Ciambella bolognese (detta anche bensone o brazadela)

La ciambella bolognese è un dolce tradizionale da dispensa che viene preparato in tutta l’Emilia Romagna, assumendo però nomi diversi a seconda della zona in cui viene preparato. A Modena e a Reggio Emilia viene chiamato Bensone, a Piacenza Buslàn, mentre a Bologna e a Ferrara la troviamo con il nome di Ciambella Bolognese o Brazadela.
Qualsiasi sia il nome e la provenienza si tratta comunque di un dolce a pasta dura, quasi la consistenza di una pasta frolla, preparato con pochi e semplici ingredienti: uova, zucchero, farina e burro. Anticamente veniva usato lo strutto al posto del burro; essendo un dolce che veniva preparato perlopiù nelle famiglie contadine, lo strutto era facilmente reperibile.
La ciambella bolognese è ottima in ogni momento della giornata; è ottima a colazione o a merenda ma è perfetta anche per il fine pasto, accompagnata da un buon bicchiere di vino rosso. E’ un dolce che, conservato in luogo fresco e asciutto (non in frigorifero ovviamente …) si mantiene per diversi giorni; come succede a tutti i dolci contenenti una buona dose di burro, il suo sapore migliora con il tempo.
La versione originale non prevede farcitura; per renderlo più appetibile e più adatto alla merenda io l’ho farcito con crema di nocciole. E’ buono anche con la confettura o semplicemente così, al naturale.
Come succede a tutte le ricette di famiglia, esistono varie versioni di questo dolce; gli ingredienti sono sostanzialmente gli stessi, cambiano solo le proporzioni, soprattutto nella dose del burro. Io mi sono affidata ad una fonte autorevole, Natalia Cattelani, e devo dire che non mi ha deluso neppure stavolta. Qui trovate la ricetta del suo bensone.

ciambella bolognese ricetta bensone
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Per preparare la ciambella bolognese occorrono:

Come ho scritto sopra la farcitura è facoltativa. Potete ometterla, oppure sostituire la Nutella con crema di nocciole fatta in casa (ricetta qui) o della buona confettura.
Se non avete la farina 0 va bene anche la comunissima farina 00.
  • 500 gFarina 0
  • 200 gZucchero
  • 2Uova
  • 1Tuorlo
  • 150 gBurro
  • q.b.Scorza di limone
  • 1 bustinaLievito in polvere per dolci
  • 1 bicchierinoLiquore all’anice (o Sassolino )
  • 400 gNutella® (o confettura )
  • q.b.Granella di zucchero
  • q.b.Latte

Strumenti

Per preparare la ciambella bolognese non servono strumenti particolari; è un impasto che si prepara facilmente anche a mano. L’unico strumento che mi sento di consigliarvi è la teglia microforata che io utilizzo per i biscotti e le crostate. I fori consentono ai dolci di cuocere perfettamente sia sopra che sotto. La trovate su Amazon collegandovi a questo link di acquisto: Teglia microforata De Buyer
  • 1 Spianatoia
  • 1 Leccarda
  • 1 Ciotola
  • Carta forno

Come preparare la ciambella bolognese:

Prima di cominciare a preparare la ricetta togliere il burro dal frigo almeno un’ora prima (in estate basta meno) e le uova.
L’impasto può essere preparato anche utilizzando un robot da cucina con le stesse modalità.
Preriscaldare il forno in modalità statico a 170°.

Procedimento:

  1. In una ciotola capiente o direttamente sulla spianatoia, setacciare la farina con il lievito e formare un cratere al centro. Rompere le uova all’interno, aggiungere il burro morbido tagliato a pezzetti, lo zucchero, la buccia di limone grattugiata e mescolare il tutto. All’inizio amalgamare con una forchetta, poi a mano.

  2. Quando l’impasto comincerà a prendere consistenza aggiungere il liquore, quel tanto che basta per ottenere un impasto liscio e omogeneo, compatto ma morbido. L’impasto deve risultare simile a quello di una morbida pasta frolla.

  3. ciambella bolognese farcitura interna

    Ricavare un quadrato delle dimensioni di circa cm 25 x 25 e distribuire la farcitura scelta all’interno, lasciando liberi i bordi. Ripiegare la ciambella facendo tre pieghe e avendo cura di sigillare bene i bordi.

  4. A questo punto posizionare la ciambella direttamente sulla carta forno (o sul foglio di silpat) mettendola sottosopra, in modo che il segno di giuntura rimanga sotto. Praticare una leggera incisione al centro, per tutta la lunghezza del dolce.

  5. Spolverizzare con granella di zucchero e spennellare con il latte. Mettere in forno e cuocerla per circa 45 minuti. Al termine della cottura la ciambella dovrà essere ben dorata in superficie.

  6. Lasciarla raffreddare. Servirla tagliata a fette e conservarla in luogo fresco e asciuttto.

  7. ciambella bolognese bensone

Altri dolci da dispensa

Se ti è piaciuta questa ricetta prova anche queste; sono semplici dolci da dispensa, ottimi sia per colazione che per accompagnare un buon vino da dessert.

Mantovana dell’Artusi, Sbriciolata con ricotta e amaretti, Pandolce genovese. Per la ricetta che ti interessa clicca sulla foto corrispondente.

mantovana prato artusi. sbriciolata ricotta e amaretti 01. pandolce genovese luisa Allacciate il grembiule

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.