Pesto alle foglie di sedano

Avete mai provato a fare il pesto alle foglie di sedano? Se siete amanti delle sperimentazioni in cucina come me, se l’idea di buttare delle belle e fresche foglie di sedano vi disturba come disturba me, ecco, allora avete trovato la ricetta che fa per voi. Come fa per me 😀

pesto alle foglie di sedanoHo sempre provato un certo fastidio nel veder finire le foglie di sedano nella spazzatura. E il fatto che da alcuni anni a questa parte vadano a finire nel bidone dell’organico, anziché nell’indifferenziata, non aveva mitigato granché il mio fastidio.

Poi sì, è vero che le foglioline più piccole e più chiare si lasciano sul gambo e si mangiano, in insalata o in pinzimonio.
È vero che qualche foglia si può infilare nelle insalate miste, (ma non da tutti sono apprezzate in questo modo, perlomeno a casa mia).
Ed è vero che, da parecchio tempo ormai, 
io ho smesso di buttarle perché ho iniziato a tritarle e ad aggiungerle al soffritto del ragù o nei sughi di verdure, come faccio anche con i gambi del finocchio (e senza che nessuno se ne accorga mai 😛 ) (dei gambi di finocchio parlo QUI e anche QUI).

Ma è verissimo che quest’idea del pesto non mi era proprio venuta, ci ho messo un po’ a scoprirla. Onestamente ora non ricordo dove abbia appreso questa fantastica trovata di usare le foglie del sedano per fare il pesto. Ormai è diventata una ricetta abituale, che faccio, ripeto, modifico, e che non so più dire da dove derivi, forse da un libro, forse dalle tante ricette che si trovano in rete, ognuna fatta a modo suo com’è giusto che sia, così come è fatta a modo mio questa mia ricetta.

Il mio pesto alle foglie di sedano non è sempre uguale, a volte mi piace con le mandorle, a volte con le noci, a volte col formaggio, e a volte senza.
Quello che vi mostro oggi è l’ultimo modello, cioè quello che ho fatto l’ultima volta, poi di eventuali e possibili varianti vi dico dopo nel procedimento 🙂

Siete pronti?

Pesto alle foglie di sedano

Ingredienti
50 g di foglie di sedano
30 g di mandorle
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di semi di girasole
1 spicchio d’aglio
olio q.b.
acqua q.b. (1-2 cucchiai)
pepe o peperoncino
alcune foglie di basilico (facoltativo)
formaggio spalmabile, ricotta o caprino (facoltativo)

Procedimento
La preparazione del pesto alle foglie di sedano è molto semplice, e simile a quella di qualsiasi altro pesto:

– Lavare le foglie. Si possono aggiungere anche alcuni pezzetti di gambo, soprattutto le estremità a cui sono attaccate le foglie.
– Mettere tutti gli ingredienti nel bicchiere del robot.
– Azionare il robot aggiungendo l’olio poco alla volta.
– Tritare fino alla consistenza desiderata.

L’eventuale aggiunta di poca acqua ha lo scopo di diminuire, anche se di poco, la quantità totale di olio. Io lo faccio sempre in tutti i miei pesti. Ve ne avevo parlato ad esempio nel mio pesto di basilico.
Riguardo la quantità d’olio, questa volta non l’ho indicata negli ingredienti perché ultimamente ho preso l’abitudine di usarne poco durante la preparazione del pesto, per aggiungerlo poi, se serve, durante lo spadellamento della pasta. Sempre meglio aggiungere dopo che rendersi conto che la pasta è troppo unta. Secondo me.

L’aggiunta di pinoli e semi di girasole è facoltativa, potete scegliere di usare anche solo pinoli o solo semi di girasole, oppure di ometterli aumentando le mandorle: decidete in base ai vostri gusti e in base a quello che avete in dispensa.
Io, da quando ho capito che ogni pesto fatto con i semi di girasole viene ottimo, ho preso l’abitudine di aggiungerli (quasi) sempre. E comunque, ogni pesto di ogni tipo può essere fatto con un misto di semi, secondo me ne guadagna il gusto. E siccome i semi fanno bene… approfittiamo di queste ricette semplici per aggiungere un po’ di sana fantasia in cucina.

Se volete rendere il vostro pesto alle foglie di sedano più cremoso, potete aggiungere un cucchiaio o due di formaggio spalmabile (o ricotta). L’ho provato anche con il caprino e ci è piaciuto molto, ve lo consiglio 🙂

Se non sapete rinunciare al pesto con grana o pecorino, nessun problema: potete semplicemente sostituire le foglie di sedano a quelle di basilico della vostra ricetta del pesto preferita. Oppure della mia 😉

Utilizzo: scaldare brevemente il pesto alle foglie di sedano in una padella saltapasta, aggiungervi la pasta appena scolata e spadellare. È in questa fase che io regolo la quantità di olio e che decido se aggiungere il peperoncino o meno.

Buon appetito!

pesto alle foglie di sedano

Ciaooooo!!! Vi aspetto sulla pagina Facebook 🙂 e su Pinterest

Prima però leggete i miei consueti consigli senza sale!

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Precedente Seitan al limone e zenzero Successivo Vi presento la nuova veste grafica del blog

2 commenti su “Pesto alle foglie di sedano

    • catiaincucina il said:

      Grazie Sara! e grazie per la tua gentilezza di lasciare un commento, è un piacere grande per me sapere che una ricetta è piaciuta 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.