Caponata di melanzane e friggitelli (con patate)

La caponata di melanzane ve l’aspettavate, dite la verità!
Dopo la mia ultima ricetta, mi era rimasta la voglia di cucinare una caponata di melanzane, non poteva essere altrimenti.

Per chi si fosse perso i miei discorsi su “caponata sì, caponata no” può vedere, se vuole, la mia ricetta precedente (qui), dopodiché capirà. Niente di che, sappiatelo, solo dilemmi culinari giornalieri, utilissimi per distrarsi dalla vera fatica quotidiana: lavorare.
E siccome, per fortuna, anche per oggi è arrivata l’ora del pranzo, ho mollato il computer (di lavoro) per dedicarmi alla preparazione di pasta olio-parmigiano per accontentare i figli e caponata di melanzane e friggitelli per accontentare noi genitori. I nostri sfizi culinari sono a base di verdure, siamo bravi eh?

Quindi, eccomi qui ora di nuovo davanti al computer (ma del blog) per raccontarvi per filo e per segno come ho preparato questa caponata di melanzane, che non ha particolari origini o tradizioni ma di cui posso dire con certezza che deriva da mia personale commistione tra:
– quel contorno che fin da bambina ho imparato a cucinare, che mia mamma non chiamava assolutamente caponata perché non è un termine romagnolo, ma peperonata – anche se le melanzane non mancavano mai – oppure “pastrocchio” in caso di aggiunta di patate,
e
– il ricordo di una favolosa caponata con olive e capperi che, appositamente tanto era buona, andavamo a mangiare anni fa in un ristorante, nel bolognese, gestito da siciliani.

I peperoncini friggitelli sono una new entry odierna. Non sono solita comprarli, ma erano così belli che non ho resistito. Se avete ricette da propormi con questi fantastici friggitelli che io conosco poco, fatelo non siate timidi! C’è un’apposita rubrica in questo blog, si chiama “Le vostre ricette” ed è a vostra disposizione. Usatela!

Ed ora, è proprio ora della ricetta della mia caponata di melanzane e friggitelli: ottimo contorno o perfetto vegan-secondo, buona sia calda che fredda, ma tiepida dà il suo massimo, e soprattutto non fritta, quindi light o dietetica che dir si voglia.

caponata di melanzane

Caponata di melanzane e friggitelli (con patate)

Ingredienti
2 melanzane lunghe (circa 400 g)
8 peperoncini friggitelli (circa 300 g)
1 cipolla non troppo grande, altrimenti mezza
2 patate (circa 200 g)
3 cucchiai di passata di pomodoro
5-6 pomodorini pachino
10 olive verdi
15 capperi
olio extravergine (quantità a piacere)
origano q.b.
peperoncino (facoltativo)

Procedimento
Dissalare i capperi. Tenerli a bagno durante la preparazione delle verdure.
Lavare le melanzane e tagliarle a pezzetti.
Lavare i friggitelli, eliminare il picciolo e i semi e affettarli grossolanamente.
Affettare la cipolla.
Sbucciare e tagliare a pezzetti le patate.
Mettere tutte le verdure in una padella antiaderente (io ho usato il wok) e farle appassire con un giro d’olio a coperchio chiuso. Mescolare, aggiungere capperi, olive e origano e far cuocere a coperchio chiuso e fuoco basso per circa mezz’ora, comunque fino a cottura delle patate. A metà cottura aggiungere la passata e i pomodorini tagliati.

Dato che le patate assorbono liquido, può essere necessario bagnare con poca acqua calda, ma se avrete l’accortezza di usare il coperchio vedrete che le verdure si cuoceranno bene senza aggiunta di acqua (che farebbe disperdere sapore) né di olio.

Se volete eliminare le patate potete farlo, in questo caso la cottura è più veloce, in circa 20 minuti melanzane e peperoni si cuociono senza problemi. Eventualmente, un espediente per velocizzare i tempi di cottura è quello di lessare le patate nel microonde e aggiungerle alla caponata solo alcuni minuti prima di servirla (ma in questo caso non avranno assorbito sapore, quindi vedete voi cosa preferite).

Cuocendo con il coperchio la caponata rimane umida, se volete asciugarla potete, a fine cottura, far andare a fuoco vivace senza coperchio per un paio di minuti.

Infine, è sufficiente aggiungere olio a crudo e poco peperoncino, entrambi facoltativi, e questa ottima caponata light è pronta per essere servita.

Ah, il giorno dopo, riscaldata, è anche più buona! Per me.

caponata di melanzane

Senza saleLa mia caponata, oltre che light, è anche senza sale 😉 E’ un’ottima cosa togliere il sale quando si è a dieta, o sapevate?

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

 

Grazie per essere passati di qui!

Se volete seguirmi su Facebook cliccate qui 🙂

Precedente Gnocchi alla greca gratinati Successivo Fusilli al sugo mediterraneo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.