.

possono contaminare l’alimento nelle varie fasi della preparazione a causa di:

manipolazione con le mani sporche da parte di: “portatori”, persone che, pur non essendo malate, ospitano microrganismi nelle vie aeree o nell’intestino e li eliminano attraverso le secrezioni o le feci;

persone con infezioni localizzate nelle vie aeree, nell’intestino, con ferite alle mani, con infezioni della pelle;

persone con scarso livello di igiene; · uso di acqua non potabile o, comunque, contaminata;

contatto dell’alimento con superfici di lavoro, utensili, contenitori non puliti;

uso, nella preparazione, di ingredienti inquinati;

contatto dell’alimento con altri cibi contaminati;

esposizione dell’alimento, dopo la preparazione, a insetti, esposizione dell’alimento, dopo la preparazione, a insetti, roditori o altri animali.