Crea sito

Confettura di ciliegie

Siamo in periodo di conserve e ho preparato la confettura di ciliegie,indubbiamente la frutta regina del mese di giugno. Con la sua inconfondibile dolcezza è una delle confetture più buone da gustare.Preparare confetture in casa non è difficile, e i risultati sono generalmente ottimi. L’unico imperativo categorico da rispettare è quello delle norme igieniche: è fondamentale seguire accorgimenti, come la sterilizzazione dei vasetti, per distruggere eventuali spore di botulino che possono svilupparsi nelle conserve.per questa ricetta ho usato il fruttapec della cameo,l’uso della pectina non è visto di buon occhio dai puristi, tuttavia ritengo che sia indispensabile per quasi tutte le marmellate. Tutto sommato bisogna considerare che la pectina è un additivo naturale al 100%, essendo ricavato da prodotti naturali, oltre ad essere innocuo al 100% (è una fibra, quindi è addirittura benefico per la salute), ma soprattutto è un ingrediente indispensabile per gelificare la marmellata in pochi minuti,che altrimenti non riuscirebbe a raggiungere, con la sola cottura, la densità e la consistenza sufficente. Vediamo come prepararla.

   Confettura di ciliegie

 

Ingredienti:

  • kg.1 di ciliegie
  • gr.500 di zucchero
  • 1 busta di fruttapec 2×1

Preparazione:
Lavate, disossate e tagliate a pezzettini le ciliegie finché otterretet un kg. di polpa,quindi mettetele in una pentola alta.Preparate la confettura mescolando 1 busta di fruttapec 2×1 con gr.500 di zucchero, aggiungetela a freddo nella pentola contenente la frutta e portare ad ebollizione.Far bollire per 3 minuti a fuoco vivace, sempre mescolando. Togliere la pentola dal fuoco e mescolare ancora per 1 minuto, facendo dissolvere la schiuma, quindi versatela ancora bollente in vasetti sterilizzati.Chiudete ermeticamente e capovolgete per 5 minuti i barattoli.

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi su Facebook clicca qui per non perderti nessuna novità!

Pomodoro ciliegino confit sott’olio

Pomodoro ciliegino confit sott’olio:da mangiare subito o da conservare sott’olio per gustarli quando abbiamo nostalgia dei colori e dei sapori dell’estate,sono ottimi come contorno,sulla pizza,sulle bruschette o con la pasta. La parola “confit” deriva dal verbo francese “confire”, che significa preservare: si dicono “confit”, infatti, tutte quelle preparazioni di frutta e verdura che prevedono una cottura prolungata a fuoco basso, con zucchero o aceto.

Pomodoro ciliegino confit sott'olio (1)

Pomodoro ciliegino confit sott’olio

  • Ingredienti:
  • Pomodorini q.b. per riempire una teglia
  • mix di erbe aromatiche:rosmarino,timo,salvia,origano,erba cipollina,prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • olio di oliva
  • sale,pepe
  • zucchero
  • capperi
  • peperoncino(facoltativo)
  • Preparazione:
    Lavate e asciugate i pomodorini,tagliateli a metà e sistemateli in una teglia ricoperta di carta forno.Preparate un trito con le erbe aromatiche e uno spiccio di aglio,salate e pepate i pomodorini,distribuite sopra il trito di erbe aromatiche e un cucchiaio di zucchero,infornate a 120° per circa due ore,fino a quando si sono asciugati,toglietele dal forno e riempite i barattoli di vetro sterilizzati,aggiungete mezzo spicchio di aglio,un cucchiaio di capperi,un pizzico di origano e un pezzetto di peperoncino,coprite con l’olio,chiudete con i tappi e fateli bollire per 20 minuti circa,lasciateli raffreddare nella pentola prima di tirarli fuori.Pomodoro ciliegino confit sott'olio (2)
  • Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui/ per non perdere nessuna novità!

