Crea sito

Cestini di frolla vegan con ripieno di orzo e tofu

Alla fine, dopo varie peripezie, errori di cottura, ripensamenti… ho sfornato dei cestini di frolla vegan con ripieno di orzo e tofu buonissimi 🙂

Ho tanto titubato. Era la prima volta che cuocevo l’orzo decorticato, ed era la prima volta che usavo l’orzo in un dolce, perciò ne avevo di motivi validi per titubare 😀
Ma Flavia è stata entusiasta di questi dolcetti, stava per farne indigestione! E vuole assolutamente che li ripeta a breve.
Infatti, giusto ieri, ho già ricomprato l’orzo decorticato e mi appresto a ripetere la ricetta per far contenta lei, e per poterne mangiare anch’io uno in più, visto che mi sono spariti tutti da sotto al naso in un baleno!
E già che ho ancora del ribes nel frigo, quasi quasi ne approfitto per testare subito subito una variante che ho in mente. Così se faccio in tempo ad aggiornarvi sul risultato potreste anche trovare scritta la variante prima ancora che la ricetta venga pubblicata!

In ogni caso mi raccomando eh, non prendete impegni per lunedì alle ore 12 perché è quella l’ora in cui tutte le ricette Light and Tasty vedono la luce. Ahhhhh ma lunedì ore 12… è adesso!!!! 😀

Bene, sono pronta! Vi presento la mia ricetta per l’appuntamento ‘Leggero e Gustoso’ di oggi, argomento del giorno: l’orzo. Del quale ho scritto un tutorial per la cottura giusto due giorni fa, così se anche voi come me vi state avvicinando solo ora all’orzo… fra poco l’orzo non avrà più segreti per voi!

Provateli subito questi cestini di frolla vegan con ripieno di crema di tofu e orzo!
Scoprirete che l’orzo, per di più decorticato, nei dolci ci sta benissimo, e scoprirete che i dolci vegan sono buonissimi, casomai non lo sappiate già 😉

cestini di frolla vegan con ripieno di orzo e tofu v
  • DifficoltàMedia
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni18
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

per la frolla vegan

  • 200 gfarina 0
  • 150 gfarina integrale
  • 70 golio di semi di mais
  • 60 gzucchero di canna
  • 100 gacqua
  • 7 glievito in polvere per dolci (approvato vegan)
  • 10 gscorza d’arancia (oppure di limone)

per il ripieno

  • 380 gorzo decorticato (pesato da cotto)
  • 250 glatte di riso
  • 130 gtofu
  • 110 gzucchero di canna
  • 15 gfecola di patate
  • q.b.ribes (per la decorazione)

Preparazione

Preparazione della pasta frolla vegan

  1. frolla vegan per cestini con orzo e tofu

    La frolla deriva, con pochissime varianti, direttamente dalla mia ricetta oramai collaudata che potete trovare QUI. Ho solo variato le proporzioni tra gli ingredienti per ottenere la quantità di frolla giusta per questa ricetta.

    Si può usare una quantità di farina integrale maggiore (anche tutta, in questo caso dovrà essere aumentata un po’ la parte liquida).

    Se non avete la scorza d’arancia potete usare la scorza di limone, io ho usato la scorza d’arancia che avevo congelato sul finire della scorsa stagione delle arance. Eventualmente va bene anche la polvere d’arancia che avete essiccato, oppure la scorza d’arancia candita che sicuramente avete in frigo di scorta 😉

Preparazione del ripieno

  1. orzo cottura con latte di riso

    Per prima cosa occorre cuocere l’orzo.

    L’orzo decorticato necessita di ammollo pre-cottura perciò per maggiori dettagli sull’ammollo e sulla cottura dell’orzo consiglio di seguire le istruzioni che ho scritto nel recente articolo dedicato alla cottura di base di questo cereale.

    Dopo l’ammollo (di una notte) e una cottura per assorbimento di 45-50 minuti, l’orzo avrà assorbito tutta l’acqua utilizzata per la cottura (proporzione orzo/acqua di 1 a 3). Aggiungere all’orzo il latte di riso, 60 g di zucchero e la scorza d’arancia (io anche un pezzetto di limone) e far bollire di nuovo fino ad assorbimento di tutto il liquido (più o meno è analogo al procedimento di cottura nel latte del grano cotto per la pastiera).

  2. crema di tofu per ripieno cestini

    Mentre l’orzo cuoce preparare una crema di tofu procedendo in questo semplice modo: frullare con il robot il tofu a pezzetti con 50 g di zucchero e 15 g di fecola. Frullare bene fino ad ottenere una crema liscia. Se necessario si può facilitare il robot aggiungendo un cucchiaio di latte di riso.

