Pasta frolla vegan semi integrale

Vi presento la mia pasta frolla vegan semi integrale, cioè la revisione 2.0 della mia prima pasta frolla vegan, realizzata anni fa con temerario spirito da sperimentatrice 😀 E non era riuscita per nulla male, seppur mostrando forse una certa dose di ingenuità dovuta alla mia inesperienza in materia di cucina vegana.
Ma sono passati tre anni e adesso posso vantare delle nuove conoscenze vegane, ad esempio la conquista di quel cremor tartaro che un tempo mi intimoriva 🙂 e posso perciò aggiungere una nuova frolla alla raccolta delle ricette-base di questo blog (ho una predilezione per le frolle, si evince? 😀 ).

Con questa nuova pasta frolla vegana ho realizzato una ricetta che mi è piaciuta tanto: la rivisitazione vegan di una ricetta tradizionale di cui nei giorni scorsi è stato pieno il web, cioè la torta della nonna vegan 🙂

Ma i miei figli hanno già prenotato i biscotti, perciò a stretto giro vi mostrerò le foto anche di quelli!

pasta frolla vegan semi integrale

Pasta frolla vegan semi integrale

Ingredienti
220 g di farina 0
80 g di farina integrale
50 g di zucchero di canna integrale
60 g di olio di semi di mais spremuto a freddo
90 g di acqua circa
mezzo cucchiaino di cremor tartaro
mezzo cucchiaino di bicarbonato
scorza di limone grattugiata a piacere (io mezzo limone)

Procedimento
Versare le due farine, il bicarbonato e il cremor tartaro in una ciotola oppure sul tagliere.

In alternativa potete usare tutta farina tipo 2 (cioè la farina semi integrale), oppure anche la tipo 1.

Nella fontana (che significa: fare un buco nella farina 😉 ) versare l’olio, l’acqua, la scorza di limone e lo zucchero. Mescolare con una forchetta finché lo zucchero sarà sciolto, poi incorporare poco alla volta la farina.

Impastare con le mani per ottenere un panetto.

Riporre in frigo per mezz’ora di risposo, come di consueto si fa per tutte le frolle.

pasta frolla vegan semi integrale

Dopo il riposo questa pasta frolla vegan semi integrale può essere utilizzata per fare crostate o biscotti, si lavora molto bene e si stende bene con il matterello senza sbriciolarsi.

Suggerimento: se siete abituati alla frolla classica e questo colore neutro non vi sembra adatto ad una frolla, potete aggiungere all’impasto una punta di cucchiaino di curcuma: aggiungerà una nota gialla all’impasto senza alterare il sapore 🙂

Enjoy!

Oggi sono stata di poche parole, non ci siete abituati eh? 🙂 devo correre subito a scrivere la prossima golosissima ricetta!!! 😀

Intanto, nell’attesa… vi invito a fare due chiacchiere sulla pagina Facebook
e a visitare le mie bacheche Pinterest

🙂

Precedente Crostata di riso, un sorprendente riciclo Successivo Torta della nonna vegan (alle mele oppure no)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.