Insalata di cavolo cinese

Vi propongo una gustosissima insalata di cavolo cinese, anzi no… facciamo due. 😉

insalata di cavolo cinese

Avete mai provato il cavolo cinese? Provatelo in insalata, è ottimo!

Il cavolo cinese viene chiamato anche verza cinese e infatti, come la verza, ha le foglie leggermente arricciate. E’ simile nel sapore al cavolo cappuccio, forse un po’ più delicato. Ha foglie allungate, in cespi che ricordano la lattuga romana. Si presta molto bene ad essere usato a crudo nelle insalate, oppure saltato in padella.

Qui a casa mia i cavoli, in tutte le varietà esistenti, non sono visti di buon occhio (o meglio, di buon naso) perché l’odore, chiamiamolo così, che sviluppano in cottura risulta decisamente sgradito a più di un componente della mia famiglia (non farò nomi!!).
Per questo, oramai da anni ho preso l’abitudine di:
– chiedere a mia mamma di cuocerli al posto mio
– cuocere i cavoli in assenza dei familiari di cui sopra, preferendo le cotture veloci (ad esempio i broccoli o il cavolo cinese saltati in padella) e rigorosamente a finestre spalancate
– mangiare i cavoli crudi, opzione decisamente favorita, gradita a tutti senza lamentele, e che io per prima gradisco perché è il metodo che più mi si addice: pratico e veloce.

E poi, diciamolo, tutto ciò che è consumato crudo mantiene inalterate le proprietà nutritive, in primis le vitamine. E con la mia insalata di cavolo cinese odierna so di aver fatto il pieno di vitamine. E di sali minerali.
Il cavolo cinese infatti, come le altre varietà di cavolo, contiene vitamina A, B1, B2, B9 (acido folico), PP, C, K, U. Contiene inoltre fosforo, calcio, ferro, zolfo, potassio, rame, magnesio, iodio (info tratte da qui).

Eccolo qua il mio bellissimo cavolo cinese:

cavolo cineseCerto, questa insalata di cavolo cinese è una semplice insalata, condita semplicemente con olio e aceto. Ma non è un’insalata banale. E’ gustosa, fresca, croccante e saporita. Sì, è saporita anche in assenza di sale! Fate tesoro di questa informazione, se state seguendo un’alimentazione iposodica. 😉
Io l’ho condita in modo semplice, ma può essere arricchita con noci, pinoli, sesamo o semi di lino tostati.
Ma naturalmente un’insalata di cavolo cinese può essere preparata in tante varianti, con altre verdure e condimenti, per abbinamenti di sapori che solo i gusti personali possono limitare.
Vi suggerisco una semplicissima variante: cavolo cinese, radicchio rosso e cipolla, un connubio di sapori decisi addolciti dall’aceto balsamico (foto in coda alla ricetta).

Insalata di cavolo cinese

Ingredienti (in quantità a piacere)
cavolo cinese
olio evo
aceto (oppure succo di limone)
pepe

Ingredienti versione con radicchio e cipolla
cavolo cinese
radicchio rosso
cipolla
olio evo
crema di aceto balsamico

Procedimento
Lavare il cavolo cinese e tagliarlo a listarelle più o meno sottili a seconda del gusto personale.
Condire semplicemente con olio e aceto (ma anche con il limone a me piace molto) e una generosa spolverata di pepe.

Per la versione con radicchio e cipolla:
Lavare e affettare sottilmente il cavolo cinese e il radicchio rosso.
Pelare e affettare la cipolla. Lavarla ed eventualmente tenerla a bagno per una decina di minuti (se la ritenete troppo forte).
Condire con olio e aceto balsamico in crema.
(la foto è in fondo, scorrete un po’ 🙂 )

Mescolare e gustare.
Servire con pane abbrustolito, oppure il mio consiglio è di aggiungere dei crostini di pane all’insalata come avevo fatto in questa mia ricetta (ve la ricordate?).

Senza saleTutte le verdure sono ottime senza sale, soprattutto le verdure dai gusti decisi come cipolla, radicchio e cavolo. Provateci, a condire questa insalata di cavolo cinese senza usare il sale! 😉
Se poi… proprio non ci riuscite… potete sostituire il sale con il gomasio, che è perfetto nelle insalate.

Prima di salutarvi, vi ricordo che potete seguirmi sulla pagina Facebook.
E vi invito a leggere i consueti consigli senza sale:

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

insalata di cavolo cinese e radicchio

 

Precedente Corso di cucina vegetariana e vegana - terza lezione Successivo Pasta di farro con broccoli e taleggio DOP

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.