Cornetti di pasta brioche light

Non c’è niente di meglio dei cornetti di pasta brioche a colazione. Se poi sono light meglio, no? Guardate che belli che sono! Eh, sì! ne sono orgogliosa, posso?

cornetti di pasta brioche

Se avete letto il mio commento di ieri in fanpage (il link alla fanpage è in fondo all’articolo 😉 ), sapete che ieri ho avuto un pranzo di famiglia, pranzo durante il quale non mi sono fatta mancare proprio niente 😀 , ma la giornata di ieri era cominciata bene fin dal mattino, dato che la nostra colazione domenicale prevedeva dei cornetti di pasta brioche!

E’ vero che questa pasta brioche è light, perché è senza burro, ma olio e per di più con una quantità di olio davvero piccola, però pur sempre di una colazione speciale si trattava, almeno per noi che non siamo abituati a fare colazione con dei cornetti fatti in casa da me! Eh, sì!! era il mio primo esperimento cornetti e anche il mio primo esperimento pasta brioche! ecco, qui ci vorrebbe proprio quella vignetta di Snoopy che agita i piedi, ce l’avete presente? 😀

Dato che la pasta brioche non fa parte delle ricette della mia famiglia, mia mamma non l’ha mai fatta, né io avevo mai pensato di provare a farla in casa, e credo che il motivo vada ricercato nella mia infanzia, perché nel mio immaginario, fino a poco tempo fa, la pasta brioche era solo quella della treccia di pasticceria, che quando ero bambina era la specialità del “nostro” pasticcere.

Insomma, la storia di questi cornetti ve la racconto, è andata così: stavo guardando delle ricette in rete, così, senza neanche tanto impegno, solo con l’intento di farmi un’idea, e il caso vuole che, mentre ho davanti a me sullo schermo la foto bellissima dei cornetti di Federica del blog Una blogger in cucina (questi), mio marito mi passa di fianco e dice “belli quelli! falli anche te!”.
Leggendo la ricetta avevo già capito che facevano al caso mio, perché non prevedevano tante uova come temevo ma un solo uovo, perché non prevedevano burro ma olio e perché prevedevano lo yogurt che io uso spessissimo nelle ciambelle e che è un ingrediente che mi piace tanto usare, anche nei salati.
Ecco, è esattamente così che è andata, ho risposto a mio marito “ok, li faccio domenica!” e questi miei cornetti di pasta brioche, proprio questi:

cornetti di pasta brioche

sono il risultato finale!

Rispetto la ricetta di Federica ho apportato alcune piccole varianti (ad esempio ho usato la farina 0 anziché 00, e poi non ho usato il miele e poi… be’ ovviamente ho evitato il pizzico di sale 😀 ) ma il risultato è stato perfetto, secondo me, e anche secondo tutta la mia famiglia. 🙂

Cornetti di pasta brioche light

Ingredienti
Quelli elencati sono esattamente gli ingredienti che ho usato io. Ho diviso la pasta in due parti, con una parte ho realizzato i cornetti e con l’altra una treccia che purtroppo, e mi dispiace davvero, non posso mostrarvi perché è sparita nelle fauci di qualcuno (indovinate chi) prima che la potessi fotografare! In ogni caso, treccia o meno, con questa pasta brioche potete realizzare ciò che volete, l’idea dei cornetti è solo un spunto, in realtà potete dare alle vostre creazioni la forma che volete: potete fare delle trecce, dei plumcake o dei panini da farcire con marmellata o crema di nocciole. Fantasia in cucina, ecco quello che ci vuole! 😀

250 g di farina 0
250 g di farina manitoba
mezzo cubetto di lievito di birra
120 g di zucchero
220 g di yogurt bianco naturale (non zuccherato)
30 g di olio di semi
1 uovo
scorza di limone,
pochissimo latte

Procedimento
Versare le due farine in una ciotola e praticare un foro centrale.
Sciogliere il lievito in pochissimo latte tiepido (giusto un dito) e versarlo nella farina.
In un piatto sbattere l’uovo con una forchetta e versarlo nella farina.
Aggiungere lo zucchero e mescolare con un cucchiaio.
Continuando a mescolare aggiungere lo yogurt, l’olio e infine la scorza di limone grattugiata (in quantità a piacere, io appena un po’, quella di meno di mezzo limone).
Impastare con le mani energicamente come si fa abitualmente per tutti gli impasti lievitati. Chi è abituato ad usare la planetaria ovviamente può farlo.
Riporre la ciotola in forno o, come faccio io dentro al microonde, e lasciar lievitare l’impasto fino al raddoppio. Dal momento che ho usato metà panetto di lievito, io l’ho fatto lievitare per diverse ore. Per la precisione dal pomeriggio fino a sera dopo cena. Chi vuole accelerare i tempi può usare un panetto di lievito intero.
Stendere l’impasto con il mattarello cercando di ottenere una forma rettangolare.
Tagliare a metà nel senso della lunghezza e poi ottenere dei triangoli. Io non sono stata proprio precisissima nel taglio perchè mi piaceva l’idea di ottenere cornetti di varie dimensioni.
Arrotolare ogni triangolo su se stesso partendo dalla base. Prima di arrotolarli può essere utile stenderli di nuovo con il mattarello. Ho seguito il consiglio di Federica di fare in modo che la punta di ogni cornetto rimanesse sotto al cornetto stesso per evitare che durante la cottura si sollevasse e ha funzionato benissimo.
Porre i cornetti su una teglia rivestita di carta forno, se li fate di dimensioni diverse cercate di cuocere assieme quelli più o meno simili tra loro, non i più grandi con i più piccoli insomma, ma questo se non lo sapete già (e dubito non lo sappiate) potete immaginarlo! 😛

Metterli nel forno spento a lievitare fino al raddoppio. Data l’ora serale in cui io li ho preparati, ho deciso di lasciarli lievitare per tutta la notte, avendo usato poco lievito mi pareva una buona idea, e poi ero intenzionata a mangiarli appena sfornati 🙂 . La domenica mattina non ci corre dietro nessuno, no?

Cuocere i cornetti in forno a 170-180° per circa 20 minuti. Prima di infornarli io li ho inumiditi (con acqua semplicemente, a me non piace molto usare l’uovo per le spennelature superficiali, forse non tutti condividono questa mia idea, ma così è). Alcuni li ho lasciati lisci così, al naturale, altri li ho leggermente zuccherati.

Sfornarli e lasciarli intiepidire su una gratella. Mangiati tiepidi danno il massimo, sono buonissimi. Se riuscite a non finirli tutti, quelli avanzati potete conservarli in un portatorte e scaldarli brevemente prima di consumarli, magari il giorno dopo. Ma se volete, potete darli ai vostri figli per la merenda di scuola: vedrete che li mangeranno molto volentieri anche non scaldati!

cornetti di pasta brioche

Grazie per aver letto la ricetta dei miei cornetti di pasta brioche! 🙂

Se volete seguirmi su Facebook, cliccate qui. 🙂

 

Precedente Muffin banana e cioccolato Successivo Insalata di radicchio rosso e noci

6 commenti su “Cornetti di pasta brioche light

  1. che meraviglia questi cornetti!
    mi fanno venire voglia di fare colazione adesso, subito, all’alba delle 18.30.
    si può???
    no, non si può!
    mica puoi postare ste ricettine così golose 😛
    uff…

    • catiaincucina il said:

      Ciao Valentina! Bentornata! Ho sentito la tua mancanza in questi giorni! Sei molto gentile, grazie! in effetti sono molto buoni ma, devo dirlo, la regina dei dolci sei tu! 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.