Crea sito

Cappellacci di zucca

cappellacci alla zucca vert

Cari lettori,

oggi ho deciso di preparare i Cappellacci di zucca, una pasta fresca all’uovo fatta a mano tipica dell’Emilia Romagna ripieni di morbida zucca gialla cotta al forno. I Cappellacci di zucca si differenziano dagli altrettanto conosciuti tortelli di zucca in quanto questi ultimi contengono nel ripieno della mostarda di Mantova, degli amaretti sbriciolati, uova e buccia di limone.

I Cappellacci di zucca che vi propongo sono semplici e genuini; la pasta, in questo caso, è preparata con farina di semola di grano duro e uova fresche, il ripieno è semplice e totalmente vegetariano. Nella versione classica, che segue a fine ricetta, si aggiunge un’uovo e si omette la ricotta.

Consiglio di cuocere la zucca al forno, e non in acqua o al vapore, per fare in modo che si ammorbidisca senza diventare eccessivamente acquosa.

 

INGREDIENTI PER 2-3 PERSONE

Per la pasta:

200 gr di semola di grano duro (o farina normale)

2 uova

1 pizzico di sale

Per il ripieno:

250 gr di zucca gialla già cotta al forno

3 cucchiai di pangrattato

4 cucchiai di parmigiano

2 cucchiai di ricotta

Sale

Pepe

Noce moscata q.b.

Per il condimento:

Burro fuso q.b.

Salvia

Parmigiano grattugiato

 

PROCEDIMENTO

Preparare la pasta amalgamando farina e uova e lavorando su un’asse da cucina. Una volta creata la palla, avvolgere con della pellicola trasparente e lasciar riposare un’ora prima di stenderla.

Cuocere la zucca al forno (180 gradi per circa 30 minuti) e raccoglierne la polpa in una ciotola. Frullarla con un frullatore ad immersione, mixer o passarla al setaccio; quindi aggiungere ricotta, parmigiano e pangrattato. Aromatizzare con della noce moscata, salare e pepare. Se l’impasto risultasse troppo morbido, aggiungere altro pangrattato.

Stendere la sfoglia a mano o con una macchina per la pasta. Io la lavoro sempre almeno 13 volte con uno spessore medio, poi taglio la pasta a metà e riduco lo spessore quasi al minimo, ottenendo una sfoglia sottile e liscia.

Ritagliare dalla sfoglia dei quadrati di circa 4 centimetri di lato e disporre il ripieno al centro di ognuno.

Collage cappellacci

Richiudere il quadrato di pasta prima a triangolo, premendo bene i bordi e lasciando uscire tutta l’aria, poi chiudendo a cappellaccio sovrapponendo le due punte del triangolo di pasta.

Creare in questo modo tutti i Cappellacci e lasciar riposare su un vassoio leggermente infarinato fino al momento della cottura.

1

Cuocere in acqua bollente salata per pochi minuti: la sfoglia è sottile e non richiede una cottura lunga. Quando salgono in superficie, cuocere ancora qualche secondo e scolare.

Condire con del burro fuso aromatizzato con della salvia, parmigiano grattugiato e poco pepe macinato.

Buon appetito!

*gelso*

cappellacci alla zucca or

Ricetta ispirata alla ricetta tradizionale dei Cappellacci di zucca dell’Emilia Romagna e della città di Ferrara trascritta sul libro “Pasta fresca e ripiena”, Il cucchiaio d’argento, 2013

Dosi ricetta originale per 6 persone:

Per la pasta:

500 gr di farina

5 uova

Sale

Per il ripieno:

800 gr di zucca gialla

40 gr di formaggio grattugiato

1 uovo

Pangrattato

Sale

Pepe

Noce moscata

Per il condimento:

80 gr di burro

60 gr di formaggio grattugiato

Se vi piacciono le mie ricette, potete lasciare un commento e seguirmi anche sulla pagina Facebook

Una blogger in cucina

Grazie!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

2 comments on Cappellacci di zucca

  1. Claudio
    18 gennaio 2014 at 11:22 pm (4 anni ago)

    ciao,io abito a Ferrara, sinceramente 40 gr di formaggio mi sembrano troppo pochi, e nel condimento finale la salvia e di obbligo 🙂

    Rispondi
    • Gelso
      19 gennaio 2014 at 8:52 am (4 anni ago)

      Ciao Claudio, la ricetta, come leggi, è tratta da un libro di cucina, pertanto mi sono attenuta a quanto scritto. Ma sono molto aperta ad accogliere proposte e suggerimenti! Le ricette regionali variano molto di luogo in luogo e anche di famiglia in famiglia, sarei curiosa di ricevere la tua ricetta! 😀 Ti ringrazio molto per il commento, mi hai dato modo di confrontarmi e di acquisire nuove informazioni. Ti ringrazio!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*