Crea sito

Crema di caffe’ vegana

Sono appena tornata dalle vacanze e ho bisogno di un caffe’! Però… non il solito, oggi ho fatto una crema di caffe’! La carica del caffe’ abbinata all’idea di dessert, ecco quello che mi ci vuole per riprendere il lavoro con il sorriso!! 😉

crema di caffe' vegana

Ho fatto questa crema di caffe’ non più di dieci minuti dopo aver visto la ricetta della crema al caffe’ vegan di Giovanna del blog Mangia senza pancia. 🙂 Ho visto la foto, ho letto la ricetta e subito me ne sono innamorata. Una ricetta semplice, come piace a me, e poi io sono golosissima di tutto ciò che sa di caffè: gelati, dolci al cucchiaio, ciambelle, creme, perciò non potevo farmi scappare l’occasione di provare questa crema di caffe’. E il fatto che fosse vegana mi ha incuriosito ancora di più. 😀

Questa crema di caffe’ vegana ora è diventata una ricetta abituale di casa mia e l’ho provata in diverse versioni.
Calda o tiepida devo dire che mi piace molto, soprattutto se aromatizzata con un cucchiaino di liquore 😉 (per la precisione a me piace con il rum).
Anche fredda è ottima. In questo caso è ideale come dessert, per una pausa dolce pomeridiana oppure potete prepararne in quantità e proporla fra i dolci di un buffet.
Per la versione fredda io preferisco evitare il liquore, mentre trovo che l’aggiunta di qualche amaretto sbriciolato ben si addica.

E poi, questa crema di caffe’ ho voluto farla con un caffè del commercio equo che mi è stato regalato, un caffè buonissimo che mi piace davvero tanto. Lievemente aromatico, è ideale da usare per una ricetta vegana! 🙂 E quindi eccola qui, la ricetta!

Crema di caffe’ vegana

Ingredienti per 2 tazzine
2 tazzine di caffè (100 ml circa)
150 ml di latte di soia o riso (io ho usato un latte misto soia-riso non zuccherato)
20 g di amido di mais
20 g di zucchero di canna grezzo (4 cucchiaini circa)
2-4 amaretti oppure 2 cucchiaini di liquore (facoltativi)

Procedimento
Versare il caffè in una casseruola, mescolarlo allo zucchero.
Versare il latte di soia (o riso), preferibilmente non freddo di frigo, ideale a temperatura ambiente.
Aggiungere l’amido di mais, meglio se setacciato, e mescolare bene con un cucchiaio fino a quando l’amido sia tutto ben sciolto.
Accendere il fuoco e portare ad ebollizione a fuoco medio sempre mescolando come si fa quando si prepara un normale budino.
Appena raggiunge il punto di ebollizione la crema di caffe’ si addensa, abbassare la fiamma al minimo dopodiché saranno sufficienti pochi secondi di ebollizione: la crema sarà subito pronta e si potrà spegnere il fuoco.

Versare in tazzine da caffè o bicchierini. Si può gustare subito, calda o tiepida. In questo caso, e se piace, si può aggiungere un cucchiaino di liquore per ogni tazzina.
Se si preferisce fredda, riporre in frigo (io direttamente nelle tazzine, coperte di pellicola trasparente) per un paio d’ore.

Se non consumata subito si può conservare in frigo per 2-3 giorni.

crema di caffe' veganaInfo sulla quantità di zucchero:
Noi abbiamo l’abitudine di prendere il caffè senza zucchero, per questo motivo questa crema di caffe’ a noi piace non troppo dolce, 20 grammi di zucchero per noi sono sufficienti. Tenete in considerazione il fatto che io ho utilizzato un latte non zuccherato (è un latte misto soia-riso che uso sia in preparazioni dolci che salate). Nel caso vogliate usare il latte di soia zuccherato (o di riso che è ancor più dolce) sono certa che la quantità di zucchero possa essere leggermente diminuita.
In ogni caso l’aggiungere più o meno zucchero in questa crema di caffe’ è un fatto molto personale che dipende dai gusti, dalle abitudini e dalle necessità alimentari, e anche dal tipo di caffè usato. Perciò, dai, sperimentate e poi ditemi la vostra opinione!

Info sul liquore:
Ho etichettato questa crema di caffe’ come ricetta vegan in quanto priva di prodotti di origine animale. Da quando mi interesso di cucina vegana ho imparato che esistono prodotti non ammessi dall’etica vegana (pur essendo prodotti di origine vegetale) in quanto lavorati o trattati con prodotti non consentiti (filtri, additivi, ecc.). Chi è vegano è senz’altro a conoscenza meglio di me di quali siano i liquori certificati, comunque vi lascio questo link: è una guida (in inglese) ai liquori vegan.

Info sugli amaretti:
All’inizio non ci avevo pensato, lo ammetto, che gli amaretti sono tradizionalmente fatti con gli albumi e che quindi non sono vegani. Ma sono facoltativi come lo è il liquore, e non sono indispensabili in questa crema di caffe’. Ma se siete vegani sono certa che abbiate in casa una scorta di amaretti vegan perfetti per una gustosa aggiunta di sapore 🙂 Per chi volesse autoprodurli, vi lascio questa bella ricetta degli amaretti vegan della mia amica Daniela, blog Timo e Lenticchie. 🙂

crema di caffe' vegana

E ora vi auguro una buonissima pausa caffè!! 🙂

Grazie per aver letto questa ricetta!

Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook!

E se vi va iscrivetevi al mio nuovo gruppo! –> Il gruppo di Catia, in cucina e oltre 🙂

Venite a trovarmi anche nelle mie bacheche Pinterest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.