Crea sito

Quiche di patate, spinaci, ricotta e provolone

Una quiche, o torta rustica, o torta salata, insomma chiamatela come preferite (giusta o meno che sia la definizione 😀) non manca mai a casa nostra una volta a settimana, più o meno come non manca mai una pizza, come non manca mai una piadina farcita, come non mancano mai pane e pasta (ma quelli tutti i giorni eh). È una di quelle ricette con cui riesco sempre ad accontentare questi due figli “difficili” con le verdure: con una quiche non importa come sia il ripieno perché, chissà perché, viene sempre golosa, sebbene contenga sempre anche (e almeno) una verdura!

Di solito modifico il ripieno in base a quello che offre il mio frigo, però un paio di ingredienti sono basilari: le patate e la ricotta. Per quanto mi è possibile cerco di non rimanerne mai sprovvista perché sono versatili in cucina, sono d’aiuto nella preparazione di piatti veloci, e nelle torte salate danno consistenza al ripieno.

quiche di patate e spinaci

Il bello è che si adatta a tante diverse situazioni. Può essere servita come antipasto o come secondo, come piatto unico o come stuzzichino da aperitivo, in tal caso tagliata a quadretti. E poi è perfetta nei buffet delle feste di compleanno: ne preparo un certo numero, ognuna con un ripieno diverso, e vengono sempre molto apprezzate sia dai bambini che dagli adulti.

quiche agli spinaci

Questa sera l’ho preparata così:

Quiche di patate, spinaci, ricotta e provolone

Ingredienti
1 pasta brisée (o in alternativa un rotolo di brisée confezionata)
3 patate
100 g di ricotta
50 g di provolone
3 cubetti di spinaci surgelati (+ 1 spicchio d’aglio, poco olio e pepe)
pangrattato
pecorino grattugiato (ma è perfetto anche il parmigiano)

Procedimento
Ho pelato e tagliato a pezzetti le patate e le ho lessate (nel microonde), a cottura ultimata le ho schiacciate grossolanamente con la forchetta.
Ho scongelato gli spinaci (nel microonde) e fatto insaporire in padella con aglio, olio e pepe.
Ho mescolato in una scodella la ricotta, le patate, gli spinaci e il provolone tagliato a dadini (lasciandone una piccola parte per dopo).
Ho steso la pasta brisée sulla teglia e l’ho cosparsa con il composto.
Sul composto ho aggiunto i dadini di provolone che avevo lasciato da parte poco prima, premendoli leggermente, e ho cosparso il tutto di pangrattato e poi di pecorino grattugiato. Infine ho ripiegato il bordo della pasta.

Ho infornato per 20-25 minuti a 220°.

E questa foto ve la mostro perché quella crosticina bruciacchiata, anche se è poco fotogenica, a noi piace! 😀

quiche di patate, spinaci, ricotta e provolone

Senza sale

Vi ricordo che io cucino senza sale aggiunto 😉

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Vi aspetto sulla mia pagina Facebook,

sulle mie bacheche Pinterest,

e… iscrivetevi al mio gruppo! Il gruppo di Catia, in cucina e oltre!

E se vi va potete iscrivervi anche alla mia Newsletter 😃

Grazie per essere passati di qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.