La mia cheesecake di panna e kefir

Vi presento oggi una nuova versione della mia cheesecake di panna e kefir. E’ la ricetta top di questo periodo qui a casa mia, un dolce che sta riscuotendo un gran successo e proprio per questo motivo l’ho scelto per festeggiare i due anni di blog. 🙂

la mia cheesecake

Eh sì, oggi ricorre il secondo anniversario del blog, ben due anni dalla pubblicazione della primissima ricetta!

Accidenti! come passa il tempo! Eh, non potevo non farla questa battuta scontata 🙂 ma cavoli, è la pura verità! Ben due anni! di ricette, di articoli, di consigli senza sale, di lavoretti (alcuni, eh, mica tanti), di parole (tante, eh sì, a volte).
Tante parole… tante davvero? Forse un foodblog dovrebbe essere fatto di sole ricette, senza tante chiacchiere o racconti, forse. E vi assicuro che io a volte ci provo, a scrivere di meno, ma mica sempre ci riesco! Anzi, forse più passa il tempo, più… più….
Ho dato un’occhiata ad alcune ricette dei primi mesi di blog ed erano tutte un po’ più concise, ecco, un po’ meno “raccontate”… Non so dire cosa più o cosa meno, quello che so è che mi diverto di più adesso, a scrivere, a leggere, rileggere, correggere, riscrivere… E poi comunque i blog in cui c’è molto da leggere a me piacciono, mi sono sempre piaciuti, ne frequentavo diversi prima di aprire il mio, e ancora li frequento e ancora li leggo.
Insomma è così, leggere mi piace, e scrivere pure. E scrivere mi piace nello stesso modo in cui mi piace cucinare.
Sembra strano? E’ così davvero. Mi sono resa conto nel tempo, che scrivo e cucino esattamente con la stessa modalità: mi siedo qui al pc dicendomi “oggi voglio scrivere una ricetta breve”, ma poi dopo le prime frasi introduttive mi si dipana davanti tutta una trama di cose da dire, che devo dire. Perché mai non dovrei dirle? 🙂
E la stessa cosa mi succede quando mi metto a cucinare! A volte metto su l’acqua per la pasta pensando “oggi preparo in fretta”, chiamo tutti dicendo “fra dieci minuti è pronto”, poi invece li faccio aspettare due ore! perché in corso d’opera ho deciso di preparare anche questo e quello e quell’altro. A volte addirittura faccio scuocere la pasta (ebbene sì, succede) perché mi accorgo, ad esempio, di non avere il pane e allora mi metto a fare due grissini al volo, dimenticandomi della pasta! 🙄

Vabbe’, dai, sorvoliamo. Lasciamo perdere i difetti! e parliamo delle cose che mi vengono bene! 😀 Ecco, parliamo della mia cheesecake di panna e kefir!

la mia cheesecake

L’avevo fatta, anzi ri-fatta, una decina di giorni fa per il mio compleanno. E lì mio padre, di fronte alla sua seconda fetta, dice questa cosa bellissima: “è il dolce più buono che abbia mai mangiato” 😀 Wow! Dopo un complimento del genere… una ricetta non può non finire dritta dritta nel cassetto delle ricette di famiglia! di quelle ricette da non dimenticare più e che vanno tirate fuori ad ogni compleanno, ad ogni anniversario, ad ogni ricorrenza, ad ogni “mamma quando la rifai?”.
Ecco, è stato lì in quel momento che la mia cheesecake di panna e kefir si è guadagnata il posto d’onore di “ricetta per festeggiare i due anni di blog”. Eh, in ordine di tempo il compliblog è l’ultima delle parecchie ricorrenze di casa nostra capitate tutte chissà perché nel mese di febbraio.

Lo scorso anno, in occasione del primo anno di blog, vi avevo raccontato nella ricetta dei panini al latte tutto l’antefatto, tutti i motivi che mi avevano portato ad aprire il blog e le circostanze in cui il tutto era avvenuto.

Quest’anno voglio farla breve (ahah! visto? io ci provo, a scrivere poco!!). 🙂

Quest’anno, una sola cosa importante voglio dire:
Grazie! 🙂

A chi mi segue, a chi mi ha scritto dei commenti bellissimi, a chi partecipa alle chiacchiere sulla pagina FB, a chi ha provato le mie ricette e mi ha mandato la foto (sono tutte qui!) e anche a chi non ha mandato la foto (se però il motivo è che la ricetta non vi è piaciuta… fatemelo sapere, mi raccomando!).
A mio marito, che certe sere mi dà per dispersa chissà dove, mentre io semplicemente sono qui al pc, che scrivo, correggo, scelgo foto, mi documento, rispondo ai commenti. Faccio anche un po’ di chiacchiere con le amiche blogger, eh questo devo dirlo 🙂
A mia figlia, che è un tesoro perché a volte mi aiuta con il blog (ad esempio per le foto di questa ricetta e per questo lavoretto dove si era prestata addirittura a fotografare il passo-passo), a volte cucina (ecco le sue ricette, in ottima evoluzione!), e a volte vorrebbe cucinare di più ma non può farlo (per colpa mia, lo riconosco con senso di colpa, perché spesso monopolizzo gli spazi e caccio tutti dalla cucina!).
E, come si suol dire ultimo ma non ultimo, grazie a mio figlio, che… si guarda bene dal volermi aiutare in cucina! 😀

La mia cheesecake

Ingredienti per la base
140 g di savoiardi
60 g di amaretti
20 g di farina di cocco
80 g di burro

Ingredienti per la crema
1 confezione di panna da montare (250 g)
130 g di kefir (yogurt)
50 g di zucchero a velo

Ingredienti per la decorazione
4 cucchiai di marmellata d’amarene
mandorle tritate q.b.
2 cucchiai d’acqua

Procedimento
Preparare la base tritando i savoiardi, gli amaretti e il cocco nel robot da cucina.