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte:senza dubbio due fiori all’occhiello del Monferrato e delle Langhe,due prodotti di alta qualità che uniti in questa deliziosa confettura creano un tripudio di gusto e di profumi,se avete la possibilità di procurarvi questi ingredienti vi consiglio vivamente di preparare questa marmellata,non rimarrete delusi.

marmellata di uva moscato e nocciola del Piemonte

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte

  • Ingredienti:
  • kg.1 di uva moscato (solo gli acini)
  • gr.500 di zucchero
  • il succo di un limone
  • gr.200 di nocciole tostate
  • Preparazione:
    Lavate gli acini di uva,scolateli e asciugateli,metteteli in una pentola e lasciateli cuocere a fuoco basso per 30 minuti circa,mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno cercando di rompere la buccia degli acini,nel frattempo tritate le nocciole,toglietele il trito dal frullatore lasciandone dentro due cucchiai,continuate a tritare fino ad ottenere una crema.Togliete dal fuoco l’uva e passatela nel passaverdura con il disco più sottile che avete eliminando così la buccia e i semini,mettete il succo ottenuto in una pentola e aggiungete lo zucchero,il succo del limone,le nocciole tritate e la crema di nocciole,fate cuocere riducendo della metà il liquido o finchè non ha raggiunto la densità desiderata,la prova densità si verifica versando un cucchiaino di marmellata su un piatto inclinato,se scivola molto lentamente e raffreddandosi si solidifica la marmellata è pronta,versatela nei barattoli ancora calda,chiudeteli e metteteli capovolti fino al raffreddamento.marmellata di uva moscato e nocciola del Piemonte (2)

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Marmellata di uva moscato di Asti

La marmellata di uva moscato di Asti non potevo non farla abitando nel Monferrato,terra di moscato d’Asti e altri pregiati vitigni.Questa marmellata autunnale che cattura il meraviglioso aroma di questo frutto è una ricetta conosciuta ma che poche persone preparano in casa,provatela sul pane,o per farcire i vostri dolci,scoprirete anche voi la sua bontà.

marmellata di uva moscato (2)

Marmellata di uva moscato di Asti

Ingredienti:

  • kg.1 di uva moscato d’Asti (solo gli acini)
  • gr.400 di zucchero
  • il succo di un limone
  • 1 fialetta di estratto di vaniglia

Preparazione:
Lavate gli acini di uva,scolateli e asciugateli,metteteli in una pentola e lasciateli cuocere a fuoco basso per 30 minuti circa,mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno cercando di rompere la buccia degli acini,togliete dal fuoco e passate l’uva nel passaverdura con il disco più sottile che avete eliminando così la buccia e i semini,mettete il succo ottenuto in una pentola e aggiungete lo zucchero,il succo del limone e la vaniglia,fate cuocere riducendo della metà il liquido o finché non ha raggiunto la densità desiderata,la prova densità si verifica versando un cucchiaino di marmellata su un piatto inclinato,se scivola molto lentamente e raffreddandosi si solidifica la marmellata è pronta.Attenzione:è una marmellata essenzialmente liquida non fatela cuocere troppo vi ritrovereste una marmellata caramellata e durissima,piuttosto usate il fruttapec se volete una marmellata più consistente.Invasate la marmellata ancora calda,usando barattoli sterilizzati e coperchi nuovi,chiudeteli e metteteli capovolti fino al raffreddamento.marmellata di uva moscato

  • Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Marmellata di pomodori verdi

Marmellata di pomodori verdi: insolita e dal gusto particolare ma credetemi vi sorprenderà,   potete accompagnarla ai formaggi,ottima con i bolliti di carne,o semplicemente spalmata sul pane.

marmellata di pomodori verdi

Marmellata di pomodori verdi

 

  • Ingredienti:
  • kg.1 di pomodori verdi
  • gr.700 di zucchero
  • 1 limone non trattato
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • un cucchiaino scarso di cannella
  • un cucchiaino scarso di zenzero in polvere
  • Preparazione:
    Lavate e tagliate a fettine i pomodori cercando di togliere più semi possibile,metteteli in una ciotola a strati alternandoli con lo zucchero,lasciateli macerare per 24 ore in un luogo fresco.Il giorno dopo versate i pomodori con tutto il liquido che hanno rilasciato in una pentola,aggiungete la vaniglia, lo zenzero,il succo del limone la sua buccia grattugiata,passateli con il mix ad immersione se volete una marmellata cremosa,se invece preferite che rimangano i pezzetti tipo una confettura,lasciate stare.Cuocete a fuoco dolce,mescolando e schiumando di tanto in tanto,per controllare la giusta densità mettete qualche goccia di marmellata in un piattino inclinato:è pronta se la goccia scorre con fatica verso il basso,la mia marmellata era pronta dopo 20 minuti.
    Dopo aver spento il fuoco riempite i barattoli,chiudeteli bene e sterilizzateli per 20 minuti circa.marmellata di pomodori verdi Collage
  • Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Marmellata di uva fragola

