Feta al cartoccio con pomodorini e olive

Oggi vi racconto una ricetta tanto semplice quanto buona, una ricetta tipica greca: la feta al cartoccio con pomodorini, origano e olive.

Una ricetta che ho copiato da un episodio de Il cuoco vagabondo – che ho visto l’inverno scorso e di cui spero prima o poi di rivedere la replica! – una serie tv francese di viaggi e cucina in cui lo chef Fred Chesneau mostra le bellezze e le specialità dei luoghi visitati, fermandosi a mangiare in locali caratteristici e cucinando con le persone del luogo i loro piatti tradizionali.
La puntata che ho visto era dedicata alla Grecia, e l’ho guardata fino alla fine con molto interesse perché… ehhh mi piacerebbe tanto andare in Grecia! 🙂 e perché quel poco di cucina greca che conosco mi piace proprio tanto.

La feta al cartoccio cucinata lì da Chesneau aveva un fascino particolare, perché era cotta in un forno a legna dall’aria vissuta e, soprattutto, perché veniva gustata lì, all’aria aperta e su un ripiano in pietra al posto del tavolo. Proprio il posto dove vorrei essere adesso!

feta al cartoccio con pomodorini

Feta al cartoccio con pomodorini e olive

Ingredienti
feta (io un pezzo da 400 g)
pomodorini (15 circa)
aglio (1 spicchio)
olive taggiasche
origano
scorza di limone
olio extravergine

Procedimento
Il procedimento è semplicissimo:

Sciacquare la feta con acqua corrente per eliminare l’eccesso di sale della salamoia. Eventualmente lasciarla in ammollo per qualche minuto.
senza saleQuesto lavaggio della feta nella ricetta originale non c’è, ma in questo mio blog senza sale è un passaggio assolutamente consigliato 🙂

Lavare un rametto di pomodorini.

Porre un foglio di carta forno (o, meglio, di stagnola) su una piccola pirofila o teglia, sistemare la feta sulla carta forno, condire la feta con una grattatina di scorza di limone, origano e aglio tritato, poi aggiungere il rametto di pomodorini (tutto intero) sulla feta.

Aggiungere le olive, io anche altro aglio e altro origano, completare con un giro d’olio e chiudere il cartoccio.

feta al cartoccio con pomodorini e olive steps

Cuocere in forno a 200° per 15 minuti.

All’apertura del cartoccio ci sarà parecchio sughetto sul fondo, e la carta forno si sarà un po’ rotta, infatti una parte (per fortuna piccola) del mio sughetto è fuoriuscita e si è bruciacchiata sulla teglia.
Nella ricetta dello chef francese veniva usata la stagnola, io alla prossima occasione proverò a mettere la feta in una cocotte e ad avvolgere il tutto nella carta forno, cioè cocotte compresa, per evitare la rottura della carta 😉

feta al cartoccio con pomodorini e oliveGustare calda. Slurp!

È strabuona questa feta al cartoccio! La feta diventa morbida e cremosa e nel sughetto ci si può intingere il pane. E i pomodorini metteteli con tutto il rametto, anche se può sembrarvi scomodo al momento di mangiare, perché rende il tutto più bello da vedere, e secondo me aggiunge anche profumo e sapore 🙂

Possibili varianti: per la mia feta al cartoccio ho usato dei pomodorini di Romagna igp, cioè i pomodorini migliori che sono riuscita a trovare qui, e ho aggiunto le olive taggiasche, che per me erano giuste giuste per una ricetta greca in versione italianizzata 🙂 Inoltre, ho rifatto la ricetta anche senza scorza di limone e vi assicuro che è venuta ottima ugualmente, perciò provate anche voi a togliere o ad aggiungere ingredienti, provate anche altre erbe aromatiche, magari un pizzico di peperoncino o qualche cappero, oppure usate la cipolla rossa al posto dell’aglio… insomma, sbizzarritevi!

E buon appetito!!

senza sale

Non occorre assolutamente aggiungere sale in questa feta al cartoccio, anzi vi rinnovo il consiglio di dissalare la feta, che è un formaggio molto saporito conservato in salamoia, lasciandola in acqua per qualche minuto.

Vi ricordo come sempre di leggere i miei consigli per ridurre il sale dalle vostre tavole, e vi aspetto sulla mia pagina Facebook 🙂

E se vi va di diventare miei follower su Pinterest vi aspetto anche lì!

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Precedente Biscotti avocado e amaretti (e altre proposte) Successivo Congelare le vongole (cotte e sgusciate)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.