Come evocare la notte di Halloween il fantasma di Bloody Mary, ovvero Mary Worth.

Il cocktail Bloody Mary, oltre a essere ottimo, serve per dare il coraggio necessario prima di un rituale tradizionale di Halloween che debbono compiere le giovani donne non ancora sposate.

Il rito, che va compiuto esclusivamente la notte di Halloween, permette di evocare il fantasma di Bloody Mary, ovvero Mary Worth.

C’è un’altra famosa Bloody Mary, ovvero Mary Tudor, incoronata Maria I d’Inghilterra, pure lei molto horror visto che mandò al rogo più di 300 “eretici” durante la sua restaurazione del Cattolicesimo… ma questa è un’altra storia.

Come evocare la notte di Halloween il fantasma di Bloody Mary, ovvero Mary Worth.

La crema alla zucca è sicuramente una delle ricette autunnali più indicate per cucinare questo ortaggio in modo facile e veloce.

La Ricetta.

Ecco a voi la vera ricetta (e la leggenda) del Bloody Mary, il cocktail più horror che esista.

Cosa potrebbe mai esserci di più adatto per il vostro party di Halloween?

Il cocktail Bloody Mary, oltre a essere ottimo, serve per dare il coraggio necessario prima di un rituale tradizionale di Halloween che debbono compiere le giovani donne non ancora sposate. Il rito, che va compiuto esclusivamente la notte di Halloween, permette di evocare il fantasma di Bloody Mary, ovvero Mary Worth. (C’è un’altra famosa Bloody Mary, ovvero Mary Tudor, incoronata Maria I d’Inghilterra, pure lei molto horror visto che mandò al rogo più di 300 “eretici” durante la sua restaurazione del Cattolicesimo… ma questa è un’altra storia).

Leggi anche:  Le portate tipiche della cucina italiana: come sceglierle e in che ordine portarle in tavola.

La storia di Mary Worth.

Mary Worth era una vedova, a cui vennero rubati i figli. Disperata, li cercò ovunque senza successo, ma i suoi guai erano appena iniziati: fu infatti accusata di essere una strega e di averli uccisi lei per i suoi esecrabili rituali. Lei negò sempre, durante il processo, ma nessuno le credeva. Prima di poter essere condannata a morte, si suicidò.

Da allora vive negli specchi.

È possibile evocarla tramite un antico rituale che può essere praticato, come si diceva, solo la notte di Halloween e solo da parte di giovani donne nubili. La ragazza deve salire una rampa di scale camminando all’indietro, con una candela accesa in mano e uno specchietto nell’altra, e la casa non deve avere alcuna luce accesa (se non avete scale in casa, potete improvvisare utilizzando quelle del condominio, o anche una scaletta di tre gradini o qualcosa di improvvisato: l’importante è il simbolo). A questo punto l’evocatrice dovrà guardare nello specchio e dire “Io credo a Mary Worth”.

Bloody Mary apparirà, riflessa dietro la sua spalla, mostrando a suo fianco il viso del futuro marito della ragazza.

Esiste però anche la possibilità, è giusto tu lo sappia, che a fianco di Mary tu veda un teschio. Questo significa che sei destinata a morire prima di sposarti.

Ma attenzione: non devi assolutamente girarti a guardarla direttamente, ma sempre guardare la sua immagine riflessa nello specchio.

Se la guardi direttamente ti strapperà la faccia e caverà gli occhi, e infine ti porterà nello specchio con lei.

Leggi anche:  Ricette per Halloween la notte più paurosa di tutto l’anno: zucca grigliata.

Bloody-Mary-1

Ma veniamo al nostro drink.

Il celebre cocktail è generalmente attribuito all’attore statunitense George Jessel nel 1939. In verità, il cocktail di Jessel veniva sì chiamato Bloody Mary, ma era soltanto metà succo di pomodoro e metà vodka: non il Bloody Mary contemporaneo, quindi.

Questo fu creato dal francese Fernand Petiot, che rilevò il cocktail da Jessel e lo arricchì con le spezie e con la preparazione sofisticata che l’ha reso davvero inimitabile.

Sono poi sorte negli anni un’infinità di variazioni (per esempio con l’aggiunta molto popolare del Tabasco, o del succo di limone o di arancia) e di guarnizioni varie.

Noi riportiamo di seguito la ricetta originale di Petiot, a nostro avviso insuperata.

Ingredienti.

ingredients-green-metallic24x24 per 1 persone

60 ml di vodka ghiacciata
60 ml di succo di pomodoro denso e freddo
3 gocce di salsa Worcestershire
4 grosse prese di sale
due grosse prese di pepe nero
due prese di peperoncino di Cayenna

Preparazione.

preparacion-green-metallic-24x245′

  • Per prima cosa mettete a scaldare una pentola d’acqua per il brodo.
  • Intanto fate a tocchi non troppo piccoli la zucca, la patata e il porro.
  • Aggiungete il brodo granulare nell’acqua, mescolate e buttate la zucca, la patata e il porro a lessare per 30 minuti.
  • Intanto preparate sul vostro piano di lavoro il burro – che lascerete intanto ammorbidire a temperatura ambiente –, la panna, sale e pepe.
  • Appena la zucca, la patata e il porro sono pronti, scolate e passate nel robot da cucina prima che raffreddino del tutto.
  • Il segreto è che la crema sia completamente omogenea e senza alcun grumo.
  • Unite allora in una terrina di ceramica o di terracotta il cremino con il burro ammorbidito, la panna, sale e pepe.
Leggi anche:  Come creare un perfetto menù di Halloween: Pane dei Morti un dolce tradizionale.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Precedente Come creare un perfetto menù di Halloween: Crema di Zucca uno squisito primo piatto. Successivo Come creare un perfetto menú di Halloween: Tortelli di zucca, un primo piatto prelibato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.