Far sciogliere il burro (io nel microonde come sempre), unirlo ai biscotti tritati e amalgamare bene.

Distribuire il composto sul fondo e sul bordo di una tortiera con bordo sganciabile (la mia è da 22 cm) e premerlo con le dita (o con il dorso di un cucchiaio) per compattarlo. Dopo i primi esperimenti in cui mettevo la base solo sotto (come si può notare dalle foto della cheesecake all’arancia QUI) adesso ricopro anche il bordo perché la cheesecake viene più bella da vedere, secondo me, e anche la fetta viene più bella.

Mettere la base in freezer per circa 15 minuti.

Nel frattempo montare la panna, dolcificata con 50 grammi di zucchero a velo.
Quando la panna è montata, aggiungere lo yogurt di kefir (*), mi raccomando che sia ben denso (**), dopodiché frullare brevemente per amalgamarlo alla panna montata.

Togliere la base dal freezer e distribuirvi sopra tutta la crema di panna e kefir.

la mia cheesecake

Riporre di nuovo in freezer per mezz’ora, o più (si può anche congelare).

Per la decorazione oggi ho usato la marmellata di amarene, ma il giorno del mio compleanno avevo usato la marmellata di fragole, mi piacciono entrambe, e non so decidere quale sia la mia preferita.

Per distribuire la marmellata procedere in questo semplice modo: ammorbidirla con 2 cucchiai d’acqua (regolarsi in base alla consistenza della marmellata) e mescolare bene. Distribuirla sulla cheesecake spalmandola con il dorso di un cucchiaio.

la mia cheesecake

Completare con alcune mandorle tritate al coltello (si possono usare anche le mandorle a lamelle).

Riporre di nuovo in freezer per far raffreddare la marmellata. Nel caso abbiate deciso di congelare la cheesecake, potete scegliere di mettere la marmellata prima oppure dopo il congelamento a seconda di come vi piace di più (o di come vi torna comodo).
Se congelata, occorrerà lasciare la cheesecake a temperatura ambiente per circa 15 minuti prima di servirla.
In ogni caso, tengo a sottolineare che questa cheesecake necessita sempre e comunque di un passaggio in freezer per far compattare la crema (non è sufficiente il frigorifero), essendo fatta senza colla di pesce o altri addensanti.

Enjoy!

la mia cheesecake

(*) Se volete saperne di più sul kefir, QUI trovate la pagina dedicata.

(**) Se volete saperne di più su come ottenere uno yogurt di kefir denso, QUI trovate le semplicissime istruzioni per separare il siero dallo yogurt (scorrere l’articolo fino alla foto del colino), oppure QUI (foto del tovagliolo appeso).

Senza saleVisto che la ricetta di oggi è dolce, per oggi ve le risparmio tutte le mie ramanzine sul sale! Ma non temete, tornerò alla carica nei prossimi giorni, eheheh!

Grazie per aver letto questa ricetta, e grazie per averla letta fino in fondo! 🙂

Arrivederci alla prossima ricetta e al prossimo compleanno del blog!

Vi aspetto sulla pagina Facebook! 🙂

Precedente Biscotti di brisée a forma di cuore Successivo Seitan al limone e zenzero

2 commenti su “La mia cheesecake di panna e kefir

  1. catia il said:

    ciao, complimenti per il nome…. CATIA CON LA C ” COME ME'”, oggi qui da me ha nevicato tantissimo, e che fare per far passare la giornata? la tua fantastica
    cheesecake (estiva !!!) ma io ne vado matta….quindi va bene anche oggi.
    domani grande assaggio ti diro com’è venuta ma vista cosi’ uno spettacolo.
    Tanti complimenti per il tuo blog,molto interessante….credo ci passero’ spesso a dare una sbirciatina,
    intanto ti auguro una buona girornata….by Catia.

    • catiaincucina il said:

      Ciao Catia con la C!! Ahah, anche tu hai sempre avuto questo perenne problema? Domanda classica: “Con la K?” risposta: “No con la C”. E poi ti accorgi appena uscita dall’ufficio di turno che sul documento è scritta con la… K!!! Oooommmmm 😛
      Quanto alla cheesecake… no no, non è solo estiva! E’ universale!! 😀 Ehi, mi raccomando, non mangiarla troppo congelata, non è un semifreddo, ma soprattutto perché un po’ ammorbidita dà il massimo in quanto a sapore e “scioglievolezza” al palato 🙂 e in più la base risulta più friabile (perlomeno io la preferisco così). Fammi sapere, eh!
      Curiosità: anche tu kefir? o yogurt?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.