Crea sito

Pizza con le carote al posto del pomodoro

È da tanto tempo che voglio parlarvi di questa pizza con le carote, anni. Da quando per la prima volta l’ho mangiata a casa della mia amica Sarah. Sarah! Ma quanto accidenti di tempo è passato???


Nel tempo l’ho ripetuta diverse volte, le prime volte l’ho fatta esattamente come quella di Sarah, con le carote crude e tritate. È ottima e mi piace un sacco, ma le briciole di carote rimangono un po’… sbriciolose, appunto, e il risultato finale è più quello di una focaccia farcita, più che di una pizza. E allora ho voluto provare a cuocere le carote e a trasformarle in una purea che potesse imitare la passata di pomodoro. Be’… funziona alla grande. Se siete intolleranti al pomodoro, se non vi piace il pomodoro, se vi state avvicinando alla cucina macrobiotica, oppure se semplicemente siete curiosi di provare, perché la curiosità che avete sempre di assaggiare di tutto è la stessa che ho sempre io… be’ allora dovete proprio provare a fare la pizza con le carote al posto del pomodoro, sono certa che vi piacerà. 🙂

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Porzioni
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1Impasto lievitato (vedi dettagli nelle istruzioni)
  • 5Carote
  • 1Mozzarella (o altro formaggio a piacere)
  • 1 cucchiaioOlio extravergine d’oliva
  • q.b.Origano

Preparazione

  1. In questa ricetta sono protagoniste le carote al posto del pomodoro perciò non vi darò gli ingredienti per l’impasto. Ho indicato in modo generico un ‘impasto lievitato’ perché potete utilizzare quello che preferite o che siete soliti usare. Se vi serve qualche idea, potrete scegliere fra gli impasti di cui vi lascio i link qui di seguito. Si tratta di impasti che sono già presenti sul blog e che quindi forse già conoscete, sono tutti adatti sia alla realizzazione di focacce che di pizze in teglia e li potete tutti usare per la vostra pizza con le carote (o focaccia con le carote a vostra scelta). Impasto base con ldb: se siete soliti utilizzare il lievito di birra potete optare per questa semplice pasta di pane, che è stata la prima pasta lievitata che ho imparato a fare tanti anni fa: pasta di pane classica con lievito di birra. Impasto ‘senza impasto’: oppure, potete utilizzare questo impasto a lievitazione breve (sempre con lievito di birra) senza impasto. Pasta lievitata con licoli: se siete soliti usare il lievito madre (come sapete io uso il licoli) vi offro come spunto la ricetta di questa focaccia. Impasto con lievitino di kefir: infine, se producete kefir di latte potete ottenere un ottimo impasto lievitato producendo un lievitino di kefir come vi ho raccontato in questa ricetta.

  2. Bene, stabilita la pasta, si può procedere con la farcitura: Stendere l’impasto sulla leccarda ricoperta di carta forno, dopodiché decidere se utilizzare le carote crude oppure cotte. Con carote crude: In questo primo caso occorre semplicemente tritare le carote con un robot da cucina oppure grattugiarle. Condirle le carote tritate o grattugiate con poco olio e stenderle sulla pasta. Nella lista ingredienti ho indicato in modo generico 5 carote, in realtà la quantità può variare secondo la grandezza delle carote e lo spessore dello strato che vorrete stendere sulla pasta, e questo potete deciderlo solo a vostro gusto. 

    pizza con le carote al posto del pomodoro - steps

    Infornare a 220° per 15-20 minuti, dopodiché togliere la teglia dal forno per aggiungere la mozzarella (o altro formaggio a piacere), poi infornare di nuovo per completare la cottura e sciogliere la mozzarella (altri 10 minuti circa). Vi rinnovo la precisazione che il tempo di cottura può variare sia in base allo spessore dello strato di carote e alla loro umidità, sia in base allo spessore dell’impasto.

  3. Con carote cotte: Se preferite che la vostra pizza con le carote abbia un aspetto più simile alla pizza classica con il pomodoro, occorre cuocere le carote e ottenere una purea che potrà sostituire la passata di pomodoro. Potete cuocere le carote nel modo che preferite: lessandole come vostra abitudine o cuocendole in padella, oppure cuocendole al vapore o nel microonde. Il modo che io preferisco in questo caso è la cottura con il microonde perché è la più veloce e perché preserva il sapore delle carote (considerato, come sapete, che io non uso il sale). Anche la cottura a vapore è molto valida in ottica di ‘mantenimento del sapore’ ma richiede un tempo di cottura più lungo. Comunque decidiate di cuocerle, quando le carote saranno tenere dovranno essere frullate o passate al passaverdure o semplicemente schiacciate con una forchetta, per poi distribuire la purea sulla pasta stesa in teglia.

    pizza con le carote cotte al posto del pomodoro - steps

    Condire con un giro d’olio e con l’origano e infornare. È ottima anche senza aggiunta di formaggi, tipo pizza rossa… pardon, arancione.

    pizza con le carote

    Se decidete di aggiungere la mozzarella (o altro formaggio), il mio consiglio è sempre quello di aggiungerla almeno dopo metà cottura. In caso di formaggi freschi come ad esempio lo stracchino, è meglio attendere fino a fine cottura re-infornando poi la teglia solo per pochi minuti, giusto il tempo di rendere morbido lo stracchino. pizza con le carote e stracchino

    Come sempre, fatemi sapete la vostra opinione sulla ricetta! Se decidete di provarla poi mandatemi una foto!, ve la pubblicherò nella rubrica Le mie ricette fatte da voi.

    Vi aspetto sulla mia pagina Facebook ! e sulle mie bacheche Pinterest. 🙂

Consigli senza sale

senza saleSe sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di: Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione. Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino… Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta… Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci… Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia… Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale Preferire i cibi freschi. Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde) Evitare di portare in tavola la saliera! Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare. Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale: Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.