Crea sito

Cuccidati di pane, ricetta siciliana tradizionale

Cuccidati di pane - ricetta siciliana tradizionale

Tutta la Sicilia (e non solo!) è piena di dolci e pani antichi, che si preparano preparano tradizionalmente in occasione delle feste, oggi sacre ma un tempo pagane.

In occasione del Natale, nella provincia di Ragusa è tradizione preparare tantissime forme di pane dai significati propiziatori: si creano quelle a forma di bambinieddu (Gesù appena nato), pisci (pesce), aucieddu (uccello), ranata (melagrana) e così via, normalmente utilizzando anche frutta secca per decorare.

Oggi vediamo come preparare i cucciddati di pane, dei pani intrecciati a forma di coroncina con all’interno la frutta secca.
Cucciddatu è la tradizione di buccellato, termine con il quale normalmente si identifica un dolce della medesima forma: le origini di questo dolce risalgono al periodo tardomedievale, in particolare al panificatus romano, dalla classica forma a ciambella: quando gli imperatori tenevano feste o incontri fra gladiatori, erano soliti offrire al popolo il buccellatum, che letteralmente significa “pane da trasformare in piccoli bocconi”. L’addetto alla distribuzione era il buccellarium, da qui la storpiatura buccellato.

La tradizione vuole che la frutta secca vada messa nel pane con tutto il guscio: la ragione è facilmente spiegabile, basti pensare all’utilizzo dei forni a legna, molto potenti, che avrebbero bruciato la frutta secca senza guscio. Inoltre, in periodi in cui si era ben lontani dall’abbondanza attuale, il doversi fermare quasi a ogni boccone per sgusciare la frutta secca permetteva al pane di durare di più e di trasformarsi in una sorta di “gioco” per grandi e piccini.

Io mi sono permessa una rivisitazione in chiave moderna e ho quindi preparato i miei cucciddati di pane con frutta secca senza guscio, avendo però l’accortezza di utilizzarla non tostata per evitare di farla colorare troppo durante la cottura del pane.

Eccovi la ricetta: queste coroncine di pane sono perfette per decorare la tavola di Natale!!!

Se vi va, leggete anche il mio speciale con tutte le ricette natalizie della tradizione ragusana!

Cuccidati di pane - ricetta siciliana tradizionale
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo5 Ore
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4-5 pani
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina 0
  • 3 gLievito di birra secco
  • 350 mlAcqua (circa)
  • 10 gSale
  • 50 gMandorle (o pistacchi o nocciole)

Preparazione

  1. Per prima cosa, mettete il pane in una ciotola.

    Sciogliete il lievito in 2 cucchiai d’acqua e aggiungetelo alla farina, poi continuate versando l’acqua a filo e lavorando con una mano fino a quando tutta la farina non è amalgamata.

    La quantità d’acqua è indicativa e può variare a seconda della farina utilizzata: per questo non va versata tutta in una volta.

  2. Come ultimo ingrediente, unite il sale, poi trasferite l’impasto su una spianatoia infarinata e lavoratelo per una decina di minuti, fino a quando l’impasto non è liscio ed elastico.

  3. Ungete una ciotola capiente, riponete il panetto, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare per 4-5 ore, fino al raddoppio.

  4. Cuccidati di pane - ricetta siciliana tradizionale passo passo 1

    Dividete l’impasto in due parti, poi prendete la prima metà e suddividetela a sua volta in quattro parti.

    Stendete fino a ottenere quattro cordoni non troppo sottili e unite le estremità per formare una sorta di ciambelloni.

    Posizionate le corone di pane su una teglia rivestita con carta forno e con delle forbici fate dei taglietti sul lato esterno

  5. Dividete l’altra metà d’impasto in otto parti e formate dei cordoncini sottili.

  6. Cuccidati di pane - ricetta siciliana tradizionale

    Iniziate a intrecciare a due a due i cordoncini inserendo a ogni intreccio una frutta secca (mandorle, nocciole o pistacchi) fino a ottenere una misura sufficiente per ricoprire tutta la superficie delle ciambelle di pane.

  7. Trasferite delicatamente i cordoncini con la frutta secca sopra le ciambelle di pane e lasciate lievitare altri 30 minuti.

  8. Cuocete i cucciddati di pane in forno preriscaldato in modalità ventilata a 180-190° nella parte medio bassa del forno (per non bruciare la superficie della frutta secca) per circa 15 minuti (il tempo di cottura può variare a seconda dello spessore e della dimensione dei pani).

    Quando è cotto, estraete il pane dal forno, lasciatelo raffreddare e servite: buon appetito!

Note e consigli:

– E’ possibile utilizzare anche la farina di grano duro;

– Potete sostituire il lievito di birra secco con quello fresco (8-10 g) o con il lievito madre (quello più tradizionale, il “crescente”);

– Se preferite rispettare la versione più tradizionale di questi pani, potete usare la frutta secca con guscio;

– Come tecnica alternativa, potete prima intrecciare i cordoncini e montarli sul pane e poi inserire la frutta secca, ma secondo me vengono meno belli e precisi perché la frutta secca tende a uscire dagli intrecci;

– Vi consiglio di conservare i cucciddati in sacchetti per il pane per 2-3 giorni al massimo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.