Pasta frolla alla panna

Per la serie esperimenti in cucina oggi vi parlo della mia pasta frolla alla panna. Una ricetta nata, come è mio solito, senza tanti studi e senza pensarci su.

Avevo comprato un barattolo di panna da montare con intenti che adesso ormai si sono persi nell’oblìo…
…eh eh, no, vabbe’, in realtà niente oblìo 😛 me lo ricordo benissimo perché l’avevo comprata!
Volevo usarla per fare una bella torta pannosa per il mio anniversario di matrimonio!
Questi erano, proprio questi erano i miei intenti.

Solo che quest’anno l’anniversario cadeva di lunedì, e i miei lunedì lavorativi ultimamente sono davvero delle giornate da dimenticare, perciò l’unico dolce che sono riuscita a fare, e rigorosamente dopo il lavoro, è stata una crostata.
La crostata a casa mia è il dolce più richiesto e più gradito, ha il pregio di essere uno di quei dolci veloci da fare e per i quali gli ingredienti in casa ci sono sempre (cosa da non sottovalutare quando si è, come me, una da frigo vuoto e dispensa deserta quasi sempre). Si impasta velocemente, si può far riposare semmai solo per pochi minuti anziché la mezz’ora standard, e dopo soli 15-20 minuti di cottura ci si ritrova con una bella crostata già cotta pronta da servire, magari dopo un utilissimo giro di raffreddamento sul davanzale 😛
Ecco perché per me impastare una frolla equivale a fare il Dolce con la D maiuscola di casa mia. Se ho un dubbio e non so cosa fare, per una qualsiasi occasione, io intanto faccio la frolla poi si vedrà.

A questo punto, dopo tutta questa premessa, forse vi state chiedendo perché mai abbia sfoderato una ricetta nuova nuova, provata lì per lì all’ultimo momento e proprio in un giorno così, e con poco tempo così. Perché non fare una ricetta collaudata? tipo una normale frolla classica, con cui fare una classica crostata di quelle che non sbagliano mai? ché non sono questi i casi in cui correre dei rischi, non sono queste le occasioni per sperimentare…
E invece no. Ho sperimentato.
Eccheccavolino, la panna l’avevo comprata apposta per fare il dolce d’annniversario! e in un modo o nell’altro, insomma, nel dolce d’anniversario ci doveva finire! e ci è finita! 😛

pasta frolla alla panna

Non è andata male eh? Mi sono ritrovata per le mani una nuova ricetta base, che dal 20 febbraio scorso a oggi ho già ripetuto tre volte! 😀

Pasta frolla alla panna

Ingredienti
350 g di farina 0
50 g di burro
80 g di panna fresca
100 g di zucchero
1 uovo intero
1 bustina di vanillina
mezza bustina di lievito per dolci

Procedimento
Versare la farina in una terrina capiente e creare un foro centrale.

Versare lo zucchero e l’uovo, aggiungere il burro morbido a pezzetti, la panna liquida e la vanillina.
Vi ricordo di aggiungere sempre la vanillina alla componente grassa, in questo caso burro e panna, perché l’aroma si veicola meglio.

Lavorare con i polpastrelli fino a che lo zucchero si sia sciolto aggiungendo poca farina alla volta.

Lavorare velocemente.
Rispetto alle frolle di cui vi ho parlato in precedenza, ad esempio la frolla alle nocciole e quella alla farina di farro, questa frolla alla panna non dà problemi di “sbriciolamento” della pasta. La componente umida data dalla panna qui non manca 😉

Ottenuto il panetto riporlo in frigo come sempre per circa mezz’ora prima di utilizzarlo (ma se avete fretta di fare la vostra crostata potete anche accorciare i tempi).

😉

Come dicevo prima, ho fatto questa pasta frolla alla panna tre volte:
La prima volta per fare la crostata d’anniversario. Proprio questa:

crostata anniversario

fotografata prima della cottura, e che vi avevo mostrato anche sulla pagina fb, vi ricordate?

Ho rifatto questa frolla una seconda volta per dei biscotti – anzi dei biscottini, tanto erano piccoli – da colazione. Sono riuscita a salvarne quattro, ma proprio quattro di numero come potete vedere, dalle grinfie e dalle mascelle dei miei figli, e li ho tenuti nascosti per diversi giorni prima di riuscire a fare questa foto!

biscottini di pasta frolla alla panna

L’attesa non è stata vana, perché mi ha permesso di testare la conservazione di questa frolla: questi quattro biscottini si sono conservati benissimo e quando li ho mangiati, cioè a distanza di quattro o cinque giorni dalla cottura, erano ancora belli friabili 😉

Infine oggi. Mentre sto correggendo e completando questo articolo, il mio terzo panetto di pasta frolla alla panna è in frigo. Dieci minuti fa, appena finito di impastarlo, l’ho fotografato e ora sto caricando qui le foto.
Però… ancora non ho deciso cosa ci farò con questo panetto.
Crostata? Biscotti?
Avete suggerimenti? 😀

pasta frolla alla panna

Aggiornamento: alla fine ho fatto questi tortelli, li avete visti vero? 😉

Arrivederci alla prossima ricetta!

Vi aspetto su Facebook! Se volete visitare la mia fanpage cliccate qui! 🙂

Precedente Dolcificare il kefir con lo sciroppo d'agave Successivo Tortelli ripieni di marmellata (o mostarda bolognese)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.