Crea sito

Orecchiette acciughe e cavolfiore con pangrattato

Orecchiette acciughe e cavolfiore con pangrattato

Prima di spiegarvi come preparare le orecchiette acciughe e cavolfiore con pangrattato, delizioso piatto che mi ha fatto scoprire qualche anno fa mia suocera, vi devo confessare che non ho mangiato orecchiette per almeno venticinque anni!

Avete presente quei piccoli traumi infantili che non si riescono a superare?

Ebbene, quando ero piccola odiavo il pomodoro in tutte le sue forme, salsa compresa (confesso che a pezzi non lo mangio nemmeno adesso, ma il sugo lo adoro!). Mia mamma, francese dal pugno di ferro, per tutta risposta non faceva che prepararmi pasta con la salsa, senza avere nemmeno l’accortezza di acquistare le passate vellutate: a lei piaceva la rustica, quella coi pezzi di pomodoro, e quella dovevamo mangiare tutti. E, sempre a lei, piacevano le orecchiette, quindi a casa mia era quasi l’unico formato disponibile.

Ora, immaginate me bambina che per finire quel piatto di pasta impiegavo circa quaranta minuti, con le orecchiette fredde incollate fra loro in mezzo alla salsa a pezzi: non vi faccio un po’ pena, eheheh?!?

Quando poi mi sono ritrovata a essere ospite da mia suocera con le orecchiette nel piatto, mi sono sentita “in dovere” di mangiare ciò che lei aveva preparato con tanto amore: che dire, non solo ho finito il piatto in un tempo largamente inferiore ai quaranta minuti che mi servivano da piccola, ma ho pure fatto il bis!

In questa preparazione, il cavolfiore diventa quasi una crema, e l’acciuga, che si scioglie in cottura, dona al piatto un piacevolissimo tocco di sapidità. Il pangrattato, che si aggiunge direttamente nei piatti, bilancia il piatto anche nelle consistenze, conferendo al tutto un delizioso tocco di croccantezza!

Insomma: questa pasta la dovete provare per forza!

Orecchiette acciughe e cavolfiore con pangrattato
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 500 g Orecchiette (fresche)
  • 1 Cavolfiore
  • 6 filetti Acciughe sott'olio
  • 1/2 Cipolle
  • Peperoncino
  • Sale
  • Olio extravergine d'oliva
  • 100 g Pangrattato

Preparazione

  1. Tagliare le cime del cavolfiore e sbollentare per 8 minuti in acqua salata.

  2. Scolare (senza buttare l’acqua di cottura), lasciare intiepidire e tagliare a pezzettini.

  3. Tritare finemente la cipolla e fare appassire in padella con un filo d’olio extravergine d’oliva.

  4. Aggiungere i filetti d’acciuga alla cipolla e far sciogliere nel soffritto (se sono grandi, eliminare le lische centrali).

  5. Unire il cavolfiore agli altri ingredienti e far insaporire qualche minuto, poi unire un mestolo d’acqua, abbassare la fiamma, coprire e lasciare cuocere per circa un quarto d’ora, aggiungendo ancora acqua se necessario.

  6. Togliere il coperchio, regolare di sale e peperoncino e schiacciare con un cucchiaio di legno il cavolfiore in cottura, così da trasformarlo quasi in una crema rustica.

    Se è ancora troppo sodo, aggiungere un altro po’ d’acqua e procedere con la cottura.

  7. Cuocere le orecchiette nell’acqua di cottura del cavolfiore e, nel frattempo, tostare il pangrattato in un padellino antiaderente.

  8. Scolare la pasta al dente e saltare qualche minuto a fiamma vivace con il condimento in padella.

    Servire completando con il pangrattato abbrustolito.

    Buon appetito!

Note e consigli:

  • Io ho utilizzato quello bianco, ma va bene qualsiasi varietà di cavolfiore;
  • Chi preferisce, può utilizzare l’aglio anziché la cipolla per insaporire il cavolfiore;
  • Se si utilizzano le orecchiette secche anziché quelle fresche, è necessario ridurre la quantità a 320 g;
  • Per una crema più liscia e vellutata, è possibile frullare il cavolfiore.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.