Pizza integrale con metodo Bonci – digeribilissima!

Da quando ho scoperto il metodo Bonci per preparare la pizza, non lo mollo più!
Davvero, ormai non sono più capace di mangiare le pizze a brevi lievitazione, sono pesanti e non le digerisco bene. Anche quella della pizzeria mi dà spesso problemi, e mi rendo conto di essere in buona compagnia: quante volte andiamo a dormire appesantiti dopo aver mangiato la pizza?
Quando l’impasto contiene tanto lievito, infatti, crea aria nello stomaco, continua in qualche maniera a lievitare 😀
Per evitare questo problema, io nell’impasto metto pochissimo lievito, tantissima acqua…e lo lascio dormire almeno una notte 😉
Oggi voglio proporvi la mia pizza integrale con metodo Bonci: rispetto alla pizza a lunga maturazione con farina bianca, la versione integrale richiede ancora più acqua, perché la farina integrale ne assorbe una quantità maggiore, e la proporzione diventa proprio 1:1!
Io vi propongo la pizza condita in maniera semplice, una margherita, ma ovviamente la base è personalizzabile a vostro piacimento 😉

Pizza integrale con metodo Bonci

Pizza integrale con metodo Bonci

Ingredienti per una leccarda:

300 gr di farina integrale
200 gr di farina bianca di grano tenero
500 ml di acqua
1 cucchiaio raso di sale
1 gr di lievito di birra disidratato
1 cucchiaio d’olio

Per il condimento:

300 ml di passata di pomodoro
200 gr di formaggio fresco a pasta filata
Origano
Olio EVO
Sale

Preparazione:

In una ciotola, miscelare le due farine.
Sciogliere il lievito nell’acqua ed aggiungere alla farina mischiando con un cucchiaio di legno.
Aggiungere anche l’olio ed il sale. Mischiare bene e lasciare riposare 10 minuti.
Infarinare un piano con farina di semola e, con le mani infarinate, impastare velocemente l’impasto facendogli fare 2-3 pieghe su se stesso (è molto molle, è normale).
Ungere un recipiente con olio EVO e porvici l’impasto.
Coprire con un coperchio e conservare in frigorifero per una notte.

Il pomeriggio seguente, infarinare un piano e porvici l’impasto.
Lasciare riposare per un’ora.
Ungere una teglia e, con le mani unte, stendere l’impasto con i polpastrelli.
Lasciare lievitare altre 3 ore.

Trascorso questo tempo, condire con la passata di pomodoro ed il formaggio tagliato a cubetti.
Spolverare con origano ed un pizzico di sale.

Completare con un filo d’olio EVO.
Cuocere in forno preriscaldato a 200° per 10 minuti nella parte bassa del forno e per altri 10 nella parte più alta.
Buon appetito!

Pizza integrale con metodo Bonci

Precedente Polpette speziate con mandorle e uvetta Successivo Torta soffice fragole e panna

15 commenti su “Pizza integrale con metodo Bonci – digeribilissima!

  1. Monica il said:

    ciao,
    ti seguo da poco tempo e mi piacciono molto le tue ricette e il tuo stile,
    non ho ancora provato a farne una, mi vorrei cimentare in questa pizza integrale,
    scusa un paio di domande….negli ingredienti farina di grano tenero intendi la farina 00?
    non si potrebbe sostituire con altre farine meno raffinate?
    e poi nella descrizione del procedimento dici di usare farina di semola x lavorare l impasto,
    va bene la farina di semola di grano duro rimacinata?
    grazie!!!

    • mastercheffa il said:

      Ciao Monica e benvenuta! Intendo la 0, un po’ meglio della 00 😉
      Ovviamente puoi anche variare la farina ed usarne una meno raffinata, ma forse dovresti aumentare un po’ il quantitativo d’acqua perché in genere ne assorbono di più.
      Sì, per semola intendo quella di grano duro rimacinata, a differenza delle altre farine non fa attaccare l’impasto, che è molto molle, al tavolo.
      Attendo il responso allora! 😉

    • mastercheffa il said:

      Si, di quello disidratato, se usi il fresco mettine 3 grammi. Il vantaggio di questa pizza è proprio la piccolissima quantità di lievito, che grazie alla lunga lievitazione ed all’alta idratazione lavora perfettamente! 😉

  2. Ciao, ho una cosa da chiederti: io ho aumentato in proporzione farina e acqua. Ma viene molto molle l’impasto, fare le pieghe è stato impossibile. È giusto che sia così molle? Come farò a stenderla domani?

  3. Salve,
    ho trovato questa pagina per caso cercando appunto un impasto per pizza integrale.
    L’ho subito provata, e a parte i timori iniziali (dati dall’impasto molto molle), non mi sono fatta scoraggiare e ho seguito le indicazioni alla lettera… Il risultato è stato una pizza con molti alveoli (cosa positiva), saporita, e ben lievitata!
    Solo che dato i lunghi tempi di preparazione, mi chiedevo se fosse possibile prepararla in anticipo qualche giorno prima e lasciare l’impasto grezzo per più tempo nel frigo oppure congelarlo. (Scusa le probabili domande stupide ma mi sono avvicinata da poco al mondo dei lievitati).
    Grazie in anticipo!

    • mastercheffa il said:

      Ciao Vale! Allora, se vuoi lasciarlo in frigo di più puoi farlo ma occhio alla forza della farina, devi acquistarne una in grado di reggere le lievitazioni molto lunghe senza inacidire. In questo caso puoi lasciarla in frigo anche 2/3 giorni.
      In alternativa, ti suggerisco di surgelarla già in teglia dopo aver fatto l’ultima lievitazione.
      In altre fasi della lievitazione non ho mai provato, quindi non me la sento di assicurarti che possa funzionare!

      • Capisco, grazie mille!
        Non intendendomi di forza della farina, credo che opterò per congelarla in teglia.
        Grazie ancora per l’ottima ricetta, è proprio vero che è digeribilissima, la mangi e non ti senti mai pesante!

        Buona giornata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.