Piatti tipici tradizionali della campagna veneta: menafanti.

Tra i primi piatti della cucina veneta tradizionalmente consumati troviamo i “malafanti”, tipici della campagna veneta

Ne esistono più versioni e le tante varianti dipendono dal fatto che anche questo è un piatto di recupero e per il brodo si usavano generalmente sterno, testa, zampe, orecchie e coda: tutto ciò che non veniva diversamente consumato.

L’ultimo servigio del maiale.

La cucina veneta si basa su sapori delicati ma molto vari, che trovano le loro radici nella storia e nella conformazione geografica della regione.

La cucina veneta ha una particolarità: a differenza di quello che succede con alcuni piatti di altre regioni, come l’Emilia Romagna e la Campania, (dove piadina e pizza sono esportate e famose in tutto il mondo, seppur con risultati non sempre assimilabili all’originale), la gastronomia del Veneto si può gustare solo in loco. Questo garantisce un’unicità genuinità straordinarie.

Contenuto del Post:

Leggi anche:  Cosa mangiavano e dove mangiavano gli antichi romani durante l'intera giornata.

La Ricetta.

Tutti questi elementi, autoctoni e d’importazione, svelano i motivi della varietà e del gusto di tutta la gastronomia del Veneto, forte di un sapore tradizionale che mai eccede nel dolce e nel salato.

Vuoi conoscere la ricetta per preparare deliziosi menafanti?.

Puoi trovarla su Cucinando con Susana.

Ingredienti.

ingredients-green-metallic24x24per 4 persone

Brodo di ossa di maiale
Farina gialla
Resti di carne
Parmigiano
Aromi (carota, sedano, cipolla, aglio)
Pepe

Preparazione.

cottura-green-metallic-24x24  30-40’

Cottura.

cottura-green-metallic-24x24  15’

  • Si prepara una polenta tenera, partendo da un grasso brodo di ossa, preferibilmente di maiale, in cui siano ridotti a purea grossolana gli eventuali aromi (carota, sedano, cipolla, aglio) e ridotti in pezzettini minuti gli eventuali resti di carne, o cartilagine o grasso. Pepe e parmigiano.
  • Si serve nella scodella..

 

 

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

Leggi anche:  Frittelle di fiori di zucca, un classico napoletano.

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Risi e bisi alla pancetta.
 
Precedente Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze della cucina lunigiana. Successivo La pasta alla carbonara è un piatto caratteristico del Lazio, e più in particolare di Roma.

Lascia un commento