Gomasio al sale di sedano

Ho provato a fare il gomasio al sale di sedano. Soddisfazione a mille!! 😀

Come sapete, il gomasio è un alleato prezioso quando si cucina senza sale, e stessa cosa si può dire del sale di sedano, chi di voi lo ha provato può senz’altro confermarlo.
Ecco perché mi è venuta l’idea di unirli insieme, eliminando in tal modo anche quel pochissimo sale che fino a qualche tempo fa (non più di un cucchiaino) ancora usavo per fare il mio gomasio (quasi)senza sale.

Per la precisione, per tanto tempo ho preparato il mio gomasio solo con il sesamo. (Che forse in questo caso è improprio chiamare gomasio, ma non saprei in quale altro modo chiamarlo visto che sesamo-tostato-e-tritato non mi pare bellissimo, e neanche pratico 🙂 ).
Comunque, al di là del nome, vi assicuro che come insaporitore il “gomasio di solo sesamo” funziona benissimo.

Ora, da qualche tempo cioè da quando ho iniziato a produrre il sale di sedano, ho scoperto che mi piace un sacco questo abbinamento, che ho fatto un giorno per puro caso, giusto così per provare, e poi ho ripetuto più volte. Quando si tratta di sperimentare metodi per ridurre o togliere il sale io non mi tiro mai indietro, perché mi ci diverto davvero a fare tutti questi esperimenti.
E anche per questa volta posso dire: esperimento riuscito 😉

gomasio al sale di sedano

Gomasio al sale di sedano

Il gomasio al sale di sedano può essere utilizzato esattamente con le stesse modalità del gomasio.
E’ ottimo per insaporire verdure cotte o crude, e anche le uova e il pesce. Inoltre è ideale da aggiungere al pangrattato per le impanature.

Ingredienti
gomasio
sale di sedano

Procedimento
Preparare il gomasio come da ricetta che vi ho dato QUI, preferibilmente con una percentuale di sale minima (ad esempio 1 a 20) oppure, meglio ancora, in versione senza sale come faccio io, cioè facendo tostare semplicemente il sesamo senza aggiungere sale e poi pestandolo (o tritandolo con il frullatore) come si fa abitualmente per il gomasio.

Produrre il sale di sedano, essiccando il sedano e frullandolo come vi ho insegnato QUI.

Aggiungere il sale di sedano al gomasio nella proporzione che si preferisce. In questo caso non ci sono limitazioni alla quantità di sale aggiunto, visto che il sale è di sedano! 😉 😀
Ultimamente io lo aggiungo a occhio, ma ho provato varie proporzioni da quella di 1 a 3 (cioè 1 cucchiaino di sale di sedano ogni 3 cucchiaini di gomasio) fino a 1 a 6. Voi regolatevi tranquillamente in base al vostro gusto.

gomasio al sale di sedano

Se avete già provato a fare il sale di sedano e ne siete rimasti soddisfatti, non lasciatevi sfuggire questa occasione di provare anche questo mio gomasio al sale di sedano, sono certa che vi piacerà 😉

Ed ora… non posso tralasciare, proprio in questa ricetta anti-sale, i miei consueti consigli senza sale! 🙂 Eccoli:

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

 

Vi aspetto anche sulla mia pagina Facebook

Precedente Essiccare i pomodori con l' essiccatore Successivo Soia e tofu – quarta lezione corso di cucina

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.