Crea sito

Savoiardi siciliani, i “firrincozza”

Savoiardi siciliani, i "firrincozza"

Cari amici, oggi vediamo insieme come preparare una delizia della tradizione ragusana, i cosiddetti firrincozza, che non sono altro che la nostra particolare versione dei savoiardi siciliani.

A differenza dei savoiardi tradizionali, che hanno la classica forma a parallelepipedo e che sono asciutti all’interno, i firrincozza sono belli grandi e rimangono morbidi, dei perfetti biscottoni da colazione, insomma! In realtà, comunque, la differenza sta solo nella forma e nel grado di cottura (cuocendoli qualche minuto in più, si asciugano).

Ottimi da soli, bagnati nel latte oppure ricoperti di crema alle nocciole o marmellata, i savoiardi siciliani sono davvero una leccornia!

Ricordo che, da bambina, i firrincozza erano spesso la mia merenda quando stavo dalla nonna: ripensando ad allora, mi sembrano ancora più buoni!!!

Eccovi la ricetta…

Se vi piacciono i biscotti ragusani, provate anche i parigini!

Ho realizzato i firrincozza anche in occasione di una cooking class virtuale su facebook, se vi va seguitela!

Savoiardi siciliani, i "firrincozza"
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni10 savoiardi circa
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 3Uova (Fredde. Se sono molto piccole, mettetene 4)
  • 250 gFarina 00 (o maiorca)
  • 150 gZucchero
  • 1Scorza di limone
  • 1/2 bustinaLievito in polvere per dolci
  • 1 pizzicoSale

Preparazione

  1. La prima cosa che dovete fare per preparare i savoiardi siciliani è quella di dividere le uova in tuorli ed albumi, riponendoli in due ciotole separate.

  2. Montate gli albumi con le fruste. Quando sono quasi completamente montati, aggiungete un pizzico di sale e un terzo dello zucchero continuando a montare.

  3. Savoiardi siciliani, i _firrincozza_ passo passo 1

    Aggiungete lo zucchero restante ai tuorli e montateli per bene, fino a quando sono chiari e spumosi.

  4. Savoiardi siciliani, i _firrincozza_ passo passo 2

    Adesso, non dovete fare altro che aggiungere gli albumi e la farina ai tuorli, ma ATTENZIONE! Questo è il passaggio più delicato, perché per mantenere ben morbido il composto dovete aggiungere tutto gradualmente, vediamo come.

    Aggiungete due-tre cucchiai di albumi montati ai tuorli e lavorateli con la spatola dal basso verso l’alto per incorporarli all’impasto senza perdere aria.

  5. Aggiungete 3-4 cucchiai di farina setacciandola prima (basta usare un colino per farla cadere nella ciotola) e incorporatela con la spatola.

    Proseguite alternando albumi e farina fino alla fine degli ingredienti.

  6. Grattugiate la scorza del limone e unitela al composto.

    Alla fine, aggiungete anche il lievito sempre setacciandolo.

  7. Savoiardi siciliani, i _firrincozza_ passo passo 3

    Rivestite una leccarda con carta forno, poi sistemate delle grandi cucchiaiate d’impasto ben distanziate fra loro.

    Cospargete i biscotti di zucchero.

  8. Cuocete i savoiardi siciliani in forno preriscaldato in modalità statica a 180° per 10 minuti circa.

    Se volete, potete anche proseguire la cottura per 4-5 minuti per ottenere dei savoiardi più croccanti anziché morbidi.

    Estraete i biscotti dal forno, lasciateli intiepidire e poi staccateli delicatamente dalla carta forno.

    Buon appetito, i vostri firrincozza sono pronti per essere gustati!

Note e consigli:

– Potete fare i vostri savoiardi anche di pezzatura più piccola utilizzando un tarocco per dar loro una forma rettangolare, come i classici savoiardi;

– Per avere i savoiardi ancora più soffici, potete sostituire 100 g di farina con 100 g di amido di frumento o fecola di patate;

– Potete cuocere i savoiardi in forno ventilato a 170° per 7-8 minuti circa;

– Potete conservare i savoiardi in un sacchetto di plastica o in un contenitore ermetico anche per una settimana.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.