Maionese vegana

Eccomi qua! Stavate aspettando una ricetta fantastica? Eccola! E’ la mia strepitosa maionese vegana! Per la serie: a volte è utile frequentare i corsi di cucina! 😆

maionese vegana
Maionese vegana – senza uova, con latte vegetale

Beh, certo, non è che per fare una maionese vegana sia poi così indispensabile frequentare un corso di cucina! Basta navigare un po’ in rete per trovarne un mare! di ricette della maionese vegana. Magari diverse tra loro, con ingredienti diversi e proporzioni diverse ma tutte sono fatte così: senza uova e con latte vegetale al posto del latte vaccino. E pensare che fino a qualche tempo fa credevo che fare la maionese fosse difficile! 😀

Maionese vegana

Chissà perché, davvero me lo domando, ma perché mai ho aspettato tanto a fare questa maionese vegana? E’ semplicissima e la descrizione può riassumersi in queste poche parole: pochi ingredienti, un frullatore, qualche minuto di tempo… et voilà! La maionese vegana è pronta 😀

Ingredienti
100 ml di latte di soia (per la precisione io ho usato un latte misto soia-riso, poi nel procedimento approfondisco)
150 ml di olio di semi di mais (o girasole)
3 cucchiaini di succo di limone
2 cucchiaini di aceto
1 cucchiaino scarso di curcuma
1 cucchiaino di senape

Procedimento
Inizio, come anticipato negli ingredienti, approfondendo.
Volete sapere perché ho usato un latte misto soia-riso? Semplicemente perché per motivi a me oscuri mi riesce difficile trovare il latte di soia non zuccherato. Nel supermercato dove vado di solito a fare la spesa trovo solo il latte di soia dolcificato, di varie marche ma sempre dolcificato.
Non escludo che in altri supermercati possa essere venduto, e di certo ci sarà nei negozi bio e di prodotti naturali, ma ultimamente ho pochissimo tempo disponibile, faccio la spesa sempre di corsa e il frequentare un supermercato conosciuto, dove so dove si trovano le cose, dove non devo aggirarmi fra gli scaffali alla ricerca della farina o dello zucchero (oh, lo zucchero non è mai dove si pensa! ve ne siete accorti anche voi?), insomma, mi risulta rassicurante.
Perciò, avevo in casa questo latte misto soia e riso, non zuccherato, che avevo acquistato uno forse due mesi fa e che, devo dirlo, mi piace. Così l’ho usato per fare la maionese vegana. Anche se c’è chi dice che con il latte di riso la maionese non dà buoni risultati. Ma questo latte ne contiene solo una percentuale, per il resto si tratta di latte di soia.
Comunque.
Riguardo questo latte misto, è un latte non dolce, il latte di riso che contiene è più dolce del latte di soia, è vero, ma qui non stona, non rende dolce questa bevanda, che perciò può essere usata in preparazioni salate, ehm, salate… volevo dire… non dolci 🙂 E quindi, finché non mi deciderò ad iniziare a produrmi da sola il latte di soia, questo latte misto soia e riso userò! Eh, non vedo l’ora di autoprodurmi il latte di soia. Ma ci arriverò. (Aggiornamento: ci sono arrivata! Eccolo QUI il mio latte di soia! 😀 )

Ok. Ho finito l’approfondimento. 😀

Ecco il procedimento! (Facilissimo!):

Versare il latte in un contenitore stretto e dai bordi alti.
Aggiungere poco olio e frullare brevemente con un frullatore ad immersione.
Aggiungere il limone, l’aceto, la senape e la curcuma, frullando dopo ogni aggiunta.
Versare il resto dell’olio a filo continuando a frullare. Muovere il frullatore ad immersione dall’alto in basso e viceversa fino a quando la consistenza della maionese non sarà di vostro gradimento. Saranno sufficienti pochi secondi, forse mezzo minuto, forse un minuto. Insomma, non ci ho fatto molto caso, ma pochissimo tempo, ve l’assicuro.

Fine.

Considerazioni e consigli:
1. Più leggera di così credo che una maionese non possa essere, visto che non ha le uova, ma l’olio, eh, quello c’è e non c’è modo di eliminarlo da una maionese, per quanto mi è dato sapere. Perciò tenetene conto, se state seguendo una dieta a basso tenore di grassi.

2. Se siete sprovvisti di latte di vegetale potete usare anche il latte vaccino. La vostra maionese non sarà più vegana, ma sarà comunque senza uova, e sarà ugualmente ottima.

3. Al posto del frullatore ad immersione si può utilizzare il frullatore classico. E infatti al corso di cucina proprio quello abbiamo usato. Ma io mi sento di consigliarvi quello ad immersione, è una dritta che mi ha passato mia cognata e io approvo in pieno. Eh, mia cognata, devo dirlo, cucina molto bene (a parte che usa il sale 😛 😀 ) e dei suoi consigli c’è sempre da fidarsi. Usate il frullatore ad immersione e otterrete una maionese morbida eppure consistente, nonché cremosa. Una bontà!

Senza sale

A proposito di sale, ovviamente io non l’ho usato. Ovvio. Ma voi… se non avete mai provato a ridurre il sale nei cibi… beh, come sempre, sentitevi liberi di aggiungerne un pizzico (ma solo un pizzico! 😉 ) perché… raffrontata ad una maionese classica confezionata, che è quella normalmente usata da tutti, è ovvio che una maionese vegana senza uova e per giunta senza sale possa sembrare insipida, ma vi assicuro che è tutta un’ “invenzione” del vostro palato! 😉 Continuate nel vostro percorso di riduzione, e vedrete che il vostro palato si abituerà e comincerà a sentire i sapori veri dei cibi 😀

A noi, che orgogliosamente ci vantiamo di non essere più sapore-salato-dipendenti, a noi la nostra maionese vegana senza sale piace un sacco!!!! E oggi ce la siamo pappata così, con le mie polpettine vegane in crosta di semi:

polpettine con maionese vegana
Maionese vegana – con le polpettine di patate e verdure è una bontà

Enjoy!

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Grazie per essere passati nel mio blog 😀

Seguitemi anche su Facebook! Cliccate qui!! 🙂

Precedente Yogurt con fragole e nocciole Successivo Corso di cucina vegetariana e vegana - 1a Lezione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.