La marmellata di uva fragola è una ricetta particolarmente adatta al periodo autunnale e semplice da preparare,molto profumata e leggermente acidula, è una marmellata che cattura il meraviglioso aroma di questo frutto.

marmellata di uva fragola

Marmellata di uva fragola

  • Ingredienti:
  • kg.3 di acini di uva fragola
  • kg.1 di zucchero
  • 1/2 limone
  • 3 bustine di pectina ( io ho usato fruttapec 3×1 della Cameo)
  • Preparazione:
    Lavate i grappoli di uva fragola,staccate gli acini sani e sodi e fateli asciugare,pesatene Kg.3 e metteteli in una pentola, schiacciate l’uva strizzandola con una mano,portate a ebollizione e fate cuocere a fuoco basso per 15 minuti circa,quindi togliete dal fuoco,passate al setaccio e versate il succo ottenuto in una pentola,aggiungete lo zucchero e il succo del limone,rimettete sul fuoco,fate sciogliere bene lo zucchero e aggiungete le bustine di pectina,fate bollire a fuoco alto per 5/6 minuti sempre mescolando,spegnete e riempite i vasetti sterilizzati ancora caldi,chiudeteli e teneteli capovolti per 10 minuti.
    p.s. per sterilizzare i barattoli,li ho messi nel forno a 140° per 30 minuti.mentre i coperchi li ho fatti bollire nell’acqua.marmellata di uva fragola Collage
  • Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook  La Zia Anna Cucina per non perdere nessuna novità!

Peperoncini ripieni sott’olio

I peperoncini ripieni sott’olio sono una preparazione tipica del meridione,si conservano per mesi in dispensa,non richiedono accortezze o grandi attenzioni per la preparazione e il risultato finale è ottimo avrete un “focoso”e piccante antipasto dal sapore unico e intenso,da consumare nelle fredde giornate d’inverno.

peperoncini ripieni sott'olio

  • Ingredienti:
  • kg.1 di peperoncini piccanti tondi,
  • gr.400 di tonno sott’olio,
  • 2 cucchiai di capperi
  • gr100 di olive taggiasche
  • 12 alici sott’olio
  • uno spicchio di aglio
  • un cucchiaino di origano
  • l.1 di aceto bianco
  • un cucchiaio scarso di sale
  • olio d’oliva
  • guanti di lattice
  • vasetti di vetro.
  • Preparazione:
    Pulite bene i peperoncini togliendo il picciolo ed i semini che si trovano all’interno , durante questa operazione indossate dei guanti in lattice: i peperoncini sono molto piccanti ed ustionano le mani. Fateli sbollentare per 2/3 minuti in una pentola dove avete messo a bollire l’aceto e il sale,scolateli e fateli asciugare capovolti sopra un canovaccio.Preparate il ripieno mettendo nel mixer il tonno,i capperi,le olive l’aglio le alici e l’origano,tritate fino ad ottenere la consistenza desiderata.Farcite i peperoncini con il composto ottenuto, effettuando una leggera pressione con le dita in modo che il ripieno rimanga ben compatto all’interno delle cavità. Mettete i peperoncini negli appositi barattoli di vetro che avete precedentemente sterilizzato e versate abbondante olio, sino ai bordi,chiudeteli con i rispettivi coperchi e fateli bollire avvolti con dei canovacci per 15 minuti circa,lasciateli raffreddare e conservateli in dispensa.peperoncini ripieni sott'olio Collage

Marmellata di peperoncini

Marmellata di peperoncini:una ricetta tanto semplice quanto buona per preparare questa deliziosa ed insolita conserva, con il suo gusto dolce piccante,che vi assicuro è veramente particolare.Il peperoncino inoltre ha tantissime proprietà: migliora la circolazione, abbassa il colesterolo,la pressione e i trigliceridi,aiuta la digestione è antiossidante e chi più ne ha più ne metta.Si utilizza in piccole quantità soprattutto con formaggi, carni lesse, salsicce e wurstel alla brace,o semplicemente sul pane.

