Crea sito

Arancine al burro – ricetta originale siciliana

Arancine al burro - ricetta originale siciliana - Mastercheffa

Le arancine al burro sono, assieme a quelle al ragù e agli spinaci, fra le varietà di arancine più conosciute e diffuse in tutta la Sicilia. Mi perdoneranno gli amici catanesi se chiamo le arancine al femminile ma, a parte il fatto di essere ragusana (e qua sono femmine!), come vedete le mie arancine al burro sono tonde tonde, come si gustano a Palermo.

Mi sono sempre chiesta perché questa varietà di arancine non venga definita “con prosciutto e formaggio” e, nel mio percorso di approfondimento su questo autentico scrigno di bontà siciliano (non so se sapete che ho realizzato, in collaborazione con Arancinotto, una vera e propria enciclopedia sulle arancine che si chiama Arancinario), ho scoperto che si chiamano così perché in realtà, anche se le più diffuse sono appunto con il prosciutto, la base di besciamella può essere arricchita anche da ingredienti diversi, come lo speck o, per versioni più raffinate, il salmone affumicato.

Per praticità, io utilizzo sempre gli stampi, che mi permettono di preparare le mie arancine in fretta e di poterle avere regolari e condite perfettamente, ma se preferite potete anche realizzarle a mano.

Lungi dall’affermare che la mia maniera sia la “migliore” per preparare le arancine, vi lascio semplicemente la ricetta che ho perfezionato nel tempo facendo tantissime prove a casa mia, e che vi assicuro dà ottimi risultati.

Ora tocca a voi!

Arancine al burro - ricetta originale siciliana - Mastercheffa
  • Preparazione: 40 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 12 arancine
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per il riso:

  • 500 g Riso per arancine (oppure riso Roma o riso originario)
  • 1,1 l Brodo vegetale
  • 60 g Burro
  • 2 bustine Zafferano
  • Sale

Per il ripieno

  • 250 g Besciamella (molto densa)
  • 120 g Mozzarella (o provola)
  • 200 g Prosciutto

Per la finitura:

  • 200 g Pangrattato
  • 150 g Farina
  • 150 ml Acqua
  • 2 Uova
  • Olio di semi di arachide

Preparazione

  1. Mettete il brodo in una pentola con il burro, lo zafferano e il sale (la cui quantità dipende dal grado di sapidità del brodo) e mettete sul fuoco.

    Quando il brodo bolle, unite il riso, abbassate la fiamma e fate cuocere finché il riso non assorbe tutto il brodo.

  2. Trasferite il riso cotto su un tagliere per farlo raffreddare rapidamente e uniformemente.

  3. Preparate la besciamella come descritto qui, lasciandola cuocere finché non diventa molto densa.

  4. Tagliate il formaggio a dadini e il prosciutto a listarelle e mischiate il tutto alla besciamella.

  5. A mano o con lo stampino, formate adesso le arancine.

    Se le fate a mano, bagnatevi i palmi e mettete un po’ di riso in una mano.

    Schiacciate il centro e inserite un cucchiaio di condimento, poi richiudete il riso su se stesso, aggiungendone un altro po’ se necessario.

  6. Se le fate con lo stampino, riempite bene la base pressando con le dita, poi mettete il coperchio e inserite lo stantuffo fino in fondo.

    Riempite il cavo centrale con la farcitura e ricoprite con poco riso.

    Livellate bene con lo stantuffo messo al contrario, poi togliete il coperchio e fate delicatamente scivolare l’arancina dallo stampo.

    Se a un certo punto il riso dovesse avere difficoltà a venire via, basta ungere lo stampino con un filo d’olio.

  7. Se avete il tempo, trasferite una mezzora in frigorifero le arancine prima di panarle e friggerle.

    Preparate una pastella a base di acqua, farina e uova e mettete il pangrattato in una ciotola.

  8. Passate le arancine prima nella pastella e poi nel pangrattato.

    Quando avete finito, ripassate le vostre arancine soltanto nel pangrattato per rendere la crosta più uniforme.

  9. Friggete le arancine in olio di semi di arachide ben caldo (in pentola o in friggitrice), avendo cura di non mettere troppe arancine alla volta (c’è il rischio che la temperatura dell’olio si abbassi e che le arancine si aprano in cottura).

    Tirate le arancine al burro fuori dall’olio bollente, mettetele su carta assorbente e servitele subito, calde e filanti!

Note e consigli:

  • Non preoccupatevi se il riso vi sembra un pelo indietro di cottura prima di fare le arancine, la completerà in frittura!
  • Come brodo, sconsiglio il dado. Se non avete modo di farlo in casa, acquistate del brodo in gelatina, meno salato dei classici dadi secchi;
  • Potete arricchire il ripieno a vostro piacimento anche con pezzettini di frutta secca;
  • Se preferite, potete fare la pastella solamente con acqua e farina senza mettere uova.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Non perdetevi le mie dirette quotidiane su facebook prima di pranzo!

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.