  3. orzo + crema di tofu

    Quando l’orzo è cotto lasciarlo intiepidire quindi unirvi la crema di tofu.

Realizzazione e riempimento dei cestini

  1. cestini di frolla vegan

    Dividere la pasta frolla in 18 porzioni (dovrebbero essere tra i 35 e 40 grammi l’una).

    Realizzare ogni cestino inserendo ogni porzione di pasta in una formina in silicone (o altro stampo preferito) e sagomando con i pollici la pasta, come mostrato nella foto seguente:

  2. cestini di frolla vegan ripieni di orzo e tofu da cuocere

    Riempire ogni formina con due cucchiaini di crema di orzo e tofu.

    Ho fatto questi cestini due volte (alla fine quello che ipotizzavo nell’introduzione è accaduto 😀 ): la prima volta ho decorato prima della cottura con una mandorla in superficie e poi con ribes fresco aggiunto dopo la cottura (foto di copertina). La seconda volta ho arricchito il ripieno aggiungendo i chicchi di ribes sia all’interno che sopra al composto prima della cottura.

Cottura e… mmm ma che buoni!!!

  1. Cuocere in forno a 180 gradi per 20 minuti. Se il bordo del cestino si cuoce troppo in fretta abbassare leggermente la temperatura e prolungare la cottura di 5 minuti per dar modo al composto di rapprendersi.

    Il composto è morbido finché il ripieno rimane caldo, raffreddandosi si rapprende.

    Questi cestini di frolla vegan ripieni di crema di tofu e orzo sono davvero buoni, un ottimo esempio di dolce vegano che non può non piacere anche a chi vegano non è 🙂

    Ed è pure un dolce poco dolce, eppure golosissimo.

    Buoni anche tiepidi, consiglio comunque di lasciarli raffreddare per gustare appieno il senso del famoso detto uno tira l’altro 😀 ma davvero eh!

    cestini di frolla vegan con ripieno di orzo e tofu

Varianti e consigli

Varianti al ripieno: come già accennato, si può aggiungere il ribes nel ripieno, oppure altri piccoli frutti come mirtilli o uvetta; ottima anche l’aggiunta di mandorle tostate oppure di pinoli (anche se questi ultimi non ho avuto il tempo di provarli ma mi ispirano). Un’altra interessante variante è quella di sostituire la fecola con farina di cocco, magari aggiungendone anche in superficie come decorazione dopo la cottura.

Varianti alla frolla vegan: ho provato a sostituire la farina integrale con la farina di grano saraceno e mi ha molto soddisfatta (la foto della formatura del cestino con la mano è proprio di questa variante al grano saraceno).

Vi aspetto anche:

Sulla mia pagina Facebook

Le mie bacheche Pinterest

La mia Newsletter

E vi invito ad iscrivervi al mio gruppo! Il gruppo di Catia, in cucina e oltre

Info WW Propoints

Per chi fosse interessato alla WW Propoints, lo stile alimentare che sto seguendo con ottimi risultati, il calcolo punti per questa ricetta è di 4,7 p. per ogni dolcetto (considerando che ho ottenuto un numero totale di 18 pezzi). Buona dieta a tutti 😉

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

10 Risposte a “Cestini di frolla vegan con ripieno di orzo e tofu”

    1. Grazie cara Milena! Ti dirò che sono anche più buoni di quel che ci si può aspettare, e anzi adesso mi sa che per un po’ smetto di farli perché ne mangio troppi!! 😀 😀

  1. ma che cestini deliziosi, sono sicura che piacerebbero tanto anche a Tommi, e poi uno tira l’altro… ottima questa proposta e poi il “lato dolce” dell’orzo mancava a questa uscita! Bravissima!

    1. Essendo quasi coetaneo di Flavia penso possano piacergli… dato che a lei sono strapiaciuti e pure troppo oserei dire 😀 è già finita in un lampo anche la seconda sfornata! 😀
      Grazie Elena! (magari essere ritardatari a volte può dare quel non so che nella scelta della ricetta 😀 😀 )

  2. Sai che avevo una gran voglia di leggere ingredienti e procedimento????
    Sono favolosi! Io poi adoro questi dolcetti “in un sol boccone” e capisco come abbiano fatto a terminare in un attimo 😉
    Complimenti, ottima proposta.
    Un bacio

    1. Un’idea vegana, che naturalmente può essere sveganizzata, se occorre 😀 Di solito si fa il contrario, ma nessuno ci impedisce di provare 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.