Plumcake di pasta brioche light allo yogurt

Buongiorno a tutti! Avete già fatto colazione? No? Allora avete un gran bisogno di qualche fetta di plumcake appena sfornato! Come lo preferite, con o senza uvetta? 🙂

La ricetta di oggi è una rivisitazione. Ho voluto replicare la ricetta della pasta brioche light che avevo usato per i cornetti (i miei primi cornetti) di cui vi avevo raccontato in questo articolo.

plumcake di pasta brioche light
Plumcake di pasta brioche light allo yogurt, con uvetta

Sono partita con l’idea di rifare i cornetti.
Per la colazione della domenica (o, come adesso, per la colazione nei giorni di vacanza 😉 ) mi piace preparare qualcosa che possa essere infornato appena ci alziamo e che possa essere mangiato subito ancora caldo, o tiepido.
Di sera, tutta contenta all’idea che la mattina dopo i miei figli avrebbero trovato i cornetti in lievitazione nel forno, mi sono rimboccata le maniche e ho iniziato. Sono partita male subito 😛 scoprendo d’aver finito la farina manitoba. Ma non si rinuncia solo per quello, no? Così ho usato la sola farina 0.
Non è stato un errore ma, sinceramente, mentre impastavo lo pensavo. Mi dicevo che avrei fatto meglio, in mancanza della manitoba, ad usare la tipo 1, perché l’ho capito subito che la consistenza dell’impasto era diversa da quella dell’impasto dei cornetti: questa farina ha prodotto una pasta brioche dalla consistenza più morbida e anche un po’ più appiccicosa da lavorare con le mani. E’ vero che ogni farina è a sé e ha una resa diversa, è una cosa che sperimento di continuo, eppure non posso fare a meno ogni volta di notarlo e di meravigliarmi.

Quindi, se alla fine ho deciso di fare due plumcake invece di una teglia di cornetti, la colpa è… della morbidezza dell’impasto!
Gìà, perché ho deciso che sarebbe stato molto più semplice mettere l’impasto in un paio di stampi, piuttosto che lottare con un impasto che si appiccicava alle mani! 😛 😀 Ma è stata una saggia decisione. Quanto ci sono piaciuti!!!

plumcake di pasta brioche light
Plumcake di pasta brioche light allo yogurt

Il primo plumcake, mangiato tiepido a colazione, mmmmh! era morbido ma con la crosticina leggermente croccante. E i miei figli… hanno spalmato sulle fette la nutella! 😀

Il secondo plumcake, quello senza uvetta, lo abbiamo lasciato per la merenda del pomeriggio. Quanto è buono… con il gelato!!  😉

Plumcake di pasta brioche light

Ingredienti
500 g di farina 0
120 g di zucchero
200 g di yogurt bianco naturale (non zuccherato)
30 g di olio di semi
1 uovo
scorza di mezzo limone grattugiata
1 bustina di vanillina
mezzo cubetto di lievito di birra
30-40 g di latte tiepido
uvetta a piacere
codette colorate e zucchero a velo per la decorazione

Procedimento
Versare la farina in una ciotola. Aromatizzare con  la scorza di limone grattugiata e la vanillina e mescolare bene con un cucchiaio. Fare un foro centrale (la cosiddetta fontana).

Sciogliere il lievito nel latte tiepido e versarlo nella farina.
Aggiungere lo zucchero, lo yogurt e l’olio, mescolare con un cucchiaio poi aggiungere l’uovo e mescolare bene.

Incorporare poco alla volta la farina poi impastare con le mani.

Se l’impasto risultasse molto morbido, trasferirlo nella planetaria o in un robot da cucina provvisto di pale da impasti. Io ho impastato a mano, infarinando le mani. In questo caso bisogna fare attenzione a non aggiungere troppa farina per non aumentare troppo la quantità di farina finale.

Far lievitare l’impasto in luogo riparato fino al raddoppio (due-tre ore).
Dopo la lievitazione dividere l’impasto in due parti. Una delle due parti l’ho lasciata al naturale, nell’altra ho aggiunto un po’ di uvetta.
Porre ogni metà impasto in uno stampo da plumcake rivestito di carta forno.

Mettere i due stampi nel forno spento a lievitare di nuovo fino al raddoppio. Io li ho lasciarli lievitare per tutta la notte, ma già un paio d’ore possono essere sufficienti.

Cuocere in forno a 180-200° per circa circa 30 minuti.
Decorare con le codette colorate prima della cottura, oppure con zucchero a velo dopo la cottura. In questo caso lasciar prima intiepidire il plumcake.

Mi raccomando, fatela la prova di gustarlo con il gelato! Magari di vaniglia 😉 Ne vale la pena!!

Grazie per aver letto questa ricetta 🙂

Se volete seguirmi su Facebook, cliccate qui. 🙂

Precedente Crostatine margherita in due versioni Successivo Crema di caffe' vegana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.