marmellata di peperoncini

  • Ingredienti:
  • gr.250 di peperoncini rossi
  • gr.500 di peperoni rossi
  • 1 pizzico sale
  • 1/2bicchiere di vino rosso
  • gr.400 di zucchero
  • Preparazione:
    Vi occorrono dei peperoncini piccanti di qualunque varietà ma di colore rosso brillante e dei peperoni rossi che serviranno a dare consistenza alla marmellata ed a attenuare il gusto piccante che altrimenti risulterebbe troppo forte.Lavate i peperoni,asciugateli e tagliateli a pezzettini piccoli,avendo cura di togliere i semi e i filamenti bianchi,continuate con i peperoncini,lavandoli e asciugandoli,(vi consiglio di usare i guanti)tagliateli a metà nel senso della lunghezza e con un coltello raschiate via i semi,tagliateli a pezzi e metteteli in una pentola assieme ai peperoni,il sale,lo zucchero e il vino,fate cuocere per 40 minuti circa a fuoco basso quindi frullate il composto con un mix ad immersione,continuate la cottura per altri 30 minuti circa fino ad ottenere la consistenza desiderata.versate la marmellata nei barattoli precedentemente sterilizzati,chiudeteli e sistemateli in una pentola avvolti con degli stracci,coprite con acqua calda e fate bollire per 15 minuti,toglietele dalla pentola dopo il raffreddamento.marmellata di peperoncini Collage

Fichi sciroppati al vin brulè

I fichi sciroppati al vin brulè sono una conserva dolcissima e preziosa, questo è il periodo giusto per la raccolta dei fichi , io ho provato a conservarli per l’inverno e con questa ricetta ho ottenuto un buon risultato.Una riserva di dolcezza per l’inverno e un’ottima idea anche da regalare.

fichi sciroppati al vin brulè Collage

Fichi sciroppati al vin brulè

  • Ingredienti:
  • 1 kg di fichi maturi sani e freschi
  • ml 500 circa di vino rosso (io ho usato la Barbera)
  • gr.250 di zucchero semolato
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 stecca di cannella
  • la scorza di un limone
  • Preparazione:
    Scegliete i fichi, devono essere maturi e sani,Lavateli delicatamente senza sbucciarli.Adagiateli uno accanto al’altro in una pentola larga e cospargeteli di zucchero,aggiungete la cannella,i chiodi di garofano e la scorza di limone,coprite il tutto con il vino.Fateli cuocere a fiamma bassa senza coperchio e senza girarli per circa 1 ora. Il liquido deve risultare di un bel colore ambrato, con una consistenza tipo sciroppo e i fichi dovranno essere morbidi.mettete i fichi ancora caldi in vasetti sterilizzati senza schiacciarli, distribuire lo sciroppo in ciascun vasetto. Chiudete ermeticamente e teneteli capovolti fino al raffreddamento.Per maggiore sicurezza potete far bollire i vasi per 15 minuti.

Marmellata di fichi

La marmellata di fichi è una delle confetture più nutrienti tra quelle preparate con la frutta. Una marmellata davvero buonissima,ideale per farcire torte e crostate,ottima anche per accompagnare cibi salati come i formaggi stagionati,o semplicemente da spalmare su una fetta di pane.

marmellata di fichi (7)

Marmellata di fichi

  • Ingredienti:
  • 1 kg di fichi freschi e maturi
  • 500 gr di zucchero
  • 1 limone
  • un pizzico di cannella
  • Preparazione:
    Per preparare una marmellata di fichi deliziosa dovrete scegliere bene i vostri fichi: prendete i più maturi per ottenere una marmellata dolce e gustosa. Tagliateli a pezzi senza togliere la buccia e metteteli in una pentola abbastanza capiente: unite ai fichi il succo di un limone e la sua buccia grattugiata,lo zucchero e il pizzico di cannella.Lasciate cuocere la marmellata molto lentamente per almeno 1 ora, mescolando di tanto in tanto : per controllare che sia pronta mettete una goccia di marmellata su un piatto pulito,lasciatela raffreddare e controllate che la consistenza sia quella che voi gradite,se volete una marmellata più densa, lasciatela cuocere ancora per qualche minuto. sterilizzate i vasetti facendoli bollire per 20 minuti, quindi toglieteli dalla pentola e lasciateli asciugare capovolti su un panno pulito.Versate la marmellata ancora calda nei vasetti chiudetele e teneteli capovolti fino a completo raffreddamento.marmellata di fichi Collage