Impasto alla birra con esubero di licoli

Vi presento una nuova pasta lievitata: l’impasto alla birra.

Un impasto che inserirò subito in due diverse raccolte:

– nella raccolta delle ricette di base, poiché si tratta di un impasto-base adatto a varie ricette, dal pane (anche ripieno) alle pizze, e focacce,

– e anche nella raccolta delle ricette antispreco e del riciclo, perché è lievitato con l’esubero (di licoli) (che uso sempre, mai buttato l’esubero) ed è impastato con birra avanzata.

A volte succede che non beviamo tutta la birra, soprattutto quando compriamo le bottiglie un po’ più grandi. A voi succede?

Il più delle volte mi metto ad impastare subito dopo cena, appositamente per usare la birra avanzata dalla cena appena conclusa, così l’impasto lievita durante la notte e per il pranzo del giorno dopo ho il pane pronto.

Ma se non posso, o sono stanca, o mi va di mettermi sul divano (eh sì succede! 😄) chiudo bene la bottiglia e la metto in frigo e poi la uso nei giorni successivi, magari rabboccandola con l’eventuale avanzo di un’altra bottiglia, tanto poi quando la si usa per impastare va benissimo ugualmente. Ehhh che posso farci se non ho il coraggio di versare la birra avanzata nel lavello? Anni fa lo facevo, ma da quando ho imparato ad usarla negli impasti non lo faccio più, è proprio la cosa giusta da fare!

Eccolo qua, per me è bellissimo questo impasto alla birra. Ed è proprio quello che ho usato per realizzare la prossima ricetta.

PS: Naturalmente, se a voi non succede mai di avanzare della birra (non che non vi capisca eh 😀) si può usare anche birra appena e appositamente aperta. Poi, eh sì, comunque vi avanzerà della birra… che qualcuno dovrà pur bere! Stesso giro, ma al contrario. 😄

impasto alla birra con esubero di licoli
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di riposo10 Ore
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g farina 0 (manitoba)
250 g farina integrale
260 g birra
150 g lievito madre liquido (esubero)
20 g olio

Strumenti

Procedimento

Il procedimento è semplicissimo, e simile a quello di altri impasti come ad esempio questo impasto con licoli e kefir.

Versare nella ciotola della planetaria (ma si può anche impastare a mano) le farine, l’esubero di licoli, la birra e un cucchiaio d’olio.

Impastare con il gancio per impasti.

impasto alla birra, planetaria

Ungere la ciotola della planetaria (o se lo si preferisce trasferire l’impasto in un’altra ciotola) con un cucchiaino d’olio per evitare che durante la lievitazione la pasta si attacchi alle pareti, e lasciarlo lievitare a temperatura ambiente per circa 10 ore, con la ciotola coperta con pellicola.

Fine. (Ma date un’occhiata anche alle note dopo la foto!)

Eccolo, ve lo mostro così il mio impasto alla birra, rovesciato dalla ciotola sul tagliere dopo esattamente 9 ore e 45 minuti, e pronto per essere trasformato in un pa…

…ehh dai… ve lo svelo con la prossima ricetta! 😃

impasto alla birra con esubero di licoli

Info, consigli e variazioni:

☝ Durante la prima ora di lievitazione può essere utile procedere con alcune pieghe stretch and fold (per 2 o 3 volte, ogni 15 minuti circa). Si tratta di pieghe di rinforzo che si eseguono tirando (stretch) dei lembi dal bordo dell’impasto e poi ripiegandoli (fold) verso il centro. Hanno lo scopo di far inglobare aria all’impasto e di favorire lo sviluppo della maglia glutinica (per altri dettagli e per alcune foto di questo tipo di pieghe date un’occhiata a questo pane con autolisi e a questi panini speziati).

👉 Poiché la temperatura ambiente non è stabile e varia a seconda delle stagioni, è bene monitorare la lievitazione e considerare le ore di lievitazione come riferimento indicativo. L’impasto sarà lievitato quando sarà raddoppiato.

☝ L’uso dell’esubero allunga un po’ il tempo di lievitazione, con un licoli rinfrescato e attivo possono bastare 8 ore.

👉 Se la birra non è sufficiente (se state anche voi riciclando della birra avanzata) la parte mancante può essere sostituita semplicemente con acqua.

👉 È possibile sostituire la farina integrale con altra farina 0, o con farina tipo 1 e tipo 2 (cambiando le farine può variare leggermente anche la quantità di birra da utilizzare).

Consigli senza sale

Senza sale Come tutte le mie ricette, e quindi tutti i miei lievitati, anche questo impasto alla birra è del tutto senza sale aggiunto. 😉

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:
Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
Preferire i cibi freschi.
Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
Evitare di portare in tavola la saliera!
Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:
Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini.

Seguimi!

sulla mia pagina Facebook

sulle mie bacheche Pinterest

nel mio gruppo Il gruppo di Catia, in cucina e oltre

oppure… iscriviti alla mia Newsletter

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.