Crea sito

Mozzarella in carrozza al forno

Mozzarella in carrozza al forno (6)

Cari lettori,

si fa presto a dire casa, quando tutto è sottosopra, gran parte degli oggetti è imballata in solaio e le uniche, pochissime, cianfrusaglie rimaste a portata di mano sono qualche stoviglia spaiata per il blog, due abiti da lavare in continuazione, un pianoforte mezzo scordato e una valigia piena zeppa di sogni. E così ci si improvvisa, barcamenandosi un po’; se mi chiedessero quale dote possa distinguere la mia persona, direi certamente l’improvvisazione, in musica e nella vita, e l’innata capacità di adattamento ad ogni bizzarra situazione che colei, la vita, si è divertita spesso, sogghignando, a propormi. Lo sostenne anche la mia stimata professoressa di biologia del liceo. E dev’essere divertente osservarmi da fuori, dall’alto, non nascondo che io per prima ne rido di gusto. Ma in questo trambusto di emozioni, calcinacci, letteratura e note che escono sparse da uno stereo o da una partitura inedita in continuo divenire, si deve certo pensare anche a qualcosa di materiale, futile, come alcuni considerano il cibo. Cibo per vivere, o per sopravvivere, per nutrirsi, o per puro, agognato, piacere. Ecco quindi la mia mozzarella in carrozza, questa volta cotta al forno, un croccante tramezzino che svela, morso dopo morso, un ripieno filante e saporito e che, con una semplicità disarmante, ci conduce alla oggettiva, tangibile, realtà di un raggio di sole che si muove lentamente e, come una meridiana immaginaria, scandisce il tempo che corre.

gelso piano sala vuota

Mozzarella in carrozza al forno

INGREDIENTI PER 2 PERSONE

  • 2 sfoglie di pane per tramezzini lungo e senza bordi
  • 1 mozzarella fiordilatte
  • 50 g di latte
  • 2 uova piccole
  • 150 g circa di pangrattato
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

PROCEDIMENTO

Tagliate il pane per tramezzini ottenendo una forma tendente al quadrato (4 pezzi). Potete usare anche pan carrè di vari tipo, eliminando il bordo esterno, o pan carrè fatto in casa.

Bagnate ogni fetta, solo da un lato, quello interno, con pochissimo latte.

Mozzarella in carrozza al forno (1)

Tagliate a fette la mozzarella e disponetela tra le due fette di pane. Fate così anche per il secondo tramezzino.

Mozzarella in carrozza al forno (2)

Sbattete le uova in un piatto e versate il pangrattato in un secondo piatto.

Immergete i tramezzini alla mozzarella nell’uovo da entrambi i lati.

Mozzarella in carrozza al forno (3)

Passateli quindi nel pangrattato. Ripassate i quattro lati di ogni tramezzino di nuovo nell’uovo e poi nel pangrattato, per sigillare bene i bordi ed evitare che la mozzarella fuoriesca. Pressateli leggermente con i polpastrelli.

Mozzarella in carrozza al forno (4)

Una volta preparata una panatura consistente e uniforme, posizionate i tramezzini su una teglia con carta forno e oliate leggermente la loro superficie con olio extra vergine. Aggiustate di sale e pepe a piacere.

Mozzarella in carrozza al forno (5)

Cuocete a 200 gradi forno preferibilmente ventilato per 10-12 minuti, fino a quando la mozzarella in carrozza non sarà ben dorata e croccante. Adagiate i sandwich su un tagliere e tagliateli a metà seguendo la linea della diagonale.

Consiglio: potete variare il ripieno arricchendolo con passata di pomodoro, pomodoro fresco, prosciutto, acciughe o altro.

Buon appetito!

*gelso*

Seguitemi anche sulla pagina facebook e sui social, ci conto!

Mozzarella in carrozza al forno (7)

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

2 comments on Mozzarella in carrozza al forno

  1. SimoCuriosa
    27 gennaio 2016 at 11:07 am (4 anni ago)

    eccoci la mozzarella in carrozza è una di quelle cose che volevo provare a fare in forno….ora che l hai fatto tu posso andar sicura…
    in bocca al lupo per tutto, vedrai che andrà tutto benone, è bello avere questi stimoli per cambiare, migliorare o realizzare alcuni piccoli sogni. complimenti !

    Rispondi
    • Gelso
      27 gennaio 2016 at 11:14 am (4 anni ago)

      Cara Simo, sei proprio carina! Ti assicuro che la versione al forno è speciale, croccante fuori e filante dentro, da svenimento! 😀 Un abbraccio <3

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *