Tzatziki con il kefir

Lo tzatziki è una di quelle ricette che da tanto tempo volevo provare ma che sempre rimandavo. E pensate un po’ che fino a pochi anni fa neanche sapevo cosa fosse, lo tzatziki!

tzatziki con il kefir

Non essendo mai stata in Grecia non ho mai avuto l’onore di assaggiare uno tzatziki originale, e il caso ha voluto che non mi sia mai capitato neanche di assaggiare una versione italianizzata, o personalizzata, e neanche confezionata (be’, lo tzatziki confezionato l’ho proprio evitato volontariamente, sono sincera).

Insomma, niente tzatziki finora.

Dopo aver aperto il blog avevo visto che tante blogger proponevano una loro versione, e l’idea di provarlo aveva cominciato a solleticarmi.
Ma a questo punto era sorto un ulteriore “problema”, che in effetti avrei dovuto tenere in considerazione fin dal primo momento: i cetrioli piacciono poco a mio marito e sono, posso dirlo, letteralmente odiati dai miei figli. 🙄

E allora? Che lo faccio a fare lo tzatziki se poi me lo devo mangiare tutto da sola? La domanda era lecita, no?

Poi che succede? Succede che durante l’estate scopro, e imparo a produrre. il kefir, in versione yogurt e poi anche trasformato in formaggio spalmabile.

Aperta parentesi: eccolo qua il mio kefir:

tzatziki - kefir

Chiusa parentesi 🙂

Di conseguenza, succede anche che fra tutte le varie sperimentazioni che ho fatto per usare il kefir nelle mie ricette c’è anche l’esperimento tzatziki 😉
È stata una delle prime ricette che ho provato (e poi ripetuto più volte!).

Perciò, dai, se anche voi volete provare lo tzatziki, e per di più alternativo, cioè fatto con il kefir, eccovi la mia ricetta.

Ah, naturalmente la ricetta originale prevede l’uso di yogurt greco, quindi se non avete o se non vi piace il kefir sostituitelo tranquillamente con lo yogurt 🙂

tzatziki con il kefir

Tzatziki con il kefir

Ingredienti
100 g di kefir (yogurt)
70 g di cetriolo
mezzo spicchio d’aglio (se l’aglio vi piace, anche 1 intero)
alcune foglioline di menta oppure aneto
1 cucchiaino di olio extravergine
pepe oppure peperoncino
alcune gocce di limone o di aceto (facoltativo)

Nota: è possibile preparare lo tzatziki anche a occhio aggiungendo al cetriolo grattugiato la quantità di yogurt che si preferisce fino ad ottenere la consistenza gradita.

Procedimento
Grattugiare il cetriolo usando una grattugia a fori grossi.
È possibile usare il cetriolo sia con la buccia che sbucciato, io a volte l’ho fatto con la buccia e a volte senza, perché a me il cetriolo piace in entrambi i modi. Oggi vi mostro la versione con cetriolo sbucciato.

In una ciotola mescolare il cetriolo allo yogurt di kefir (deve essere abbastanza denso, eventualmente fatelo sgocciolare un po’, come vi ho spiegato per il formaggio spalmabile).

Tritare l’aglio e aggiungerlo alla salsa insieme alla menta, oppure all’aneto, e mescolare.

Insaporire con olio e pepe o peperoncino.

Eventualmente (ve li ho dati come facoltativi) si possono aggiungere alcune gocce di limone o di aceto, anche mezzo cucchiaino per le quantità che vi ho indicato. Io li ho provati entrambi, ma alla fine ho deciso che, essendo il kefir già abbastanza asprigno di suo, l’aggiunta di un ingrediente acido non sia troppo indicato. Per me.

Trovo invece che il peperoncino ben si addica.

Riporre in frigo per almeno un’ora.

Spalmare su fette di pane o crostini oppure utilizzare come salsa di accompagnamento per carni bianche (ideale con il pollo, ad esempio questi filetti speziati 🙂 ).

Enjoy!

tzatziki con il kefir

Se volete qualche informazione in più sullo tzatziki originale vi rimando qui.

Senza sale E ora, come sempre, vi ricordo che io cucino senza sale aggiunto e vi saluto lasciandovi i miei consueti consigli senza sale 🙂

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Vi aspetto su Facebook!! e su Pinterest!!

Precedente Dado granulare vegetale (con essiccatore) Successivo Ciambella alle pere

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.